CRL: misure della crescita fetale - GravidanzaOnline

Anonimo

chiede:

Gentile Dottore,
ho 28 anni e sono alla mia seconda gravidanza. Le ultime mestruazioni sono iniziate l’11 luglio 2003 ma poiché il mio ciclo è molto irregolare (arriva anche a 40/42 giorni) supponiamo che l’ovulazione e il successivo concepimento sia avvenuto intorno al 10 di agosto. Il test di gravidanza effettuato il 20 agosto dava risultato negativo mentre un secondo effettuato il 27 agosto è risultato positivo con una linea piuttosto leggera. In base all’ecografia effettuata il 23 settembre il feto risultava di 8 settimane (mentre avrei dovuto essere a 10+5) e quindi con una differenza di quasi 3 settimane. In base a questi dati ho prenotato il Bitest per il giorno 16 ottobre calcolando che in quel periodo avrei dovuto essere alla 12° settimana ma mi hanno rimandato l’esame di altre 15 giorni poiché la misura del CRL risultava essere 39 mm e quindi troppo piccola per ottenere dati veritieri.

Preoccupata mi sono rivolta al mio ginecologo che mi ha detto che la misura del CRL di 39 mm corrisponde ad una datazione di 10 settimane e che il feto parrebbe non crescere in maniera sufficiente. Mi ha dato appuntamento a martedì (fra 5 giorni) e mi ha detto che se a quell’epoca il feto non misurerà almeno 4.1 mm allora ci sarebbe da preoccuparsi. Io sono molto allarmata e mi sono rivolta a lei sperando di aver indicato tutti i dati necessari ad una corretta valutazione del caso. In attesa di una sua gentile risposta, cordiali saluti.

Gentile Mimosa,
ha mancato di riportarmi quale era il CRL del 23 settembre ma dà per scontato che corrispondeva a 8 settimane. A quell’epoca la datazione ecografica è molto precisa. Anche con un CRL di 39 mm è possibile ancora datare con precisione la gravidanza. Quindi è probabile che una delle due misure sia lievemente errata: dico lievemente perché il 16 ottobre, se la prima datazione era corretta, doveva essere a 11 settimane + 1 giorno e quindi 39 mm è appena appena inferiore, come a dire nel complesso in accordo con il precedente esame. C’è un piccolo margine di errore accettabile fra più misure, specie se effettuate da operatori diversi. Non ho mai avuto esperienza di ritardo di accrescimento ad un epoca così precoce, per cui escludo che si possa diagnosticare un simile inconveniente a quest’epoca. In genere o la gravidanza procede regolarmente, oppure, purtroppo,
semplicemente si interrompe. Se nel suo caso è stata regolarmente visualizzata l’attività cardiaca del bimbo, a mio avviso, può star tranquilla e, la prego, pensare ad altro. Cordiali saluti.

* Il consulto online è puramente orientativo e non sostituisce in alcun modo il parere del medico curante o dello specialista di riferimento

Fai la tua domanda Tutte le domande
Ti è stato utile?
Non ci sono ancora voti.
Attendere prego...

Specializzazione

  • Ginecologo