Asimmetria dei plessi corioidei: il feto sta bene? - GravidanzaOnLine

“Un’asimmetria dei plessi corioidei del feto può nascondere qualche problema?”

Anonimo

chiede:

Salve, circa dieci giorni fa (settimana di gestazione 12+4) il mio ginecologo ha riscontrato un’asimmetria dei plessi corioidei nella mia piccola. Lo stesso giorno abbiamo effettuato il prelievo per il test del DNA fetale. Ieri dal risultato del test è risultato essere tutto nella norma. Volevo chiedere se questa asimmetria può essere indicatore di qualche altro problema o possiamo stare più sereni? Cos’altro bisogna fare? Dobbiamo approfondire con altri esami? Ringrazio anticipatamente.

Dott. Luca Zurzolo

Dott. Luca Zurzolo

risponde:

Gentile signora, i plessi corioidei sono strutture cerebrali che producono il liquido cefalorachidiano. Il riscontro di un’asimmetria o la eventuale presenza di cisti di tali plessi sono reperti molto diffusi che interessano circa l’1% di tutte le gravidanze: solitamente spariscono con lo sviluppo fetale e possono essere monitorati con i futuri esami ecografici. In rari casi, solitamente associati ad altre anomalie ecografiche, possono essere la spia di patologie cromosomiche fetali, questo evento è estremamente raro e voi lo avete comunque escluso con il test del DNA. Stia serena e prosegua i controlli ecografici con il suo ginecologo. Cordiali saluti.

* Il consulto online è puramente orientativo e non sostituisce in alcun modo il parere del medico curante o dello specialista di riferimento

Fai la tua domanda Tutte le domande
Ti è stato utile?
Rating: 5.0/5. Su un totale di 1 voto.
Attendere prego...

Specializzazione

  • Ginecologo

Categorie