Alterazioni della placenta | GravidanzaOnLine

Anonimo

chiede:

Gentile dottore, la mia prima gravidanza a 37 anni è terminata con cesareo a 33 sett. per iposviluppo dovuto a placenta edematosa (a 13 sett ho avuto grossa emorragia risolta). La bimba ora è sanissima. Da 13
anni dopo una cura di cortisone o altro antivirale per tonsillite, la glicemia nel sangue (mai nelle urine) era sempre appena di poco sopra i limiti
tanto che alcuni medici mi dicevano di soprassedere e solo non esagerare negli zuccheri. Ora un ginecologo mi ha detto che la placenta edematosa può
essere dovuta a malfunzionamento del pancreas che in condizioni normali non mi dà problemi ma in gravidanza non ce la farebbe. Dice che posso tentare
un’altra gravidanza ma facendo curva da carico e se mai prendendo insulina in quel periodo. Potrei così essere sicura di non avere un altro bimbo prematuro? Inoltre da poco ho perso alla 9 settimana con emorragia il mio bambino (nessuno mi aveva detto che un’altra gravidanza sarebbe stata come la
prima, anzi tutti dissero che non c’era motivo di non tentare e io mi sono
fidata! solo un ginecologo consultato prima di questo di cui descrivo diagnosi, ha vagamente asserito che io sono una che produce placente brutte senza altro specificare). Che ne pensa? Posso riprovarci? Ci terrei tanto ma non
vorrei trovarmi nei guai della prima gravidanza.
La ringrazio di cuore.

Cara Signora,
le alterazioni della placenta possono riconoscere diverse cause, alcune delle
quali sono legate a quella gravidanza e basta e quindi non si ripetono nelle
successive, oppure più frequentemente queste alterazioni sopraggiungono in
ogni gravidanza. Spesso le alterazioni della placenta riconoscono cause
metaboliche o vascolari materne. È utile pertanto un’attenta valutazione
principalmente dei sistemi vascolari (insufficienza venosa….ecc) e
metabolici (alterazioni epatiche, pancreatiche, ecc). Utile anche uno
screening autoimmunitario prima di instaurare un’altra gravidanza.
Cordiali saluti

* Il consulto online è puramente orientativo e non sostituisce in alcun modo il parere del medico curante o dello specialista di riferimento

Fai la tua domanda Tutte le domande

Specializzazione

  • Ginecologo