Anonimo

chiede:

Salve dottore, le scrivo perché sono impaurita e molto confusa… ho avuto un’acne molto forte qlk mese fa ed ho assunto retinoidi. Ora ho ancora viso con macchie e ahimè moltissime cicatrici dato che il retinoidi mi ha ridotto la cicatrizzazione… il ginecologo mi ha prescritto solo chirofol 500 2 vlt al giorno. I miei dosaggi ormonali sono nella norma, ho ovaie micropolicistiche. E mi sa che i recettori per gli androgeni sono ipersensibili. Adesso, passati due mesi dall’inizio di chirofol 1000 mg al giorno mi stanno comparendo bollicine rosse sul viso. Mi sa che è dato da chirofol… io ho paura che l’integratore non sia sufficiente x tenere a bada la mia acne che quando si presenta é molto aggressiva… Potrebbe darmi un consiglio? Secondo lei dovrei assumere anche una pillola?

Redazione

Redazione

risponde:

Gentile signorina,
l’effetto metabolico del chiroinositolo sull’eventuale (afferma di avere valori ormonali nella norma) iperandrogenismo si esplica dopo diversi mesi di assunzione, la terapia che dà più rapidamente risultati è la pillola (magari con aggiunta di isotretinoina, in casi ritenuti meritevoli di tale terapia). Per l’eruzione cutanea è opportuno consultare anche un dermatologo. Cordiali saluti.

* Il consulto online è puramente orientativo e non sostituisce in alcun modo il parere del medico curante o dello specialista di riferimento

Fai la tua domanda Tutte le domande

Specializzazione

  • Ginecologo