Candida al seno in allattamento: cos'è, quali sono le cause e come si cura

La candida al seno può essere molto dolorosa, ma non serve interrompere l'allattamento: scopriamone cause e rimedi.

Durante la gravidanza e l’allattamento, il seno non solo subisce numerose trasformazioni, ma può andare incontro anche ad alcune patologie. La candida al seno può svilupparsi durante l’allattamento e in alcuni casi può renderlo molto difficoltoso.

Vediamo come si contrae, quali sono i sintomi e come curarla.

Candida: cos’è e quali sono le cause

La candida al seno, come la più nota candida vaginale, è un’infezione micotica: la più comune è la Candida albicans, una tipologia di fungo che si trova normalmente all’interno del corpo umano, in particolare nell’apparato digerente, nelle vie respiratorie e nei genitali femminili. In alcune situazioni di particolare fragilità o compromissione del sistema immunitario, il fungo può attaccare i tessuti dando origine all’infezione, detta candidosi.

Come per tutte le tipologie di candida, tra le cause che favoriscono lo sviluppo dell’infezione ci sono lo stress, difese immunitarie abbassate, allergie, assunzione di antibiotici, abuso di alcol o di zuccheri, squilibri nella flora intestinale. Le donne che hanno subito un taglio cesareo e assumono antibiotici possono essere soggette a questa infezione, così come chi ha già candida vaginale o ha subito traumi al capezzolo.

Seno in gravidanza: come si trasforma, trimestre dopo trimestre

La candida al seno in allattamento

La candida può presentarsi in tutte le fasi dell’allattamento al seno, sia nei giorni immediatamente successivi al parto che anche dopo mesi. Può colpire un solo seno ma più comunemente si presenta su entrambi: per questo motivo, proseguire con l’allattamento può essere molto doloroso (un dolore che peggiora nei casi in cui l’infezione non sia individuata e trattata rapidamente).

Sebbene possa risultare difficoltoso per la madre, allattare mentre si sta curando un’infezione da candida è sicuro per il piccolo. Se l’attacco risulta troppo doloroso è possibile valutare con un’ostetrica o un consulente all’allattamento la possibilità di effettuare la spremitura del latte materno, da offrire al bambino con altri metodi (cucchiaino, tazzina o biberon nei casi in cui l’allattamento sia già ben avviato) in attesa dell’effetto della terapia e della diminuzione del dolore.

Candida al seno: i sintomi

La candida al seno può presentarsi sia nella madre che nel bambino, poiché l’infezione si trasmette durante l’allattamento, dal seno alla bocca e viceversa.

La madre può presentare sintomi come:

  • Capezzoli lucidi, che diventano progressivamente rosa intenso o rossi (tranne dopo la poppata, dopo cui diventano bianchi);
  • Prurito, desquamazione, screpolature o lacerazioni nei capezzoli, che in alcuni casi sono ricoperti da una patina biancastra;
  • Sensibilità ai capezzoli e aumento della temperatura;
  • Dolore intenso durante e dopo la poppata, che peggiora progressivamente ogni volta che il bambino si attacca;
  • Sintomi a livello vaginale: prurito ai genitali, dolore durante i rapporti, dolore durante la minzione, infiammazione, perdite biancastre.

Nel bambino, invece, i sintomi della candida si localizzano soprattutto nella zona buccale o genitale:

  • Patina o macchie biancastre sulla mucosa orale, generalmente nella zona interna delle guance e sulla lingua: è il cosiddetto “mughetto”, riconoscibile perché a differenza dei residui lattei non può essere rimosso;
  • Eruzione cutanea nella zona del pannolino;
  • Difficoltà nella suzione;
  • Irrequietezza prima o durante la poppata.

Non è detto che tutti i sintomi della candida al seno si presentino simultaneamente, anzi: sono frequenti i casi in cui l’infezione si sviluppa senza segnali visibili o con sintomi comuni a molte altre condizioni, rendendo molto difficile diagnosticarla e curarla efficacemente. Per questo, nei casi di dolore intenso durante la poppata – che si manifesta con la sensazione di fitte in profondità o “spilli che pungono” – è importante rivolgersi al medico, perché possa analizzarne le cause.

I rimedi per la candida al seno

Un trattamento tempestivo della candida al seno è fondamentale per evitare un passaggio ripetuto dell’infezione dalla mamma al bambino e viceversa: per questo motivo, l’Istituto Superiore di Sanità raccomanda l’utilizzo di un farmaco antimicotico per entrambi.

Dopo la diagnosi, è il medico a prescrivere il trattamento più adeguato, che consiste generalmente in un farmaco locale per i capezzoli e la cura del piccolo. In alcuni casi, lo specialista può valutare una terapia anche per il partner, in particolare se la madre presenta anche candidosi vaginale. La terapia farmacologica per bocca non è necessaria se non in alcuni casi specifici.

Come prevenire la candida al seno?

Non è possibile escludere il rischio di contrarre un’infezione da candida al seno, nondimeno è possibile minimizzare le possibilità facendo il modo che tutta la famiglia utilizzi delle accortezze per ridurre lo sviluppo e la diffusione dell’infezione, ad esempio:

  • Lavare accuratamente le mani (in particolare dopo il cambio del pannolino);
  • Non condividere gli asciugamani con gli altri membri della famiglia;
  • Lavare e sterilizzare ciucci, tettarelle e giocattoli che possono entrare in contatto con la bocca del bambino;
  • Cambiare frequentemente le coppette assorbilatte (se si utilizzano quelle riutilizzabili, lavarle a una temperatura di minimo 60°);
  • lavare asciugamani, vestiti del bambino e reggiseni della mamma ad alta temperatura, soprattutto se si sospetta di aver contratto l’infezione.

Articolo originale pubblicato il 14 giugno 2022

Seguici anche su Google News!
Ti è stato utile?
Non ci sono ancora voti.
Attendere prego...

Categorie

  • Allattamento