featured image

Parotite

Parotite (orecchioni, gattoni)

È una malattia contagiosa che si trasmette con le goccioline di saliva emesse con la tosse, con gli starnuti o parlando a distanza ravvicinata. Dopo un periodo medio di incubazione di 16-18 giorni, si manifesta con febbre, mal di testa, dolori muscolari, perdita di appetito e determina di solito gonfiore di una o più ghiandole salivari poste ai lati delle orecchie, ma anche sotto la lingua o sotto la mandibola.

La parotite guarisce in circa una settimana, ma può complicarsi dando:

  • meningite nel 10% dei casi;
  • infiammazione del pancreas nel 4% dei casi;
  • sordità permanente in 1 caso ogni 10.000 ammalati.

L’infezione acquisita dopo la pubertà può causare infiammazione dei testicoli nel 30% dei casi o delle ovaie nel 5% dei casi.

Non esiste una terapia specifica contro la parotite, ma può essere prevenuta con una vaccinazione sicura ed efficace (unica e valida contro tre malattie: il morbillo, la rosolia e la parotite).

Il vaccino può dare degli effetti collaterali lievi e di breve durata, come dolore, rossore e gonfiore sul punto di iniezione, oppure febbre lieve o moderata, modesta comparsa di macchie o chiazze rossastre sulla cute, ingrossamento dei linfonodi e gonfiore delle articolazioni. Gli effetti collaterali si manifestano in genere dopo 7-10 giorni dalla vaccinazione. Vi è assoluta certezza scientifica, comunque, che un bambino vaccinato è molto più al sicuro di un bambino non vaccinato, per cui si raccomanda che i bambini ed i ragazzi siano vaccinati con il vaccino anti morbillo-parotite-rosolia (MPR) per proteggerli.

Per ulteriori informazioni sul vaccino MPR, rivolgersi con fiducia al centro vaccinale della propria ASL di residenza o al proprio pediatra o medico di fiducia.

condivisioni & piace a mamme