Pelle in gravidanza: come cambia e come proteggerla - GravidanzaOnLine

I 5 cambiamenti della pelle in gravidanza

Sapere come cambia la pelle in gravidanza, permette alle donne in dolce attesa di essere "pronte a tutto" e riuscire a prevenire o rimediare i mutamenti indesiderati.

La crescente curva del pancione segnerà il più netto mutamento dell’aspetto fisico della donna in dolce attesa. Non si tratta, però, dell’unica “trasformazione” del corpo femminile. Il viso, le gambe, i fianchi e altre zone possono modificarsi per via degli ormoni, che saranno diversi dal solito. Come cambia la pelle in gravidanza?

In tanti modi e tutti diversi tra loro. Si tratta di uno dei molteplici aspetti che caratterizza la gestazione e, esattamente come i disturbi più frequenti in gravidanza, possono riguardare, o meno, poche o tante donne.

Ognuna, insomma, reagirà in modo diverso e potrà fare i conti, ad esempio, con la maschera gravidica (cloasma), le smagliature o la linea alba.

Scopriamo tutto su come cambia la pelle in gravidanza, per essere preparate, sapere perché accadono i mutamenti e come agire in tempo.

Pelle in gravidanza: i 5 cambiamenti più frequenti

Anche la pelle, dunque, è sottoposta a cambiamenti più o meno visibili ma tutti caratteristici della dolce attesa.

1. Il cloasma gravidico

In gravidanza è possibile osservare modifiche nella pigmentazione della pelle. Alcune zone del corpo potrebbero apparire più scure del solito. Sul viso questa pigmentazione particolare prende il nome di cloasma gravidico, o maschera gravidica.

Oltre a questa parte del corpo, le macchie scure possono interessare anche labbra, zigomi, fronte, seno, genitali e pancia.

Tra le possibili cause troviamo una possibile predisposizione genetica e l’azione degli ormoni, che modificano le cellule responsabili della produzione di melanina.

La pelle tende a tornare nella normalità dopo il parto, ma può essere utile agire con azioni mirate per contrastarlo, come peeling e creme schiarenti. Inoltre, in estate soprattutto, ma anche durante la stagione invernale o quando non si va al mare, bisogna utilizzare una crema con fattore di protezione (SPF) 15.

2. Il “bagliore” da gravidanza

Continuiamo a occuparci di come cambia la pelle del viso e, in particolar modo, del bagliore in gravidanza. Cos’è? Sicuramente vi sarà capitato di sentir dire che “la donna incinta si riconosce per il viso più luminoso”.

Al di là della frase, il concetto è abbastanza chiaro. Il viso della futura mamma si illumina durante i 9 mesi. Non si tratta di un difetto, anzi, purché la pelle non sia molto grassa.

Accade questo: gli ormoni, che lavorano maggiormente in gravidanza, permettono alle ghiandole di produrre maggiore olio, rendono il viso brillante. Il bagliore è un mutamento che piace, una vera e propria benedizione, ma se si ha la pelle grassa, può provocare una sovrapproduzione di sebo e acne.

Per contrastare la lucidità e combattere anche possibili brufoletti, conviene usare un sapone per lavare e, in un certo senso, “seccare” la pelle, un tonico astringente, dei detergenti oil free e dei prodotti opacizzanti.

Faby

chiede:

3. La linea alba

Abbiamo già fatto riferimento a delle macchie sulla pancia, parlando del cloasma. Se, però, si nota una linea dritta e scura, che da poco sotto il seno raggiunge il basso ventre, attraversando l’ombelico, allora si tratta della linea alba.

Compare per via dell’azione del progesterone e degli estrogeni. La linea alba interessa in particolar modo le donne con una tonalità di pelle più scura, perché l’alterazione della melanina (la pigmentazione della pelle) è più evidente.

In genere, più o meno come tutti gli “strani” mutamenti in gravidanza, anche questa scompare dopo il parto. Non lo farà magicamente all’improvviso, ma lentamente svanirà.

4. Le smagliature

In tante temono le smagliature in gravidanza, che possono comparire su pancia e fianchi, ma anche sul seno in allattamento. Per capire perché ciò accade, è importante comprendere che le smagliature sono strappi della pelle, che subisce delle modifiche rapide e importanti.

In gravidanza deve “stendersi” col pancione e fare spazio al feto. Dopo il parto, invece, deve ritornare allo stato di partenza.

Per riuscirci bene, bisogna avere la pelle elastica, soprattutto nel corso del terzo trimestre. In caso contrario, è possibile che compaiano le smagliature sul pancione e non solo. È anche importante ricordare che, ancora una volta, gli ormoni giocano un ruolo fondamentale. Infatti questi alterano le fibre della pelle, rendendola più debole.

Prevenire le smagliature si può, o almeno un tentativo si può fare. Per dare elasticità alla pelle, è importante che questa sia idratata, quindi bere acqua è fondamentale.

Le creme elasticizzanti, molte delle quali formulate proprio per donne incinte, servono moltissimo. Vale lo stesso per gli oli addolcenti, tra cui l’olio di mandorla, tra i must have delle future mamme.

5. I capillari

Anche i capillari vengono modificati: gli estrogeni provocano una perdita di elasticità delle pareti vascolari, con la conseguente comparsa di capillari dilatati.

Questa modifica diventa più evidente con il procedere della gravidanza, con l’aumento delle dimensioni dell’utero e, in generale, del peso corporeo.

Per migliorare la circolazione è utile fare movimento e praticare una regolare attività fisica, poiché una eccessiva sedentarietà potrebbe peggiorare la situazione.

Come proteggere la pelle in gravidanza: i consigli

Abbiamo scoperto come cambia la pelle in gravidanza e per ciascun mutamento abbiamo indicato una soluzione per prevenire o rimediare.

Vogliamo però ricordare che basta eseguire due semplici pratiche, da personalizzare in base alle proprie esigenze, per non farsi trovare impreparate:

  1. Idratare ed elasticizzare la pelle nei punti “critici”. Tutte le parti del corpo che subiscono mutamenti devono essere curate con attenzione. Viso, seno, pancia e fianchi possono subire cambiamenti importanti ed è fondamentale far sì che siano in forma. In base al proprio tipo di pelle e considerando anche le possibili alterazioni, bisogna usare creme idratanti, elasticizzanti, oli addolcenti e, sul viso in particolar modo, cosmetici con protezione solare. Ovviamente, in estate, la crema solare protettiva SPF 50 è d’obbligo.
  2. Fare movimento ed evitare di stare sempre sedute è fondamentale per evitare la rottura dei capillari e un brusco aumento di peso. Ciò aiuterà non solo a rimanere in forma, ma anche a ritrovare la silhouette dopo essere diventate mamme.
Ti è stato utile?
Rating: 5.0/5. Su un totale di 3 voti.
Attendere prego...

Categorie

  • Gravidanza