Translucenza nucale in età gestazionale over | GravidanzaOnLine

Anonimo

chiede:

Gentile dottore,
ho trentacinque anni e mi è capitata la spiacevole coincidenza di
ritrovarmi in procinto di effettuare il duo test e vedere solo la
translucenza nucale a causa di un probabile errore nella datazione
dell’età gestazionale.
Ero alla 13+3 ma la lunghezza di 85-88 mm ha fatto pensare all’ecografista
a un’età gestazionale over (14+1). Ha comunque preso la misura della TN
(3,2) aggiungendo però che a quelle condizioni poteva essere un valore
falsato. Il successivo prelievo del sangue ovviamente è saltato. Osso
nasale non misurato causa posizione inadatta.
Volevo sapere se quella misura di TN fuori dal range di settimane adatte
per il test è davvero così grave. Se fosse stata effettuata l’ecografia
nel periodo giusto il valore avrebbe potuto essere inferiore o addirittura
superiore?
Devo considerarlo comunque un dato serio per prendere in considerazione
l’amniocentesi senza provare un tritest? E un’ecografia premorfologica non
potrebbe darmi un ulteriore aiuto per prendere una decisione?
La ringrazio in anticipo

Redazione

Redazione

risponde:

Cara Daniela, se vuole può leggere su GOL oppure sul mio blog “diagnosi prenatale alla lente di ingrandimento” per informazioni maggiormente dettagliate sull’argomento.
Ad ogni modo eseguire in ritardo la TN comporta alcuni problemi:
– un valore alterato di TN può normalizzarsi alla 14 o 15 sett.
– il programma non accetta il crl per calcolare l’indice di rischio, a mio parere questa è cosa non grave in quanto ciò che conta maggiormente è la valutazione anatomica.
Un valore di 3.2 mm di TN è sicuramente sopra la media, e, semplificando, comporta un rischio aumentato (parlo ovviamente di rischio, non di certezza), per cromosomopatie ed altre condizioni.
Ricordo inoltro che le ossa nasali sono due, e non una.
Non ho fiducia nel bitest integrato.
Una premorfologica sicuramente è consigliabile in ogni gravida, anche se una perfetta normalità, pur rendendo sicuramente ottimisti, non esclude le presenza di aneuploidie o problemi cromosomici.
Ho espresso il mio modo di vedere a riguardo delle manovre invasive nell’articolo citato all’inizio di questa mail.
Secondo me infatti andrebbero riservate solo a chi interromperebbe sicuramente la gravidanza in caso di problemi, in quanto sottendono un rischio, sicuramente non elevatissimo ma non trascurabile, di complicanze.
Un saluto

* Il consulto online è puramente orientativo e non sostituisce in alcun modo il parere del medico curante o dello specialista di riferimento

Fai la tua domanda Tutte le domande

Specializzazione

  • Ginecologo