L'esame del DNA fetale è affidabile? - GravidanzaOnLine

“L’esame del DNA fetale è affidabile? Posso tranquillizzarmi?”

Anonimo

chiede:

Salve, ho 36 anni e sono alla mia seconda gravidanza (13+2). Durante la prima non ho avuto nessun problema e la bimba è sanissima. Ho eseguito il Bitest ed è risultato un rischio positivo per la Trisomia 18/13 all’esame biochimico, 1:125. Per la Trisomia 21, invece, il rischio è basso. Avevo già deciso, su consiglio del ginecologo, di effettuare il DNA fetale Aurora, che per fortuna è negativo. I risultati sono arrivati lo stesso giorno e anche se so che, pur essendo screening e non esami diagnostici, il DNA fetale è molto più affidabile del Bitest, ma mi sento un po’ preoccupata ugualmente. In attesa di far leggere i referti al ginecologo, che per telefono mi ha detto di stare tranquilla, chi mi può aiutare a interpretare i valori? È possibile che i valori siano stati alterati dal fatto che ho un distacco amniocoriale di circa 38mm? Nel mio caso diventa più rischioso fare l’amniocentesi? Riporto i referti qui sotto.
Free beta hCG 1T : 11,94 Ul/L 0,24 MoM (Troncato a 0,3 MoM) Che significa?
PAPP-A: 2,07 Ul/L 0,62 MoM
CRL: 56 mm
Translucenza nucale: 1,4 mm 0,95 MoM

Buongiorno signora, dai dati che vedo mi sento di poterla tranquillizzare. Non mi pare ci siano criticità particolari, visto che ha anche eseguito un test di NIPT. Il MoM a cui si riferisce è stato solo corretto ad un valore quasi simile. È particolarmente  importante il valore della NT, che è normale.

* Il consulto online è puramente orientativo e non sostituisce in alcun modo il parere del medico curante o dello specialista di riferimento

Fai la tua domanda Tutte le domande
Ti è stato utile?
Rating: 5.0/5. Su un totale di 2 voti.
Attendere prego...

Specializzazione

  • Genetista