Spiegare il coronavirus ai bambini - GravidanzaOnLine

Come spiegare il coronavirus ai bambini? I consigli della psicologa

Come spiegare ai bambini il coronavirus e i suoi effetti, come le scuole chiuse, le attività sospese e il clima di preoccupazione che si respira? I consigli della dottoressa Sara Lanzini, psicologa.

In questi giorni così impegnativi e caratterizzati da un grande stravolgimento delle abitudini e della quotidianità è importante poter rispondere correttamente alle domande dei bambini, spesso difficili e che ci mettono a dura prova, relativamente ad un argomento complesso com’è quello del Coronavirus.

È fondamentale partire dal fatto che, anche in questo caso ai bambini è importante dire sempre la verità: non dimentichiamo infatti che, benché sia necessario fornire le giuste spiegazioni ai piccoli senza enfatizzare ulteriormente, ma anzi ridimensionando, questo clima di ansia e paura i bambini percepiscono la preoccupazione degli adulti e spesso fanno molte domande alle quali non sempre ci sentiamo in grado di rispondere.

Ascoltiamoli e rispondiamo alle loro domande

Il primo passo è quello di accogliere sempre i quesiti e le preoccupazioni dei nostri figli fornendo loro uno spazio nel quale possano sentirsi compresi e accolti. È proprio l’accoglienza, la gestione della loro eventuale paura che deve guidare le risposte dei genitori.

Per far loro comprendere quello che accadendo, perché sono a casa da scuola, perché spesso vedono persone con la mascherina è giusto innanzitutto spiegargli con le giuste parole che cos’è il Coronavirus, perché fa tanta paura e ancora di più perché invece non hanno motivo di spaventarsi.

Il “minuscolo mostriciattolo”

L’ideale sarebbe partire dicendo che si tratta di un virus, una sorta di minuscolo mostriciattolo che non può essere visto ad occhio nudo come ad esempio accade per il virus dell’influenza: la differenza sta nel fatto che questo minuscolo mostriciattolo è nuovo e nessuno, neanche gli scienziati, lo conoscevano prima di iniziare a studiarlo.

Ecco quindi che è qui che si affronta la questione della paura: quello che non conosciamo ci fa paura ed è per questo che anche gli adulti ora possono essere un po’ spaventati.

Altrettanto importante è però specificare ai bambini che gli adulti si sono attivati nel miglior modo possibile per imparare a conoscere questo nuovo virus così come ormai si conoscono quelli che provocano altre malattie. È proprio il fatto di non conoscerlo che ha portato un po’ tutti negli ultimi giorni a cambiare le proprie abitudini, come ad esempio chiudere le scuole e limitare determinate attività.

Se la chiusura delle scuole può essere accolta anche positivamente dai bambini, il fatto che magari non possano frequentare sport di gruppo o che siano limitati nello svolgimento delle azioni di tutti i giorni deve essere giustificato correttamente, ad esempio spiegando che per questo nuovo virus non è ancora disponibile un vaccino e questo rende importante per tutti far si che non se ne vada in giro indisturbato e non si diffonda tra le persone.

E se si ammalassero? Come spiegare la malattia

L’altra domanda che i bambini potrebbero porci a riguardo è che cosa potrebbe accadere loro se dovessero prendere il Coronavirus.

È innanzitutto importante spiegare ai piccoli che la malattia è molto simile ad un’influenza quindi fa tossire, magari venire il raffreddore e un po’ di febbre ma molte persone non hanno neppure questi sintomi e solo in condizioni molto molto particolari, che però non riguardano i bambini, può essere pericolosa.

L’altra cosa importante da spiegare loro è che le persone che lavorano nei laboratori, gli scienziati, i medici e chi ci governa sta lavorando affinché questo virus si conosca sempre meglio e sempre di più e ci aiutano in ogni momento intervenendo e comunicandoci le cose nuove che si imparano a riguardo.

Quello che però anche i bambini devono fare, ed è per loro facile comprendere e anzi, può essere anche molto divertente se presentato dai genitori come un gioco che può essere costruito insieme (ad esempio scrivendo insieme, con colori e disegni, e appendendole per casa), sono le regole che in questo momento devono essere seguite e in particolare:

  • Lavarsi spesso e bene le mani, magari cantando insieme nel mentre una canzoncina che aiuti a “cronometrare” il tempo giusto affinché possano essere insaponate bene, fregate accuratamente sopra, sotto e tra le dita.
  • Tossire o starnutire sempre con la mano ben davanti alla bocca o ancora meglio nell’incavo del gomito, così da non lasciar scappare nulla.
  • Non toccare con le mani, soprattutto se non sono state prima lavate per bene, occhi, naso e bocca… lo stesso vale per le unghie e le pellicine che non devono essere mangiate!
  • Usare i fazzoletti di carta e buttarli via subito dopo averli usati.

Trasmettiamo fiducia e tranquillità

La cosa importante per i nostri bambini e che come adulti si possa sempre loro trasmettere la fiducia di cui hanno bisogno, spiegare che non c’è motivo di spaventarsi e mostrarsi tranquilli proprio perché loro per primi percepiscono la nostra eventuale ansia e paura ed è più difficile comprenderne il motivo se noi stessi non sappiamo contenerle e gestirla.

Altrettanto importante è evidenziare il grande lavoro che si sta facendo per fronteggiare questo momento spiegando che tutto si risolverà e le cose torneranno presto come prima, scuola compresa!

Ti è stato utile?
Rating: 5.0/5. Su un totale di 4 voti.
Attendere prego...

Categorie

  • Bambino (1-3 anni)