Registrati alle settimane di gravidanza

Il Medico Risponde

Il Ginecologo risponde

a cura dei Dottori


Battito cardiaco fetale alla 6' settimana

(28/08/2015 - 10:35)

Buongiorno, sono Chiara, ho 30 anni e dopo 5 anni di attesa (eravamo pronti per Icsi), ho scoperto di essere incinta! Sono alla 6w+2, ieri fatta eco TV, si vedevano nettamente embrione con relativo sacco vitellino, ma non si sentiva il BCE. Sono un po’ preoccupata per questa cosa, anche se alla voce BCF sul referto dell'eco c'è scritto "+". La ginecologa mi ha detto che il battito può comparire anche alla 10' settimana. La gravidanza è stata ridatata, avendo io la Pcos (ultimo ciclo il 6 luglio). La mia paura deriva dal fatto che in famiglia c'è stato un caso simile con aborto spontaneo (cuore che non si sentiva e aborto alla 13 w). La ringrazio in anticipo.

Chiara

Buongiorno Chiara,
BCF + significa visualizzato. A 6 settimane può essere normale non riuscire ad ascoltarlo con il doppler dell'ecografo. Aspetti 15 giorni e poi può ripetere un controllo. Auguri

Dott.ssa Giovanna Marforio
Ginecologo - Trapani

Beta bloccanti in gravidanza: si può?

(26/08/2015 - 11:03)

Salve, volevo sapere se si può prendere l'inderal in gravidanza. La terapia sarebbe 1 compressa la mattina e una la sera. Grazie.

Lettera non firmata

Gentile Signora,
in gravidanza i beta bloccanti non sono indicati, dovrebbe sostituire il farmaco con un altro anti ipertensivo, di solito un calcio antagonista. Ne parli con il suo curante. Cordiali saluti

Dott.ssa Giovanna Marforio
Ginecologo - Trapani

Distacco placentare di 6mm

(25/08/2015 - 23:32)

Salve dottore, sono alla mia prima gravidanza, arrivata senza essere stata desiderata in un periodo carico di tensione per la mia attività sportiva. Sono una rallista e senza saperlo il mio ultimo rally l'ho fatto in stato interessante. Ovviamente sono felicissima e ho smesso subito di gareggiare. Vengo alla mia domanda. Mi hanno trovato un distacco placentare di 6 mm circa x 4 mm. E mi hanno messa sotto terapia di prometrium capsule intrauterine per due volte al giorno e ogni 3 giorni una fiala di lentogest da 2 ml. Il tutto per 15 giorni. Ma mi chiedo: sarà sufficiente come terapia? Chiedo questo perché ovviamente la capsula sciogliendosi in parte finisce sul salvaslip, e quanto ci mette questo piccolo distacco a riassorbirsi? Ho fretta di sapere che il mio cucciolo/a stia bene. Anche perché non mi hanno consigliato il riposo assoluto e io evito di sollevare pesi o fare sforzi, ma comunque le solite cose di casa e le scale per arrivare al bagno le faccio. Sbaglio? Spero di ricevere una risposta. Grazie mille e scusi la mia apprensione. È la prima volta.

Roberta

Se non ha perdite di sangue in atto, un distacco di 6 mm è veramente minimo e vedrà che si risolverà anche senza terapia. La terapia e il riposo sono utili forme di prudenza che utilizziamo sempre in questi casi e quindi lo faccia anche lei, ma non vi è evidenza scientifica della loro efficacia. Quindi stia a riposo, ma senza tanta ansia se fa qualche strappo. Cordiali saluti.

Dott. Salvatore Annona
Ginecologo - Napoli

Respirare sostanze chimiche in gravidanza

(25/08/2015 - 07:11)

Buongiorno, sono alla 38 settimana di gravidanza e da ignorante ho sempre pulito la cucina con anticalcare e candeggina senza sapere che questa combinazione è estremamente tossica, finché qualcuno non me l’ha fatto notare. Ora sono nel panico... posso aver arrecato danni a me o al bambino o se ci fossero stati, li avrei notati nell'immediato? Grazie

Lettera non firmata

Probabilmente ha utilizzato quantità modeste e con una buona areazione dei locali, oppure se ne sarebbe accorta eccome, con irritazioni alle vie aeree. Se non ha mai avuto irritazioni di questo tipo, non può neanche aver assorbito quantità dannose. Eviti nel futuro, ma al momento può star tranquilla. Oltretutto il mondo che ci circonda è tossico e ci viviamo immersi. Impossibile sottrarci. Inutile farci cruccio di questo. Siamo forti e ben rodati da millenni di selezione naturale e resisteremo anche a questi attacchi dell'uomo stesso. Cordiali saluti.

Dott. Salvatore Annona
Ginecologo - Napoli

Quale acido folico prendere?

(22/08/2015 - 10:34)

Buongiorno Dottore, sono una ragazza di 35 anni e con il mio compagno stiamo cercando di avere un bimbo, il primo. Vorrei iniziare a prendere un integratore con acido folico, ma in commercio ce ne sono tanti e con dosaggi diversi, per cui non so quale sia meglio. Me ne consiglia uno per cortesia? Grazie

Lettera non firmata

Gentile Signora,
va bene qualunque prodotto con almeno 4 mg di acido folico. Auguri

Dott.ssa Giovanna Marforio
Ginecologo - Trapani

Farmaci in gravidanza

(21/08/2015 - 19:17)

Egregio dottore, io e mio marito stiamo cercando una gravidanza (io 38 anni, lui 40), ma purtroppo ancora nulla, così stiamo iniziando a fare tutti gli esami per una IUI. Ho fatto dei tamponi ed è risultato lo streptococco beta emolitico b, così mi hanno prescritto una cura antibiotica con dalacin (clindamicina) ed cleocin crema. Volevo gentilmente sapere qualora fosse avvenuta una gravidanza questo mese ed io ho assunto questi antibiotici, ho creato danni? Sono pericolosi? Hanno effetti teratogeni? Inoltre vorrei informazioni su un altro farmaco che causa emicrania, mi capita di prendere spesso l'almogran. Grazie, scusi il disturbo.

Lettera non firmata

Gli antibiotici descritti non costituiscono problema anche in caso di inizio di una gravidanza. Per l'almogran in letteratura non vi sono dati sufficienti per chiarire la sua azione in gravidanza e quindi viene raccomandata prudenza nell'uso in gravidanza. Ne parli con il medico che gliel'ha prescritto, in modo da valutare una eventuale alternativa. Cordiali saluti.

Dott. Salvatore Annona
Ginecologo - Napoli

Beta hcg basse?

(20/08/2015 - 13:05)

Buongiorno, sono Jenni, ho 33 anni e sono incinta. Ultima mestruazione 15 luglio 2015, test gravidanza positivo. Martedì 18 agosto ho fatto il test delle beta e il risultato era 39.1. Stamane 20 agosto ne ho fatto un altro ed il risultato è 52.7. Avendo già avuto altre gravidanze, mi pare che siano un po' basse. Lei cosa ne pensa? Grazie infinitamente.

Jenni

Gentile Jenni,
il valore è ancora basso. Le consiglio di aspettare una settimana per un controllo ulteriore. Cordiali saluti

Dott.ssa Giovanna Marforio
Ginecologo - Trapani

Il ciclo non arriva e in compenso arriva l’ansia…

(18/08/2015 - 18:52)

Ho 27 e premetto che sono ansiosa. Non ho mai avuto rapporti completi e non ho mai portato il conto del ciclo essendo anche irregolare, ma durante il mese scorso e quello in corso non ho mai avuto rapporti completi, solo petting, senza contatto tra parti intime, vestiti. Ero tranquilla fino a quando non mi sono resa conto di non avere né i miei soliti sintomi premestruali (mal di testa, nausea, irritabilità), né tantomeno il ciclo. Solo perdite simili alla chiara d’uovo durate un paio di giorni e trovavo sempre gli slip bagnati. Poi più nulla. Il ciclo non arriva e in compenso arriva l’ansia. Pur conscia di non aver avuto un rapporto completo, compro un test. Non ho usato la prima urina ed è per questo che non riesco ancora a calmarmi. È risultato negativo. Devo ripetere il test o aspettare e calmarmi? Aggiungo che circa dieci anni fa mi sono operata per una cisti ovarica con asportazione di tuba e un pezzo di ovaia.

Lettera non firmata

Beh, ripeta il test e toglierà l'ansia, almeno per questo episodio. Poi se ha voglia di viver meglio, conviene consultare un ginecologo, utilizzare un metodo anticoncezionale e vivere serenamente una felice vita sessuale. La natura per questo ha creato l'attrazione fra uomo e donna, e oltretutto percorre lo scopo di una gravidanza. Se vogliamo prenderci quel che di buono la vita ha da darci, bene. In caso contrario tanto vale rinunciare del tutto. Cordiali saluti.

Dott. Salvatore Annona
Ginecologo - Napoli

Test effettuato troppo presto per esere positivo?

(15/08/2015 - 15:47)

Gentile dottore, le scrivo per raccontarle. Ho già un figlio, quindi so come si mettono al mondo. Ho 26 anni ed un ciclo abbastanza regolare. Nei giorni fertili, cioè fine luglio e primi di agosto, ho avuto rapporti con il mio compagno, rapporti dove alla fine ho inserito lo sperma in vagina tramite le dita, più altri due rapporti completi non protetti nei giorni seguenti. Aspetto il ciclo per il 17, stamane ho fatto un test della farmacia, risultato negativo. Può darsi fosse presto per un positivo? Grazie per la sua cortese attenzione.

Lettera non firmata

Sì, poteva essere troppo presto. Ripeta il test dopo una settimana dalla mancanza mestruale. Cordiali saluti.

Dott. Salvatore Annona
Ginecologo - Napoli

Pillola novadien e augumentin

(15/08/2015 - 11:44)

Buongiorno,volevo un informazione riguardo la pillola anticoncezionale novadien (che assumo da ormai un anno) e l'antibiotico augumentin. Premetto che il blister é stato iniziato il giorno 29 luglio e l'assunzione di augumentin é iniziata il giorno 30 per un'assunzione di circa 4 giorni per due compresse al giorno. Insieme a augumentin ho utilizzato anche dei fermenti lattici in modo da non causare problemi all'intestino. Il giorno 2 agosto ho avuto un rapporto non protetto con eiaculazione esterna, solo successivamente mi sono ricordata della possibile interferenza di questo antibiotico con la pillola citata. Nei giorni di assunzione non ho avuto alcuna perdita ematica, nessuna scarica di diarrea o vomito. È possibile che rischi una gravidanza? Grazie mille in anticipo

Lettera non firmata

Gli antibiotici possono interferire con l'efficacia della pillola. È bene utilizzare altri metodi fino all'inizio del nuovo blister di pillole. Per il momento incroci le dita. Cordiali saluti.

Dott. Salvatore Annona
Ginecologo - Napoli

Tachicardia: posso continuare ad assumere sotalolo in gravidanza?

(14/08/2015 - 17:23)

Salve, nove anni fa sono stata operata di pfo e da quel giorno ho sempre preso il sotalex. Qualche anno fa me l'hanno sostituito con il rytmobeta. Adesso sono in attesa e mi hanno consigliato di interromperlo, solo che in assenza non sto bene, sono un soggetto tachicardico. Come posso fare?

Lettera non firmata

Gentile Signora,
il sotalolo può essere assunto, in caso di necessità, anche in gravidanza. Sta al suo cardiologo stabilire lo stato di reale necessità. Un saluto

Dott. Nico Comparato
Ecografista - Matera

Gravidanza a 46 anni??

(14/08/2015 - 12:01)

Egr. dott. Annona, ho 46 anni, sono felicemente sposata ed ho già 4 figli meravigliosi e sani, l'ultima nata 18 mesi fa. Con mio marito più volte abbiamo detto che nonostante l'età, se fosse arrivato un quinto figlio, l'avremmo accolto con amore e gioia. Veniamo a noi, il 25 luglio 2015 ho avuto il ciclo regolare, io ho segnali di poco progesterone ogni mese, perchè vedo già spotting verso il 21.mo giorno con dolori e mal di schiena anche forti, poi a volte si ferma tutto e poi al 28.mo giorno arriva il mio solito ciclo... ho avuto diversi rapporti completi e potrei essere incinta e se me lo concede "me lo sento già"... certo che devo attendere il 21 agosto e non vedere il ciclo, ma ho già diversi segnali che riconosco bene (stanchezza, frequente pipì, pochissima fame, abbondante salivazione, sapore metallico in bocca, umore strano). Il mio dubbio qual è??? Avevo iniziato a curare la tiroide con dieta e vitamine, oltre a curare il mio intestino che presenta permeabilità intestinale, con moltissimi disturbi, dietro controllo endocrinologico però assumo ancora eutirox 125mcgr e ho integrato con vit. D a 30.000 unità giornaliere, vit. C che assumo 1000mcgr a giorno, selenio, zinco, omega 3... siccome dovevo passare alla secca a breve sarei rimasta incinta col passaggio a nuove cure e chiedevo a lei se potevo continuare ad assumere queste cose o sono dannosi al futuro bimbo??? Devo assumere folina??? Io per ora mi sento bene, grazie alla mia alimentazione nuova ho abolito legumi, latticini e farine (sono celiaca)... mi può far sapere??? Aspetto una sua risposta

Lettera non firmata

Per l'eutirox non ci sono problemi. Anzi non va trascurata la disfunzione tiroidea, proprio in gravidanza. Per tutti gli altri integratori, onestamente, se non indispensabili, ne farei a meno, specie per la Vit D. Si limiti alla folina e poi, quando ha il test positivo, si rechi dal suo ginecologo e consulti nuovamente il suo endocrinologo per informarlo della gravidanza. Cordiali saluti.

Dott. Salvatore Annona
Ginecologo - Napoli

Tiroide e gravidanza

(14/08/2015 - 08:47)

Buongiorno, sono alla 35 settimana di gravidanza, dallo studio della funzionalità tiroidea è emerso un basso valore di fT4 (0,81 ng/dl vn 0.89-1.76). Il valore del TSH è 2,89. Il valore del fT3 è di 3,70 pg/ml. Devo preoccuparmi? Grazie per la cortese risposta.

Lettera non firmata

Gentile Signora,
si tranquillizzi. Non deve preoccuparsi e non deve fare terapie. Cordiali saluti

Prof. Simone Ferrero
Ginecologo - Genova

Proviamo ad avere bimbi da un anno e mezzo senza ottenere risultati

(12/08/2015 - 11:22)

Buongiorno, io e mia moglie proviamo ad avere bimbi da un anno e mezzo senza ottenere risultati. Abbiamo eseguito gli esami genetici con i seguenti risultati: Cariotipo maschile 46,XY,inv(9)(p11q13), Cariotipo femminile 46,XX,inv(9)(p11q13). Chiediamo se questi risultati possono essere causa di infertilità e cosa andiamo incontro in caso di gravidanza! Distinti Saluti

Giovanni

Egregio Giovanni,
Vi consiglio di rivolgervi ad un centro di PMA per una consulenza. Cordiali saluti

Dott.ssa Giovanna Marforio
Ginecologo - Trapani

Presunta gravidanza o semplice ciste?

(11/08/2015 - 17:35)

Buongiorno, ho una domanda da farvi. Il 14 luglio ho avuto un rapporto protetto ma si é rotto il preservativo... il ciclo lo avevo avuto il sette luglio e mi doveva venire il 5 agosto... ritardo... il sei agosto faccio il test di gravidanza Clear Blue digital (che é attendibile dal primo giorno di ritardo) ed é risultato negativo... il sette agosto ho un po' di spotting e applico per la prima volta il primo cerotto Evra pensando che mi fossero arrivate le mestruazioni (volendo una contraccezione in più) ma niente ciclo... oggi, 11 agosto, fatto una visita con ecografia interna non é stato rilevato niente, a parte una piccola ciste di due millimetri... la domanda é: se ci fosse stata una gravidanza, si sarebbe già dovuta vedere dall'ecografia, no? Almeno un minimo... dopo sei giorni di ritardo ci dovrebbe essere una minima traccia visibile in caso di gravidanza, vero? L'assenza di ciclo può essere dovuta alla presenza di questa ciste? O può essere che abbiano sbagliato sia test che ecografia interna? Vi ringrazio per l'attenzione e la risposta.

Lettera non firmata

L'applicazione del cerottto Evra potrebbe aver bloccato la mestruazione che stava per palesarsi per bene. L'ecografia che ha fatto dovrebbe darle una certa tranquillità. Ma la sicurezza gliela dà sicuramente la ripetizione ora, a distanza, di un'ecografia o di un test di gravidanza. Cordiali saluti.

Dott. Salvatore Annona
Ginecologo - Napoli

Test ovulazione positivo per una settimana, è possibile?

(11/08/2015 - 09:39)

Buongiorno, sono alla ricerca del primo figlio e al secondo tentativo, dopo un anno di cicli per lo più anovulatori nel 2014 (dovuti solo allo stress per una situazione familiare e accertato che non ho nessuna sindrome particolare che mi portasse a quello) ho iniziato su consiglio della mia ginecologa una cura con inofert combi 2cmp al giorno, dopo 6 mesi il tutto è tornato alla normalità e io e mio marito abbiamo iniziato la ricerca. Ho iniziato a monitorare l'ovulazione con gli stick canadesi e con i securtest nei giorni del picco per essere più tranquilla. Tutto ha funzionato fin'ora..questo mese l'ovulazione era prevista intorno a giovedì6, ho iniziato in anticipo con gli stick canadesi avendo risultati negativi,così mercoledì5 ho provato a fare un doppio test sulle stesse urine sia con il test canadese sia con securtest preso in farmacia: il primo era ancora negativo mentre il secondo positivo netto così è proseguita fino ad oggi dei netti negativi dai canadesi e dei chiari inconfondibili positivi dai securtest, positivi che rimangono invariati da 7 giorni. Io non controllo la tb ma presto attenzione al muco cervicale, questo è stato presente fino a mercoledì, giovedì è scomparso o meglio è scomparso quello "lubrificante" ed è arrivato quello "acquoso" liquido fluido come acqua. Mi viene quindi da pensare di aver ovulato mercoledì 5 (rapporti avuti domenica 2 e martedì 4) perchè i securtest continuano a rilevare il picco Lh? È possibile per 7 giorni? Ho provato per curiosità a farlo anche due volte al giorno al mattino con le prime urine è molto più scuro, al pomeriggio è più chiaro, ma comunque entrambe le linee sono dello stesso spessore e colore) mentre il canadese continua a darmi negativo. Ho pensato se potessero avere dei difetti di fabbricazione ma di securtest ne ho usate quasi 2 scatole comprate poche settimane fa, i canadesi invece li ho presi su internet molti mesi fa. Si saranno in qualche modo deteriorati? Scusate se mi sono dilungata così tanto, ho provato a chiedere alla mia ginecologa, ma non si è soffermata molto su questo, mi ha solo detto "se vuoi essere sicura di aver ovulato fai l'esame del progesterone tra qualche giorno", avendola beccata anche in ferie io non ho detto altro e quindi il mio dubbio è rimasto. Grazie anticipatamente di cuore

Lettera non firmata

L'affidabilità degli stick in questione è sicuramente sufficiente ma non eccelsa, a mio parere. Per avere un quadro preciso di ciò che avviene, occorrerebbe seguire il monitoraggio ecografico del follicolo. Un saluto

Dott. Nico Comparato
Ecografista - Matera

Farmaco antidepressivo e gravidanza

(08/08/2015 - 14:47)

Buongiorno, volevo un’informazione da un ginecologo appena possibile. Siccome io e mio marito volevamo avere un figlio, ma io soffro di depressione da dieci anni e prendo abilify da 10 mg, so che in gravidanza non va preso, però chiedo se c’è qualche cura ormonale che si può fare. La ringrazio

Michela

Cara Michela,
non sono i prodotti ormonali che possono risolvere il suo problema. Ma sono certo che chiedendo allo specialista che l'ha in cura per la depressione, si possa sicuramente stabilire una terapia adatta e sicura anche in gravidanza. Il suo non è un caso raro. La competenza purtroppo non è del ginecologo, che può solo seguirle la gravidanza con tatto e sensibilità, ed indirizzarla allo specialista appropriato per la cura della depressione. Cordiali saluti.

Dott. Salvatore Annona
Ginecologo - Napoli

Sovradosaggio progesterone: ci sono problemi per il mio bambino?

(07/08/2015 - 08:17)

Salve, lunedì 3 agosto ho effettuato l’amniocentesi e sto seguendo dal giorno prima una cura di antibiotico via orale 6 gg, progeffik200 via vaginale 7gg mattina e sera per 7 gg e spasmex 3 gg. Ieri mi sono accorta, contando le compresse di progeffik utilizzate, che me ne trovo assunta una in più. Tutto ciò è molto strano, perché prendo le 3 medicine ogni mezz'ora per non confondermi, ma se fosse caduta una compressa ricorderei di averne messa un'altra... il dubbio che abbia messo per due volte la compressa di progeffik in vagina mi sta assalendo, perché vorrebbe dire che in un giorno ho assunto 600mg di progesterone invece di 400 totali. Non ho avuto sintomi né fastidi e non sono sicura di aver fatto questa confusione, ma nel caso fosse successo ci sono pericoli per il feto?? Ho paura di aver fatto del male al mio bambino/a.

Lettera non firmata

Si tranquillizzi, nessun problema. Un saluto

Dott. Nico Comparato
Ecografista - Matera

Esami delle urine sballati!

(06/08/2015 - 13:07)

Buongiorno dottore! Ho 27 anni e sono alla mia quarta gravidanza, 2 delle quali non sono andate a buon fine. Circa 2 settimane fa ho avuto una piccola perdita di muco marroncino, e dopo essere passata per il pronto soccorso, il ginecologo mi ha messa a riposo assoluto con una terapia di buscopan (3 compresse al giorno) e progesterone (progeffik 1ovulo al giorno). Non ho più avuto perdite, solo fastidiosi problemi di digestione. Nel frattempo ho ritirato i referti delle analisi, sembrano tutti a posto, tranne quelli che riguardano le urine: Peso specifico 1.026> [1.005 - 1.025] Eritrociti 30.5> [0.0 - 17.0] Batteri 17.9> [0.0 -7.0] Cellule Epiteliali Squamose 45.5> [0.0 - 28.0] Muco 68.9> [0.0 - 28.0] Che significa? Posso stare tranquilla? Non soffro durante la minzione e non mi sembra nemmeno di urinare molto più spesso del normale. Ma temo che un'infezione delle vie urinarie possa causare un aborto. Per me il terzo. Sabato ho la visita ecografica e speriamo vada tutto bene. Nel frattempo spero in una sua riaposta di chiarimento ai miei dubbi. La ringrazio di cuore!

Alessia

Gentile Alessia,
non mi scrive a che epoca di gravidanza è. Comunque dall'esame delle urine si evidenzia che lei beve poco perchè il peso specifico è elevato. Già bere di più migliora questo aspetto e gli altri parametri. Per il resto, se ha un dubbio di infezione faccia un'urinocoltura con antibiogramma, ma chieda prima di tutto il parere del suo medico. Cordiali saluti.

Dott. Salvatore Annona
Ginecologo - Napoli

Esito ecografia: Color score 1. Che significa?

(05/08/2015 - 23:15)

Ho fatto un’ecografia interna e nei risultati c’è scritto: area isoecogena di 1,6 cm color score 1. Cosa significa color score 1?? Grazie in anticipo per la sua risposta.

Lettera non firmata

Significa che il reperto ha una scarsa vascolarizzazione presente soltanto nelle zone periferiche del reperto stesso. Un saluto

Dott. Nico Comparato
Ecografista - Matera

Colestasi gravidica??

(05/08/2015 - 18:22)

Buongiorno, vi scrivo perché ho bisogno di avere un vostro parere in merito. Sono gravida a 19+5, gravidanza insorta spontaneamente senza alcun problema finora. Qualche giorno fa ho notato l’insorgenza di prurito non in particolare alle mani e piedi ma piuttosto generalizzato, fastidioso ma sopportabile senza bisogno di dover ricorrere ad antistaminico. Così insieme agli esami mensili di routine ho fatto anche i sali biliari. Esami nella norma compreso hcv e hbsAg, ma sali biliari con valore di 8.20 (il range Max del laboratorio è 6) ho parlato con il ginecologo per sapere se dovessi iniziare a fare la terapia con il deursil almeno due volte al dì, ma lui stesso ritiene che come valore così poco fuori dalla norma anche se con prurito, non si intraprende alcuna terapia al momento. La terapia si inizia qualora i valori dovessero alzarsi. Mi ha consigliato di bere almeno 2 litri di acqua e di rifare gli esami fra un mese insieme a quelli di routine. Mi chiedo: sapendo gli effetti che la colestasi può avere sul bambino, se questa sia la conduzione giusta. E soprattutto perché il prurito compare soprattutto dopo i pasti? Oltre ad avere una dieta leggera posso aiutarmi con tarassaco o cardo mariano o con farmaci omeopatici per la depurazione del fegato? In attesa di un vostro consiglio, Vi porgo cordiali saluti e ci ringrazio anticipatamente.

Roberta

Gentile Roberta,
come sempre invitiamo a non utilizzare questo servizio per chiederci un parere sull'operato dei vostri medici. Non è questo lo scopo e il nostro parere sarebbe oltretutto poco attendibile oltre che scorretto. Ascolti il suo medico. Mangi sano e in quantità moderata, beva di più e già questo dovrebbe aiutarla. Se il fenomeno peggiora, torni dal suo medico e osservi le sue disposizioni. Il fegato non ha nulla di cui depurarsi. Semplicemente la stasi di sali biliari spesso si verifica per l'eccesso fisiologico degli ormoni della gravidanza e qualcuna, come lei, ne soffre di più. Cordiali saluti.

Dott. Salvatore Annona
Ginecologo - Napoli

Sulfasalazina durante la gravidanza

(03/08/2015 - 15:04)

Salve, mia moglie è al suo primo mese di gravidanza. Nell'ultimo mese ha eseguito una colonscopia che ha diagnosticato uno stato di peggioramento di nota RCU (in fase attiva). A seguito di cura a base di mesalazina, il gastroenterologo le ha prescritto una cura a base di Sulfasalazina. Ha inoltre confermato di poterlo assumere fino al 7° mese di gravidanza. Leggendo il foglietto illustrativo nella sezione Avvertenze Speciali: "La sulfasalazina per via orale inibisce l'assorbimento ed il metabolismo dell'acido folico e può pertanto determinare un deficit di acido folico. Sono stati segnalati casi di neonati con difetti del tubo neurale la cui madre era stata esposta a sulfasalazina durante la gravidanza sebbene il ruolo svolto dalla sulfasalazina in relazione a tali difetti non sia stato stabilito. Poiché la possibilità che vi sia un danno fetale non può essere completamente esclusa, Salazopyrin EN deve essere utilizzato durante la gravidanza solo in caso di effettiva necessità." Sebbene il gastroenterologo dica che mia moglie possa prendere il farmaco in gravidanza, le avvertenze del foglio illustrativo sono meno rassicuranti. Chiedo un vostro parere. Quali rischi per il feto? Grazie

Lettera non firmata

La sulfasalazina è un farmaco che in gravidanza è classificato come appartenente al grado B. Questo significa che in studi animali non sono stati rilevati problemi ai feti, ma non esistono sufficienti dati sull'uomo. È considerato in ogni caso un farmaco sicuro. A riguardo del deficit di assorbimento di acido folico potrebbe essere sufficiente assumere quantità aggiuntive di acido folico, il quale in ogni caso andrebbe già assunto alcuni mesi prima rispetto all'esordio della gravidanza, essendo precoce lo sviluppo del tubo neurale. Per ulteriori informazioni sui farmaci in gravidanza può contattare se vuole il Telefono Rosso. Un saluto

Dott. Nico Comparato
Ecografista - Matera

Piridossina contro nausea e vomito

(03/08/2015 - 14:25)

Buongiorno, vorrei avere il vostro gentile parere. Sono incinta di 7+3 e soffro molto di nausee e vomito, fatico a trattenere i liquidi e sono un po' disidratata. Se aggiungiamo che in parte allatto ancora il mio bimbo di 19 mesi... il quadro è completo. La mia ginecologa mi ha detto di prendere Piridossina 25mg (4 compresse al giorno). Ho dovuto far fare le compresse appositamente poiché in Italia mi ha detto che questo dosaggio non esiste. Volevo sapere se è senza controindicazioni in gravidanza e allattamento perché ho letto pareri discordanti e se funziona. Grazie di cuore!

Lettera non firmata

Gentile Signora,
dovrebbe sospendere l'allattamento e potrà utilizzare dei farmaci in commercio in Italia, Stemetil o Torecan supposte, ma senta innanzitutto il parere della sua ginecologa. Cordiali saluti

Dott.ssa Giovanna Marforio
Ginecologo - Trapani

Irrigazioni vaginali con sola acqua in gravidanza

(03/08/2015 - 10:17)

Buongiorno, vorrei sapere se in gravidanza è possibile fare delle irrigazioni vaginali con il getto dell'acqua della doccia (togliendo la cornetta). Ho letto che è sconsigliabile perché favorisce le infezioni batteriche, ma ho notato che a me invece le previene. Ma è solo per quello? O potrebbe anche rischiare di togliere il tappo mucoso? Io in pratica lo farei una/due volte alla settimana. Grazie mille!

Lettera non firmata

Non è una pratica consigliabile. È come se lei volesse lavarsi la faringe o la laringe. La comune acqua non è isotonica e, al contatto con le mucose, non è particolarmente gradita dal fisico. Non a caso le mucose sono protette e rivestite di umori, secrezioni ecc. Addirittura la pelle ha le sue ghiandole e il suo film protettivo. Quindi queste pratiche di lavaggi periodici non sono previste neanche in natura. Guardi gli animali, che pure dedicano tanto tempo alla cura del loro pelo o piumaggio o alla pulizia dei cuccioli. Anche le lavande mediche che talvolta prescriviamo a mio avviso vanno riservate solo a brevi cicli terapeutici e non devono diventare abitudini. La vagina ha il suo normale ambiente costituito in gran parte di lattobacilli. Quando questo normale ambiente viene alterato, e l'acqua lo fa, è facile che si instaurino infezioni. Forse è questo il motivo per cui lei ha frequenti infezioni batteriche. Ne parli con il suo ginecologo in modo da interrompere questo circolo vizioso che ha creato. Cordiali saluti.

Dott. Salvatore Annona
Ginecologo - Napoli

Ciclo saltato dopo assunzione di inofolic combi

(03/08/2015 - 10:12)

Gent.mo dottore, vorrei porle un quesito in merito all'utilizzo di inofolic combi. Ho 44 anni e dall'ultimo controllo ecografico non è risultato nulla di rilevante, tutto nella norma. La mia ginecologa mi ha prescritto inofolic combi 2 al dì, in quanto desidero un altro bambino. Premetto che ho cicli non proprio regolari, ma che variano dai 28 ai 35 giorni ogni mese. Adesso gli ultimi cicli erano assestati sui 30 giorni esatti. Dopo l'assunzione dell'inofolic niente. Questo mese è saltato e mi ha detto di assumere per 5 giorni dufaston 2 al dì. È possibile che la scomparsa del ciclo sia dovuta all'inofolic, anche se non soffro di ovaio policistico? Grazie per la risposta

Lettera non firmata

Gentile Signora,
la scomparsa del ciclo non può essere causata dall'inofolic. Se desidera la gravidanza, considerata la sua fascia d’età, forse sarebbe preferibile eseguire un’induzione dell’ovulazione farmacologica. Cordiali saluti

Prof. Simone Ferrero
Ginecologo - Genova

Scollamento retrocoriale

(02/08/2015 - 22:19)

Salve, ho 30 anni sono alla settima settimana+4 e 5 giorni fa, durante l'ecografia, il medico si è accorto di una piccola area di scollamento retrocoriale. Mi ha prescritto ovuli di progesterone 200 mg per 15gg... in più si è raccomandato di non fare sforzi... potrei sapere qualcosa in più in merito a questa diagnosi? E inoltre, mi consigliate di fare un’eventuale ecografia di controllo alla fine del trattamento con gli ovuli?

Gabri

Gentile Gabri,
gli scollamenti amnio coriali sono relativamente frequenti. Spesso si risolvono senza causare danni. Sicuramente è utile un controllo ecografico successivo. Un saluto

Dott. Nico Comparato
Ecografista - Matera

Ciclo che non arriva e niente gravidanza

(01/08/2015 - 18:44)

Buongiorno, sono una donna di 33 anni. Per 12 anni ho preso la pillola milvane ininterrottamente senza avere mai problemi. 3 anni fa l’ho sospesa. Il ciclo è ricomparso subito e regolare anche se scarsissimo. È continuato a restare scarso fino ad ora. Non uso l’assorbente, mi viene un po’ di flusso solo quando vado in bagno. Ora il flusso ha una media di 26 giorni. Da ottobre con mio marito proviamo ad avere un bimbo, ma senza successo. Ho l’endometrio sottile, nell’ultima visita 2 giorni prima del ciclo era di 4.5 mm. Il ginecologo mi ha fatto fare gli esami ormonali. Tutto ok. Mi ha dato da prendere prometrium 200 mg per 3 mesi al 14mo giorno per 10 giorni per ispessire l’endometrio. Lo scorso mese tutto ok, ciclo in anticipo di 3 giorni. Questo mese il ciclo è in ritardo di 9 giorni, ma purtroppo non sono incinta, ho fatto il test ancora oggi ed è negativo. Sono molto demoralizzata. Non riesco a rimanere incinta. Avevo i crampi all’utero 3 giorni prima del presunto arrivo del ciclo, mal di testa, nausea... pensavo di esserlo... lo stesso mi è capitato a ottobre e aprile... come posso fare ora se non arriva il ciclo? Non so in che fase sono, sembra in stand-by. Cosa posso fare come cura? Sono magra, sono alta 155 cm e peso 41 kg, però non sono scheletrica, ho le mie forme, ma ho le ossa piccole.

Lettera non firmata

Gentile Signora,
Le posso consigliare di ripetere un controllo ginecologico e gli esami ormonali. Eventualmente potrà valutare di ricorrere alla PMA. Auguri

Dott.ssa Giovanna Marforio
Ginecologo - Trapani

Contrazioni alla 22.ma settimana

(01/08/2015 - 14:01)

Salve! Sono a 22+4 la bimba è in posizione cefalica e io sento lei che spinge e spesso ho le contrazioni. La mia paura è che possa aprirmi il parto. Volevo sapere se è il caso di fare una visita o cosa mi consiglia? Grazie mille

Lettera non firmata

Se le contrazioni sono ritmiche e frequenti, è il caso di fare una visita. In ogni caso è consigliabile un controllo al mese. Cordiali saluti.

Dott. Salvatore Annona
Ginecologo - Napoli

Perdite marroni durante il periodo del ciclo

(31/07/2015 - 15:13)

Buonasera, scrivo per un’informazione: sono una donna di anni 30, e durante questo mese invece del regolare ciclo, nello stesso periodo in cui sarebbe dovuto comparire ho avuto delle perdite marroni scure. Ho anche forti dolori alla schiena e al basso ventre. Premetto che sto facendo una cura per l'ovaio policistico e prendo l'inofert e il primulut dal 18 al 25 gg. Mi devo preoccupare o può succedere? Grazie

Martina

Sì, può succedere. Se avesse avuto rapporti completi non protetti, esegua anche una beta hCG plasmatica. Utile anche una ecografia pelvica meglio se transvaginale. Un saluto

Dott. Nico Comparato
Ecografista - Matera

Sono incinta… e adesso cosa devo fare!?

(30/07/2015 - 13:43)

Buongiorno, ho 33 anni sono alla prima gravidanza. Ho fatto il test ed è risultato positivo. Cosa devo fare adesso? Quali sono i primi passi da fare? Grazie

Stefania

Gentile Stefania,
innanzitutto auguri per la bella notizia. La gravidanza è un evento naturale e quindi non senta il peso di quel che deve fare. Tuttavia è sicuramente utile farsi seguire. Avvisi innanzitutto il suo medico di famiglia, che già le può prescrivere gli esami del I trimestre e l' acido folico. Poi si può far indirizzare dal medico stesso, oppure scegliere personalmente un ambulatorio, oppure un consultorio, o un ginecologo privato, se preferisce: legga anche il mio articolo sulla scelta del medico. Avrà bisogno del counselling sulle possibilità di screening e diagnosi delle anomalie congenite e sui comportamenti da seguire in gravidanza, soprattutto per l'alimentazione e la prevenzione delle malattie infettive. Più o meno queste sono le indicazioni iniziali. Poi il tutto dipende anche dalle sue esigenze e dalle sue aspettative. Cordiali saluti.

Dott. Salvatore Annona
Ginecologo - Napoli