Registrati alle settimane di gravidanza

Il Medico Risponde

Il Ginecologo risponde

a cura dei Dottori


Mola vescicolare: come devo comportarmi?!

(17/12/2014 - 10:14)

A chi mi può aiutare a capire... Salve... Sono una mamma di una bambina di 5 anni e mezzo e aspettavo un bambino il quale non ha avuto fortuna... Purtroppo, si è fermato a 6 settimane. Ho fatto il raschiamento solo dopo metà del secondo mese, cercavo di essere sicura di non star commettendo un aborto, non ero sicura se veramente era una gravidanza non evolutiva, come praticamente tutte le mamme avrebbero fatto... Insomma, questo è successo un mese fa... Il 17 novembre è finito tutto per quanto riguarda il "sogno" del mio secondo figlio, ma è iniziato l'incubo di una possibile malattia derivata dalla placenta... Sospettano "mola vescicolare"... Circa una settimana fa, il 10, ho fatto il quarto controllo beta (primo dopo il raschiamento) di beta ne ho ancora 82,2 (era di 72.870 prima dell'intervento) e il dottore che mi ha dimessa e fortunatamente era di turno nel giorno del controllo, mi ha detto di aspettare la mestruazione per vedere se mi pulirà totalmente... E fino qui, va bene... Insomma, ho ancora la possibilità di non avere conseguenze gravi se questo succedesse, forse anche se l'esame istologico fosse positivo (Vero?) Comunque, mi domando se 'Essendo sospetta mola, non sarebbe stato conveniente che mi fosse data una cura, ad esempio, la pastiglia che sento dire che è alternativa al raschiamento, per l'eliminazione totale della beta visto anche dover aspettare l'esame istologico che non arriva subito, ma dopo anche un mese come mi sta capitando... e neanche di saper al certo quando mi arriverà la prima mestruazione che mi potrà aiutare a pulire totalmente ma neanche qui avere la totale certezza... Non so, ma mi preoccupa tanto il fatto che magari ho veramente la "mola" parziale o totale che sia, e che lei stia "lavorando" dentro di me... Ho letto che dopo la fine del secondo mese, se uno ne ha, quando il l'embrione non è più in vita, lei si allarga, ossia, parte a cercare 'i suoi bisogni' fuori, non più nella placenta, ma nell'utero, polmoni e altri organi... Non so fino dove ho capito giusto, ma siccome mi preoccupo per la mia salute, principalmente perché ho la mia bimba da seguire, non riesco ad essere tranquilla abbastanza nell'attesa di altri controlli... Ho letto anche che se la causa dell'aborto interno è stata della placenta come mi ha spiegato il dottore, se essa viene eliminata non con la dovuta cura, si può proliferare delle particelle (ho cercato di spiegare ma non so che parole usare) che mi possono danneggiare la salute, peggiorando la situazione per quanto ho capito... Vorrei prevenire possibili danni che mi possono portare a complicanze con cure più pesanti visto, se bisogno, iniziare le cure tardivamente. Non penso di essere pessimista, neanche 'catastrofica', ma se c'è, purtroppo, la "sospetta", quindi, è più probabile che sia vero il peggio di no... So di aver sbagliato in non aver domandato al dottore, magari con paura che mi dicessi che “sto cercando di insegnargli il mestiere..." e con questo non mi è venuto in mente anche se mi preoccupo per la mia salute ed avevo già da tanto questa inquietudine a martellarmi in testa. Chiedo scusa per la "non chiarezza" in tanti aspetti, anche per via di non essere italiana, ma spero nella Vostra comprensione e che non diate peso a questa mia mancanza. Ringrazio anticipatamente chiunque mi abbia voluto rispondere. Cordiali Saluti,

Rosa Maria

Gentile Rosa Maria,
la degenerazione molare della gravidanza è un'evenienza per fortuna rara. Attenda l'esame istologico e un controllo della beta a debita distanza di tempo. Se continua a fare test di continuo troverà sempre un valore positivo. Faccia passare almeno 20 giorni, durante i quali probabilmente avrà anche le mestruazioni e il risultato dell'esame istologico. Su questi dati si potrà ragionare. Ora sta solo facendo un inutile esercizio di ipotesi pessimistiche e anche rare. Cordiali saluti.

Dott. Salvatore Annona
Ginecologo - Napoli

Distacco coriale ed amniocentesi

(15/12/2014 - 12:14)

Salve, ho 30 anni e sono alla mia prima gravidanza. Dalla 6 settimana mi hanno diagnosticato un distacco cordiale 12x3 mm per cui ho fatto più di un mese di riposo e proggefik 200 mg per ovuli vaginali. Al controllo del bitest (non effettuato dal mio ginecologo) alla 12 settimana mi dissero che questo distacco era scomparso e mi segnalarono un tn di 2.17 con esami ormonali nella norma. Così il mio ginecologo mi ha sospeso il progesterone e mi ha consigliato dopo una settimana di riprendere in modo soft il lavoro. Alla 13 settimana sono andata al controllo dal mio ginecologo che invece mi ha detto che il distacco era ancora presente e delle stesse dimensioni, per cui mi ha consigliato di nuovo progesterone e riposo per un mese fino all'amniocentesi (cosa che mi hanno consigliato al bitest). Possibile che al bitest questo distacco fosse sparito per poi ricomparire la settimana seguente? Questo distacco perché non si riassorbe? Potrebbe questo aumentare il rischio durante l'amniocentesi? E soprattutto l'amniocentesi è realmente necessaria per quei valori di tn? Grazie.

Lettera non firmata

Il discorso da fare in quesiti come il suo, sarebbe veramente molto lungo. Cercherò di sintetizzare al massimo. La prima cosa da puntualizzare è che le manovre invasive come l'amniocentesi essendo in ogni caso gravate da un certo rischio, dovrebbero essere seguite unicamente da chi interromperebbe sicuramente la gravidanza in caso di problemi. È una decisione che deve essere presa dalla coppia e non dal medico, il quale può soltanto dare tutte le informazioni per rendere la coppia autonoma nella sua decisione. Il B test, come ho più volte sottolineato, non gode della mia fiducia. Personalmente in base alla mia esperienza, lo considero di scarsissima utilità. In ogni caso un distacco amnio coriale può influenzare negativamente l'esito del b test stesso.
2,1 mm di translucenza nucale possono essere considerati normali. Darei inoltre poco peso alla questione del distacco. Purtroppo non mi fornisce elementi aggiuntivi di giudizio. Nella mia esperienza quotidiana, ricevo parecchie richieste di verifica di presunti distacchi che poi in realtà non lo sono. È fondamentale quindi che la diagnostica venda venga fatta da un medico ecografista di secondo livello. In genere ed in ogni caso, piccoli distacchi si risolvono quasi sempre nel migliore dei modi. Un saluto

Dott. Nico Comparato
Ecografista - Matera

Pillola del giorno dopo e macchie rosse

(14/12/2014 - 22:14)

Buonasera, sono preoccupata perchè nella sera della domenica 7 novembre io e il mio ragazzo abbiamo avuto un rapporto a rischio (preservativo squarciato con eiaculazione interna, perchè, purtroppo, non ce ne siamo accorti in tempo) e ho assunto dopo un'ora la pillola Norlevo. Premetto che ero con grandi probabilità nel periodo dell'ovulazione. L'ultimo ciclo risale al 24 novembre (e non ho mestruazioni regolari) e generalmente arrivano dopo 28/30 gg. Oggi, domenica 14, a distanza di una settimana esatta, dopo non aver avuto grandi sintomi dopo l'assunzione della pillola, ho delle perdite rosse... cosa possono significare? Rischio la gravidanza o sono perdite legate all'effetto della pillola? Non credo si possa ancora parlare di ciclo, non sarebbe troppo presto? Grazie per la cortese attenzione

Federica

Gentile Federica,
se ha preso la "pillola del giorno dopo" tempestivamente, per esempio nelle 12 ore successive al rapporto, dovrebbe avere grande efficacia. Si tratta comunque di una dose di progestinico che può avere influenza sul ciclo mestruale modificandolo, alterandolo, in sostanza rendendolo strano e diverso dal solito. Quindi si accerti del buon funzionamento della pillola con un test di gravidanza e dopo non avrà più nessun cruccio, anche se il normale ritmo delle mestruazioni tarda. Cordiali saluti.

Dott. Salvatore Annona
Ginecologo - Napoli

Valori beta hcg: potrebbe essere una gravidanza gemellare?

(13/12/2014 - 15:11)

Buonasera, Mi chiamo Elisa, lo scorso sabato ho appreso di essere incinta sia dal test di gravidanza che era positivo e dall'analisi del beta hcg che era 588. Oggi, dopo una settimana ho ripetuto il l'esame ed è venuto 13376. La data del mio ultimo ciclo è stata il 4/11/2014. Detto questo volevo sapere se il valore del beta va bene, e anche sapere dato che in casa mio marito è gemello ed ho altri gemelli in famiglia, il valore che è venuto fuori dalla seconda analisi può già essere indice di una gravidanza singola o gemellare? Saluti

Elisa

Gentile Elisa,
i valori della beta HCG plasmatica sono estremamente variabili. Quindi più che il valore in assoluto in alcuni casi è importante valutare l'entità dell'incremento. Per stabilire la presenza o l'assenza di una gravidanza gemellare, il metodo più semplice, sicuro ed efficace, è quello di eseguire una ecografia. Proprio per l'estrema variabilità della beta HCG plasmatica, condizionata anche dall'epoca reale di concepimento, da solo tale esame non può essere utilizzato come elemento diagnostico per stabilire il numero di embrioni presenti. Un saluto

Dott. Nico Comparato
Ecografista - Matera

Cosa significa questo referto?

(11/12/2014 - 17:45)

Gentile Dott.re, sono una ragazza di 20 anni. Oggi ho effettuato un'ecografia di controllo dopo che a ottobre mi sono sottoposta a un'IVG farmacologica. Il referto dell'ecografia è questo: - Profilo: regolare - Eco-struttura: Regolare * Eco-struttura endometrio: echi endocavitari ipoecogeni disomogenei ed intensamente vascolarizzati * Orientamento: Antiverso - Ovaio sx: regolare - Ovaio dx: regolare Cosa significano le due voci indicate con (*)?? Grazie,

Alessia

Gentile Alessia,
mi sembra un referto tutto sommato regolare, tranne qualche particolarità a carico della cavità compatibile con il dato del recente aborto. Gli asterischi li ha messi lei per evidenziare a me i suoi dubbi o compaiono nel referto? Se ha mestruazioni regolari stia tranquilla. Cordiali saluti.

Dott. Salvatore Annona
Ginecologo - Napoli

Due cicli mestruali scongiurano la gravidanza?

(11/12/2014 - 14:15)

Gentile Dottore, mi chiamo Marco e sono un ragazzo di 22 anni. Vi scrivo per chiedervi se in base al racconto che vi riporto di seguito ci sono i rischi di una gravidanza indesiderata:
1) Il giorno 15 ottobre (al 14° giorno del suo normale ciclo) ho svolto dei preliminari con una ragazza durante i quali l'ho masturbata prevalentemente nella zona clitoride con un dito che forse era leggermente bagnato di liquido pre-eiaculatorio emesso circa un minuto prima. Tengo a precisare che non c'è stata una penetrazione completa del dito in vagina (una lievissima penetrazione, sempre che ci sia stata, è stata così leggera che avrà interessato solo la prima parte del dito fino all'unghia) e che non ho eiaculato nei dintorni della sua vagina. Allo stesso modo non ci sono stati contatti diretti tra i nostri organi genitali e nelle ore precedenti non avevo avuto alcuna eiaculazione. Due settimane dopo la data del rapporto a questa ragazza sono venute le mestruazioni regolarmente il giorno nel quale era previsto che arrivassero (29 ottobre) secondo questa tempistica: - 27 ottobre: inizia il mal di pancia - 28 ottobre: mal di pancia e piccole perdite pre-mestruali (normali per lei) - 29 ottobre: la mattina alle 9 inizia un flusso molto abbondante (più del solito) - 30 ottobre: continua il flusso molto abbondante (più del solito) - 31 ottobre: il flusso è nella norma fino alla sera, poi si sospende - 1 novembre: la mattina non vi è alcun flusso che poi riprende durante la giornata - 2 novembre: vi è pochissimo flusso
2) Il 15° giorno del ciclo la ragazza ha sentito un dolore alla pancia localizzato sul lato destro durato dalla mattina fino a metà pomeriggio
3) Il 26 novembre è arrivata una nuova mestruazione, ancora una volta regolarmente come tempistica, che è stata abbondante ed è durata 3 giorni. Si è sviluppata in questo modo: - 24 novembre: mal di pancia - 25 novembre: mal di pancia - 26 novembre: flusso abbondante - 27 novembre: flusso abbondante - 28 novembre: flusso progressivamente meno abbondante (scomparirà in serata).
Crede che viste le due mestruazioni con la durata e la quantità di flusso sopraindicata possa stare definitivamente tranquillo del fatto che non c'è una gravidanza in corso? La ringrazio e le auguro una buona serata. Cordiali saluti,

Marco

Caro Marco,
in base a quello che lei descrive, le probabilità che lei possa aver determinato una gravidanza sono veramente solo teoriche. Un saluto

Dott. Nico Comparato
Ecografista - Matera

Assenza di battito alla settima settimana, dubbi sull'aborto

(11/12/2014 - 10:52)

Salve, ho eseguito la mia prima ecografia il 6 Dicembre, la mia ultima mestruazione è stata il 9 Ottobre. Esami del sangue perfetti. Il ginecologo sosteneva che fossi in sei settimane, l'ostetrica di sette. Comunque il feto misurava 11mm ma non si è rivelato battito con eco esterna e interna. A quel punto mi ha indirizzata al pronto soccorso, dove con ulteriore ecografia hanno confermato l'aborto. Ora ho fissato il trattamento in ospedale con le compresse, per l'espulsione. So che è impossibile, ma io ho tutti i sintomi della gravidanza, nausea, seno gonfio, e nessuna perdita. Dovrei aspettare prima del trattamento? Posso ripetere il test di gravidanza, giusto per scrupolo? Oppure mi devo rassegnare e fare il trattamento il 15? So che mi faranno un'ulteriore ecografia prima di procedere... so che sembrerà stupido ma spero tanto che sentano i battito. Sono distrutta, anche se so che succede a molte donne. Grazie per l'attenzione e mi scuso per essermi dilungata.

Caterina S.

Gentile Caterina,
la sua è una situazione tipica. Anche noi operatori eseguiamo più di una verifica per scongiurare anche la più piccola possibilità di errore. E infatti è prevista un'ulteriore ecografia come lei ha riferito. L'assenza del battito cardiaco dell'embrione, confermata in esami successivi a distanza di tempo purtroppo dà la certezza della diagnosi, anche se la beta dovesse salire. Deve pensare che l'involucro della gravidanza e cioè tutti i tessuti che circondano la gravidanza, sono ancora attivi e possono anche continuare a produrre gli ormoni della gravidanza. Così si spiegano i suoi sintomi. Ma purtroppo senza attività cardiaca, a nulla valgono. Si faccia coraggio, superi la brutta esperienza e sia ottimista per la prossima volta. Cordiali saluti.

Dott. Salvatore Annona
Ginecologo - Napoli

Poco probabile o impossibile?!

(10/12/2014 - 16:45)

Gentilissimo dottor Comparato, la ringrazio di cuore per la sua veloce e precisa risposta. Vorrei se possibile solo comprendere una cosa: da quanto mi scrive lei ritiene "assai poco improbabile", mi perdoni, ma non impossibile, come sostiene la mia dottoressa?! Grazie. Saluti

Lettera non firmata

Gentile Signora,
per abitudine e per esperienza, evito di usare in medicina la parola "impossibile". Questo perché anche se assai raramente, accadono eventi apparentemente inspiegabili in base alle nostre conoscenze mediche. Quindi il termine "assai poco probabile" è molto vicino come significato ad "impossibile", ovviamente per quello che intendevo dire io e basandomi sulla stadiazione che ha effettuato il suo medico. Un saluto.

Dott. Nico Comparato
Ecografista - Matera

Accrescimento fetale (bdp e hc)

(10/12/2014 - 15:15)

Salve, vorrei sapere se queste misurazioni sono da ritenere nella norma? sono state fatte in 32 settimane +3 BDP 7,71 cm HC 29,34 cm AC 28,71 cm FL 6,50 cm FL/HC 22% (RANGE 19-21%) presentazione cefalica liquido amniotico normale flussimetria 0,60 per confronto, riporto anche le misurazioni fatte in 20 settimane +4: BDP 4,96 cm HC 18,73 cm AC 15,41 cm FL 3,37 cm FL/HC 18% (RANGE 16-20%) Il ginecologo non ha detto nulla al momento dell'ecografia ma quando ho ripreso in mano le carte ho visto che il bdp e l'hc sono di molto inferiori al 50% (quando alla precedente ecografia morfologica non lo erano). È una situazione da tenere sotto controllo? Ringrazio molto per l'attenzione. Cordialmente

Lettera non firmata

La invito a leggere se vuole su gol la mia monografia sulla biometria fetale. Dalla sua epoca in poi i ritardi di crescita si manifestano prevalentemente anche se non esclusivamente a carico della circonferenza addominale. Anche se prendere le misure è cosa relativamente semplice, a volte anche una piccola variazione nel posizionare i caliper può creare notevoli differenze, soprattutto se vengono effettuate come spessissimo se non sempre accade, ecografie di base. Se dovesse avere dei dubbi, esegua (se non già eseguita) una ecografia di secondo livello. Valuterà il medico ecografista se controllare l'incremento settimanale dei vari parametri fetali. Questo perché identificare quando possibile precocemente ritardi di crescita da insufficienza placentare, richiede competenze in genere non alla portata della ecografia di base. Il suo quadro, almeno da quello che mi scrive, non mi sembra però preoccupante. Un saluto.

Dott. Nico Comparato
Ecografista - Matera

Amenorrea secondaria

(10/12/2014 - 12:49)

Salve dottore, allora la mia è una situazione un po’ complicata. Ho 19 anni ed esattamente ad agosto 2013 ho avuto l'ultima mestruazione regolare sono andata dal ginecologo mi ha consigliato di prendere un integratore per circa 3 mesi e aspettare per vedere se il ciclo sarebbe arrivato. Il ciclo non è arrivato e da maggio ho iniziato a prendere il dufaston. A maggio l'ho presa mattina e sera ma il ciclo non arrivava, da giugno ad agosto l'ho presa solo di sera per 10 giorni, dopo questi 10 giorni sospendevo il ciclo arrivava e dal primo giorno del ciclo contavo 14 giorni per ricominciare la pillola. Il medico me l'ha sospesa a settembre e ottobre e mi ha fatto riprendere a novembre in quei due mesi non ho avuto mestruazione e nemmeno a novembre ora dovrei ricominciare con la doppia dose mattina e sera. Secondo lei è una cosa regolare?? PS ho avuto un calo di circa 10 chili e ora da circa un anno sto mantenendo lo stesso peso

Lettera non firmata

Gentile signorina,
la presenza di pseudoflussi mestruali stimolati dall'uso ciclico di progestinico (Dufaston), indica un "impigrimento" dei centri ipotalamici che presiedono allo stimolo ovulatorio, ma non costituisce la cura da eseguire ad oltranza. La terapia con integratori come il mioinositolo, protratta per molti mesi, può portare ad un miglioramento della situazione, sempre eseguendo prima i necessari accertamenti ormonali, metabolici ed ecografici, in relazione anche al calo ponderale riferito. Cordiali saluti.

Dott. Marcello Navazio
Ginecologo - Endocrinologo - Bologna

Da 10 mesi alla ricerca di una gravidanza…

(09/12/2014 - 18:07)

Gentile dottore, ho effettuato degli esami ed i risultati sono: 17 b estradiolo 80 valori di riferimento (38.00-309.00), progesterone 5.70 valori di riferimento: (1.70-27.00). Ho 29 anni ed eseguendo l'amh è stata riscontrata una bassa riserva ovarica 2.0 con valori di riferimento (2.0/6.8). Cosa vuol dire? In più con 30 milioni di spermatozoi con velocità lineare A al 42% e con forme tipiche al 35% è possibile un concepimento naturale? Siamo da 10 mesi alla ricerca di una gravidanza

Lettera non firmata

I dosaggi ormonali non sono interpretabili senza conoscere in quale giorno del ciclo mestruale sono stati eseguiti. Il valore dell'AHM è basso e senza dubbio lo ripeterei per avere una conferma, data la sua giovane età. I parametri del liquido seminale sembrano buoni, ma devono essere confrontati con gli standard del laboratorio in cui è stato eseguito l'esame (35% di forme tipiche è un valore molto alto). È indicato rivolgersi ad un centro di aiuto medico alla procreazione se la gravidanza non arriva dopo 1 anno di tentativi. Cordiali saluti

Prof. Simone Ferrero
Ginecologo - Genova

Gaviscon in gravidanza

(09/12/2014 - 18:06)

Buonasera dottore, sono alla 25.ma settimana di gravidanza e da circa due settimane soffro di reflusso, che mi causa difficoltà nel digerire e a volte difficoltà di respirazione. Il mio ginecologo mi ha prescritto lo sciroppo Gaviscon o in alternativa Gaviscon Advance sciroppo da prendere dopo colazione,pranzo e cena fino al parto o fino alla risoluzione del problema. Poichè sono già 15 giorni che lo assumo e poiché sul foglietto illustrativo si parla di uso occasionale del prodotto, mi chiedevo se si possa assumere effettivamente per periodi così prolungati e se può creare problemi al bambino. In attesa di un cordiale cenno di riscontro porgo distinti saluti.

Lettera non firmata

Si tranquillizzi. In caso di necessità può essere tranquillamente assunto anche per lunghi periodi, a patto che faccia effetto ovviamente. Un saluto.

Dott. Nico Comparato
Ecografista - Matera

Terzo aborto a 19 settimane

(09/12/2014 - 13:34)

Buongiorno, purtroppo dopo due bambini meravigliosi e gravidanze bellissime in quest'anno ho perso tre bambini. Il primo aborto a 8 settimane, il secondo a 6 settimane e l'ultimo a 19 settimane. Si è fermato il cuore. Ecograficamente era perfetto, bitest, tn e premorfologica perfetti, ma lui è morto. Il mio ginecologo dice che capita. Certo, ma io vorrei sapere la causa. Ho 35 anni, ci sono tante che partoriscono alla mia età. Ora devo aspettare l'esame del bambino e della placenta, ma mi hanno già preparato che probabilmente non verrà fuori niente. Cosa devo fare? Se faccio ogni esame e non esce niente? Ho paura ma vorrei un terzo figlio. Sono triste e disperata e non so come andare avanti.

Cristina

Gentile Cristina,
le consiglio un controllo dal suo ginecologo con tamponi completi e eventualmente una valutazione anamnesi approfondita per lei e il suo partner. Cordiali saluti

Dott.ssa Giovanna Marforio
Ginecologo - Trapani

Gravidanza biochimica

(08/12/2014 - 19:45)

Gentile Dottore, ho 32 anni e sono reduce da una gravidanza biochimica dopo il mio primo tentativo di transfer di 2 embrioni congelati. Ho già un bambino di un anno. Allora ero rimasta incinta naturalmente ma subito dopo le terapie ormonali che avrebbero portato al pick up. Il mio quesito è il seguente. A cosa sono dovuti questi aborti così precoci nelle gravidanze biochimiche? Come vengono considerate da un punto di vista prognostico per i successivi tentativi di fecondazione assistita? Nel senso che sono da considerare un evento positivo dal momento che sono indice di un attecchimento oppure al contrario rappresentano comunque degli aborti la cui causa è difficile da definire? Sono molte le probabilità che possa accadere di nuovo ad un successivo transfer? Grazie per la vostra attenzione

Serena

Gentile Serena,
le cause che possono determinare un aborto sono infinite, o quasi, alcune conosciute altre no. Non avendo a disposizione poi nessun dato, non posso assolutamente dire nulla a riguardo del perché lei ha abortito. Ad ogni modo il successo della procedura che lei sta sperimentando, a volte richiede alcuni tentativi per comportare esito positivo. Un saluto

Dott. Nico Comparato
Ecografista - Matera

Certezza sul rapporto fecondo

(08/12/2014 - 16:50)

Gentilissimi dottori, mi rivolgo a voi per avere un parere ad un mio dubbio che non mi lascia più in pace. Sabato ho eseguito una ecografia nella quale il bimbo misurava 23.8 mm. La dottoressa mi ha detto che il rapporto fecondo dev'essere stato intorno al 17 ottobre. Io mi chiedo: è possibile che tale misura corrisponda ad un rapporto avvenuto il 19 settembre? Quante probabilità ci sono? Grazie

Lettera non firmata

Gentile Signora,
l’ecografia precoce stadia la gravidanza con enorme precisione, con un errore di circa uno o due giorni. È quindi assai poco probabile che ci possano essere discrepanze di circa un mese a riguardo di un ipotetico rapporto fecondante. Un saluto

Dott. Nico Comparato
Ecografista - Matera

Pillola del giorno dopo e ovulazione

(08/12/2014 - 12:23)

Buongiorno dottore, le scrivo perchè ieri sera ho avuto un rapporto con il mio ragazzo e a conclusione ci siamo accorti che si era rotto il preservativo, quindi lui è sicuramente venuto dentro. Dopo un attimo di panico ci siamo rivolti a sua madre, che per fortuna nostra è ginecologa. Ho preso la pillola del giorno dopo (norlevo) a distanza di circa un'ora e mezza dal rapporto. Ho però paura perchè potrei essere nel periodo dell'ovulazione... sua madre mi ha suggerito che, per stare tranquilli al 100%, può mettermi la spirale per un mese, fino a che non arriva il ciclo. Ho paura che la sua reazione sia dovuta ad un ovvio coinvolgimento emotivo. È davvero necessario che io metta la spirale o posso stare tranquilla? Sono giovane e ai primissimi rapporti, sono abbastanza spaventata. Mia madre stamattina mi ha fatto fare un test di ovulazione di clearblue per vedere il livello di lh ed è risultato negativo, quindi basso... è comunque possibile che io il giorno prima fossi nel periodo fertile? Spero in una risposta al più presto, buona giornata

Lettera non firmata

Sono colpito: una mamma prescrive la pillola del giorno dopo e propone la spirale e l'altra fa fare il test dell'ovulazione. Per quanto tutto questo possa apparire molto bello, nel rapporto genitori/figli, e anche io abbia una figlia, sento una certa violazione delle magiche emozioni della vita sessuale di coppia. E vi chiedo se davvero siete felici che questi inconvenienti siano trattati in famiglia al pari di un'influenza, di una bronchite. Mah, sono comunque mie considerazioni personali. Venendo al quesito, la pillola del giorno dopo è molto efficace quando presa così presto dopo il rapporto a rischio, anche se resta un minuscolo margine di insuccesso. Quindi ogni altra precauzione può essere eccessiva, in relazione a tanta efficacia. È irrilevante l'aspetto del giorno dell'ovulazione, perchè in effetti la pillola del giorno dopo serve proprio in questa evenienza. Suggerisco di avere un proprio ginecologo di fiducia e di seguire le sue indicazioni, anche se si tratta della suocera, ma non nell'emergenza, ma con regolarità. Cordiali saluti.

Dott. Salvatore Annona
Ginecologo - Napoli

Datazione del possibile concepimento

(08/12/2014 - 11:23)

Buongiorno, chiedo cortesemente di aiutarmi a capire se posso essere incinta e soprattutto quando potrebbe esser successo. Cercherò di darVi più informazioni possibili. Ultimo ciclo: 8 nov. 2014. Rapporto completo non protetto: 16 - 19 nov. Rapporto completo non protetto con coito interrotto: 22 nov. Rapporto completo non protetto: 23 nov. Picco massimo di fertilità: 24 nov. (perdita simile all'albume). Vi scrivo in data 8 dic. 2014. So che è presto in quanto sono in attesa del ciclo, ma avrei bisogno di una risposta. La ringrazio in anticipo. Saluti,

Lettera non firmata

Gentile Signora,
le probabilità che lei abbia avuto un rapporto potenzialmente fecondante sono abbastanza alte. Questo ovviamente non significa che debba essere rimasta gravida. Significa però che ha avuto rapporti non protetti nel presunto periodo ovulatorio e di fertilità. Un saluto

Dott. Nico Comparato
Ecografista - Matera

Posso prendere la pillola senza fare esami?

(07/12/2014 - 13:36)

Salve dottoressa, volevo chiedervi se posso prendere qualche pillola anticoncezionale senza fare visite, analisi, ecc..!!!

Lettera non firmata

Cara amica,
per la prescrizione di un anticoncezionale è sempre opportuno una visita ginecologica. Può provare a chiedere anche al suo medico di base. Cordiali saluti

Dott.ssa Giovanna Marforio
Ginecologo - Trapani

Pillola Zoely e problemi di assorbimento

(05/12/2014 - 16:36)

Salve, volevo porle gentilmente delle domande. Le spiego la situazione.. Prendo la pillola da un anno (Zoely) e il 13 e 14 agosto ho avuto due giorni di virus intestinale perció non credo di aver assunto quelle due pillole. Ero alla seconda settimana e nel bugiardino c'era scritto che in questi casi si devono prendere misure precauzionali per 7 giorni. Per i sette giorni successivi non ho avuto rapporti. Nei 4 giorni di pausa ho avuto un rapporto non protetto ma senza eiaculazione. In tutti questi mesi il ciclo mi è venuto regolarmente anche se so che è un falso ciclo con la pillola. Ho fatto un test Clearblue digital dopo 63 giorni dal rapporto e un'ecografia interna dopo 2 mesi dal rapporto per altri problemi alle ovaie e la ginecologa non ha accennato a una gravidanza. I quesiti sono: avendo rispettato il bugiardino c'è il rischio di rimanere incinta secondo quello che è successo e considerando che il rapporto era nei giorni di pausa? Un test dopo 60 giorni dal rapporto è attendibile? La ginecologa potrebbe non essersi accorta della gravidanza in corso dopo 2 mesi e mezzo dal rapporto? La ringrazio molto, sono in ansia

Lettera non firmata

Gentile signora,
direi che può stare tranquilla, il rischio di una gravidanza in base a quanto riferito è praticamente nullo, come confermato dal test dopo 63 (!) giorni e dall'ecografia dopo due mesi dal rapporto "incriminato", oltretutto con regolari cicli (indotti) nel frattempo. Cordiali saluti.

Dott. Marcello Navazio
Ginecologo - Endocrinologo - Bologna

Si può avere una gravidanza 10 giorni prima del ciclo??

(05/12/2014 - 15:39)

Salve dottore, sono Tonia, ho 25 anni e sono sposata con due bimbi. La contatto per dirle che 4 giorni fa ho avuto dei dolori forti alle ovaie sinistra e dolore pelvico, e ho avuto delle macchie di color rosa. Sono andata al pronto soccorso e mi hanno visitata e il ginecologo mi ha detto che non ho niente, ma sto avendo un ovulazione premestruale. E io le vorrei chiedere: si può ovulare 10 giorni prima del ciclo?? Perché a me l'ovulazione viene sempre dopo il ciclo. E poi la cosa più importante che le voglio chiedere, si può avere una gravidanza in questo periodo dell'ovulazione? Cioè, 10 gg prima del ciclo?? Siccome che ho avuto rapporti senza prendere provvedimenti cioè un rapporto libero. La prego mi risponda, grazie mille

Tonia

Gentile Tonia,
l'ovulazione non sempre avviene al 14º giorno. Relativamente spesso può avvenire prima oppure dopo. Per stabilire con esattezza il periodo ovulatorio, bisognerebbe eseguire il monitoraggio ecografico del follicolo. In alternativa, si possono usare anche se con minore accuratezza, alcuni kit venduti in farmacia. Il periodo fertile di una donna è in genere due o tre giorni prima dell'ovulazione ed uno massimo due giorni dopo l'ovulazione stessa. Un saluto.

Dott. Nico Comparato
Ecografista - Matera

Perdite marroni e bruciore prime settimane

(05/12/2014 - 09:47)

Buongiorno, sono incinta di poche settimane l'ultimo ciclo è stato il 26/10, il mio ginecologo mi ha fissato prima ecografia il 18/12. Dall'inizio ho sempre avuto delle perdite rosa o marroni, il mio ginecologo mi ha detto che nel primo trimestre possono verificarsi. In questi ultimi giorni ho notato che le perdite sono come dei grumi marroni, in più ho bruciore. Cosa potrebbe essere, io comunque non ho dolori a parte raffreddatissima. Grazie

Lettera non firmata

In alcuni casi piccole perdite possono essere dovute alla atrofia della decidua che non partecipa all'annidamento. Altre volte invece possono sottendere problemi. Una ecografia può sicuramente aiutare a formulare un giudizio corretto. Un saluto

Dott. Nico Comparato
Ecografista - Matera

Dimenticanza pillola YAZ terza settimana e perdite scure!

(03/12/2014 - 22:44)

Salve, le scrivo perché sono molto preoccupata. Ho 19 anni e assumo regolarmente YAZ da quasi due anni. Il 12 novembre mi sono accorta di essermi dimenticata una pillola rosa nei giorni precedenti. Credo di averla dimenticata la domenica 9, ma non sono sicurissima. Essendo nella terza settimana ho subito preso la pillola dimenticata e quella corretta ed ho quindi unito due blister come scritto sul bugiardino. Avendo avuto un rapporto completo e uno con coito interrotto il sabato 8 e altri tre rapporti con coito interrotto tra lunedì 10 e martedì 11, sono protetta da una possibile gravidanza? Inoltre ho aspettato 17 giorni dalla dimenticanza prima di avere altri due rapporti con coito interrotto (il 29 e 30 novembre), sono protetta, giusto? Ora sono nella terza settimana del secondo blister e ieri sera (martedì 2 dicembre) e anche questa mattina (mercoledì 3 dicembre) ho notato delle perdite marroncine, è solamente spotting o devo preoccuparmi? La domenica mattina avendo qualche problema di aria nella pancia ho preso una pastiglia di carbone vegetale a 12ore di distanza dall'assunzione della pillola. C'è il rischio di avere una gravidanza indesiderata? Come dovrei comportarmi? Grazie mille per l'aiuto!

Lettera non firmata

Gentile signorina,
mi sembra che abbia messo in atto tutte le possibili misure per azzerare il rischio, comunque minimo, della dimenticanza passata. I rapporti di cui chiede non sono da considerare a rischio e le perdite attuali sono solo spotting da riferire alla prolungata assunzione della pillola, che è pur sempre un preparato a basso dosaggio ormonale. Continui l'assunzione, quindi, come da programma senza alcun timore. Cordiali saluti.

Dott. Marcello Navazio
Ginecologo - Endocrinologo - Bologna

1^ gravidanza fallita sul nascere

(03/12/2014 - 19:18)

Egregio dottore, ho 31 anni, ho avuto l'ultimo ciclo il 28 agosto (il mio ciclo è di 35/37 giorni) e il ciclo successivo, non è arrivato. Il 5 ottobre ho fatto il test ed era positivo, solo che i valori salivano a stento e dalle ecografie dei giorni successivi, la camera gestazionale risultava vuota. Alla fine i valori sono scesi del tutto e il 28 ottobre è tornato un ciclo abbondante. Dalla visita è risultato che non era necessario fare il raschiamento, ma mi è stato prescritto il vaccino antinfluenzale che ho fatto il 15 novembre perchè sembrava che l'ovulo non si fosse impiantato in quanto avevo avuto una malattia da raffreddamento proprio in quel periodo. Ora il ciclo è tornato normalmente con i 36 gg. dal precedente il 4 dicembre. Ora le chiedo quanto dovrò aspettare prima di tentare una nuova gravidanza perchè ho sofferto molto per quella andata a male. La prego di darmi una risposta per tranquillizzarmi e per non commettere errori. La ringrazio.

Alessandra

Gentile Alessandra,
anche senza considerare il vaccino, in genere suggeriamo un'attesa di 2-3 mesi dopo un aborto prima di riprovare. Non si avvilisca. È un episodio spiacevole, ma perfettamente previsto dalle statistiche e si deve mettere in conto che purtroppo possa accadere. Cordiali saluti.

Dott. Salvatore Annona
Ginecologo - Napoli

Nuvaring in viaggio... trasporto ed efficacia

(03/12/2014 - 17:40)

Mi trovo all'estero per lavoro e pur sapendo che qui è in vendita l'anello, costa caro, per cui, d'accordo col medico curante, ho acquistato preventivamente una confezione di Nuvaring in Italia. Siamo in pieno autunno (anzi, qui ormai inverno) e per il trasporto ho usato una bustina termica di quelle tipiche per medicinali con una mattonella. Ho viaggiato tutto il giorno lasciando l'anello nel bagaglio da stiva. Al mio arrivo a casa la scatoletta non era particolarmente fredda e neanche l'ambiente interno alla bustina termica, ma è anche vero che la temperatura qui non era superiore a 10°C e solo in treno sarà stata intorno ai 20°C. Ora so che l'anello va conservato in frigo SOLO fino a che il farmacista non lo dispensa (o in estate) e quindi non dovrebbero esserci dubbi sulla sua efficacia... Ma posso davvero stare tranquilla, o conviene comprarne una confezione nuova??? So che può sembrare retorico e paranoico, ma i dubbi sulla conservazione del nuvaring ci sono sempre, anche inverno!!! Grazie!!

Lettera non firmata

Gentile signorina,
non credo che l'anello abbia subito particolari alterazioni ma, se ha timore di non dormire sonni tranquilli per questo motivo, sacrifichi pure il costo del dispositivo "incriminato". Cordiali saluti.

Dott. Marcello Navazio
Ginecologo - Endocrinologo - Bologna

Ecografia a 27 settimane

(03/12/2014 - 16:44)

Salve! Stamattina ho fatto un'ecografia per controllare la crescita della mia bimba! Mi hanno detto che il BPD e il TCD sono al limite inferiore, volevo sapere se per lei le misure rientrano nelle linee di crescita BDP 64.7 mm CC 242.0 mm CM 5.6 mm TCD 27.2 mm CA 219.0 mm LF 46.9 mm Omero 43.1 mm Peso 889 g

Lettera non firmata

Gentile Signora,
nel complesso sì, vanno bene. Anche se qualche misura è ai percentili bassi, l'accrescimento rientra nei limiti. Comunque la valutazione attendibile è quella che fa l'ecografista al termine delle esame e in genere si legge nelle conclusioni. Cordiali saluti.

Dott. Salvatore Annona
Ginecologo - Napoli

Aborto ritenuto

(03/12/2014 - 08:48)

Caro Dott., ho 36 anni, nel 2005 ho avuto un aborto ritenuto con raschiamento, poi nel 2006 è nato mio figlio. Nel 2009 è nato il mio secondo bambino, ora la settimana scorsa un nuovo aborto ritenuto alla 10 settimana. Volevo sapere se tra le due cose ci può essere un nesso o è solo una casualità (tutti mi dicono che io non porto avanti le gravidanze femminili, può essere così?). Inoltre, da ieri ho delle perdite bianche trasparenti (come muco), cosa può essere? Grazie per la sua attenzione

Lettera non firmata

Gentile signora,
la sua situazione è da inquadrare nell'abortività sporadica, cioè non abituale. Non è possibile, senza altre informazioni, ipotizzare che non porti a termine le gravidanze con feto femmina. Può comunque eseguire, per togliersi qualche dubbio, una consulenza genetica. Le perdite chiare sono il segno della stimolazione estrogenica (non necessariamente correlate ad una ovulazione). Cordiali saluti.

Dott. Marcello Navazio
Ginecologo - Endocrinologo - Bologna

Ho paura di essere incinta!

(03/12/2014 - 02:22)

Buonasera, sono qui a scriverle perché ho un dubbio che mi attanaglia tanto da non farmi dormire. Circa una settimana fa io e il mio ragazzo ci siamo ritrovati nudi a fare petting. Prima io a lui ed è arrivato. Si è pulito con dei fazzoletti e li ha buttati, successivamente mi sono accorta che aveva un'altra parte dimenticatasi (sulla pancia) con dei residui, eliminata anche essa con dei fazzoletti. Il problema è che dopo le nostre parti intime sono venute a contatto (senza penetrazione), anzi per essere più discreto lui ha posizionato il suo pene a lato. E dopo mi ha stimolato a me. Facendo petting. Successivamente ha anche inserito il suo pene dietro, senza penetrazione e non so se da lì possono essere passati nella vagina. Sono molto confusa ed inesperta. Ho paura che sia rimasta incinta, perché può darsi che vi erano residui sul suo pene e che magari toccandolo con e mani e praticando petting a me mi abbia rimasta incinta. Non so cosa fare, ho 18 anni e ho bisogno di un parere di uno specialista. Ps il ciclo mi dovrebbe venire il 5 dicembre e di solito ho i sintomi che mi iniziano da una settimana prima, ma non è questo il caso, inoltre in 6 anni e mezzo non mi è mai saltato di un mese. Grazie ancora.

Lettera non firmata

Queste pratiche sono spesso all'origine di gravidanze indesiderate. Inutile privarsi di un rapporto completo se poi fate tanti pasticci. Tanto vale farsi prescrivere da uno specialista un idoneo metodo anticoncezionale. Così potrà vivere serenamente la sua sessualità senza ombre e paure inutili. Continuando in questo modo annulla il piacere di una vita sessuale appagante. Per il momento incrociamo le dita e aspettiamo le mestruazioni. Se ha un ritardo, visto che è così precisa, faccia subito un test sul sangue. Se tutto va bene non rimandi una visita ginecologica dicendo espressamente che è interessata ad usare un metodo anticoncezionale. Cordiali saluti.

Dott. Salvatore Annona
Ginecologo - Napoli

Prima ecografia alla 13° settimana, troppo tardi?

(02/12/2014 - 21:18)

Salve, sono alla 7° settimana della mia prima gravidanza, oggi ho fatto il primo incontro in consultorio con l'ostetrica. Non c'è stata nessuna visita. Solo le spiegazioni di base e domande per compilare la mia cartella clinica. Ora la prima visita mi è stata fissata per il 5 Gennaio, e il bi-test il 13 Gennaio. Ora mi chiedevo, non è troppo tardi? Meglio farla prima? O aspettare? Grazie

Lettera non firmata

Sicuramente. Una eco in epoca precoce consente di accertare che tutto sia nella norma e di stadiare correttamente la gravidanza. Andrebbero anche eseguiti una serie di esami ematochimici che potrebbero essere prescritti anche dal medico di famiglia. Un saluto

Dott. Nico Comparato
Ecografista - Matera

Vorrei avere un 4 figlio ma con metodo VBAC si può??

(02/12/2014 - 18:18)

Gent.le dott.re, vorrei avere un 4 figlio e le precedenti gravidanze sono state tutte ottime, nessun male, anche il post parto, tutti e 3 nati con parto cesareo. Tutto ottimo anche il post cesareo. Vorrei sapere se si può fare il VBAC dopo 3 cesarei?? Si può fare e come devo comportarmi durante la ricerca della cicogna!! Grazie in attesa della VS cordialità risposta.

Lettera non firmata

VBAC non è un metodo: è l'acronimo dell'inglese "parto vaginale dopo cesareo". Dopo 3 tagli cesarei aspirare ad un parto spontaneo è solo una sfida alla natura e alla sorte. Mi dispiace, ma la risposta è no. Potrà anche trovare nel mondo qualche caso che ci è riuscito, ma a quale scopo? Cordiali saluti.

Dott. Salvatore Annona
Ginecologo - Napoli

Movimenti fetali

(02/12/2014 - 10:14)

Buongiorno, sono alla 18+3 della seconda gravidanza. Ho già cominciato a sentir muovere il bambino, sento dei piccoli colpetti e ieri soprattutto l'ho sentito tutto il giorno. Vorrei chiedervi, come mi devo regolare per i movimenti che fa? Devo stare attenta a quanti ne fa già da ora o è troppo presto? Non vorrei stare troppo in apprensione ma neanche tralasciare qualcosa di importante. Grazie, Saluti

Lettera non firmata

I feti, come i neonati, hanno i loro tempi di veglia sonno e di attività. Piano piano imparerà a conoscere quelli che sono tipici del suo bambino. Non esistono infatti regole fisse. Un saluto

Dott. Nico Comparato
Ecografista - Matera