Registrati alle settimane di gravidanza

Il Medico Risponde

Il Ginecologo risponde

a cura dei Dottori


Sono incinta… e adesso cosa devo fare!?

(30/07/2015 - 13:43)

Buongiorno, ho 33 anni sono alla prima gravidanza. Ho fatto il test ed è risultato positivo. Cosa devo fare adesso? Quali sono i primi passi da fare? Grazie

Stefania

Gentile Stefania,
innanzitutto auguri per la bella notizia. La gravidanza è un evento naturale e quindi non senta il peso di quel che deve fare. Tuttavia è sicuramente utile farsi seguire. Avvisi innanzitutto il suo medico di famiglia, che già le può prescrivere gli esami del I trimestre e l' acido folico. Poi si può far indirizzare dal medico stesso, oppure scegliere personalmente un ambulatorio, oppure un consultorio, o un ginecologo privato, se preferisce: legga anche il mio articolo sulla scelta del medico. Avrà bisogno del counselling sulle possibilità di screening e diagnosi delle anomalie congenite e sui comportamenti da seguire in gravidanza, soprattutto per l'alimentazione e la prevenzione delle malattie infettive. Più o meno queste sono le indicazioni iniziali. Poi il tutto dipende anche dalle sue esigenze e dalle sue aspettative. Cordiali saluti.

Dott. Salvatore Annona
Ginecologo - Napoli

Nonostante il ciclo, potrebbe esserci il rischio di una gravidanza?

(30/07/2015 - 11:39)

Buongiorno, volevo far presente una situazione che mi causa un po’ di ansia da un mesetto a questa parte. Premettendo che io e il mio fidanzato utilizziamo il metodo del coito interrotto da circa due anni, siamo a conoscenza che non è un metodo contraccettivo e nonostante non sia una priorità quella di cercare un figlio in questo momento, se arriverà saremo comunque contenti! Premetto che ho sempre un ciclo regolarissimo ogni 28 giorni, l'ultimo mio ciclo è avvenuto con un ritardo di quattro giorni (il 13 luglio) e con una serie di sintomi che mi destavano preoccupazione, un pomeriggio all'incirca una settimana prima del ciclo ho avuto dei doloretti al basso ventre come delle "piccole pizzicate" mai avute, urina frequente (iniziavo ad alzarmi la mattina alle cinque per fare pipi), stanchezza, pancia gonfissima (che ho tuttora), mal di testa ricorrenti e seno gonfio (anche adesso)… sintomi premestruali che solitamente non ho. Comunque, nonostante il ritardo, all'arrivo del ciclo mi sono tranquillizzata, senza fare poi alcun test, anche se il ciclo ha avuto comunque la solita durata ma con un intensità minore! Comunque, il problema è che i sintomi persistono, sono due giorni che ho avuti due forti giramenti di testa oltre a sonnolenza, pancia gonfia, alterno momenti di stipsi e altri di diarrea, seno gonfio etc..etc. Avrei dovuto ovulare cinque giorni fa, solitamente ho dei doloretti alla pancia e delle perdite, mentre l'unica perdita che ho avuto è stata ieri, ma non era la solita dell'ovulazione, era meno acquosa e non era trasparente, anzi era piuttosto bianca! Ho pensato addirittura che nonostante abbia avuto il ciclo, forse c'è il rischio di una gravidanza in atto? Mi consiglia di fare un test o posso stare tranquilla?

Lettera non firmata

Gentile Signora,
Le consiglio di eseguire il test, meglio la beta hCG plasmatica. Un saluto

Dott. Nico Comparato
Ecografista - Matera

Pillola senza capoparto

(29/07/2015 - 19:35)

Salve, ho partorito l’11/05/2015 e da un mese e mezzo ormai non allatto più. Vorrei riprendere la pillola milvane che già prendevo per anni prima della gravidanza. Si possono assumere subito o devo aspettare il capoparto??? La ringrazio!

Lettera non firmata

Gentile Signora,
può prendere la pillola anche prima del capoparto, essendo passate parecchie settimane dal parto e avendo sospeso l’allattamento. Esegua però prima una beta hCG plasmatica. Un saluto

Dott. Nico Comparato
Ecografista - Matera

Sospetta gravidanza anembrionica

(29/07/2015 - 13:42)

Buongiorno, sono una ragazza di 32 anni. Il mio ultimo ciclo mestruale è stato il 13/6/2015. Ho fatto il test il 17/7 e risultavo incinta. La prima ecografia alla 5+2 visualizzava la camera gestazionale. La settimana dopo alla 6+2 la camera gestazionale cresciuta senza embrione. Ora sono in attesa della terza ecografia che farà venerdì 31/7. Sono davvero molto in ansia. Io non ho perdite di nessun genere, ho solo dei leggeri doloretti e sono comunque a riposo. Ho letto su diversi articoli che può capitare che alla settima settimana non si veda ancora l'embrione. Sapreste per favore darmi qualche delucidazione in merito? Grazie

Lettera non firmata

Alla 6 settimana effettiva dovrebbe essere ben visibile sia il battito che l’embrione (diverso se la gravidanza è iniziata in ritardo). Come più volte ho avuto modo di puntualizzare, esiste però una notevole variabilità, sia fisiologica che legata alle competenze del medico che esegue l’ecografia. Associ magari ogni 4 giorni il dosaggio della beta hCG plasmatica e ripeta la ecografia a distanza di sette giorni. Un saluto

Dott. Nico Comparato
Ecografista - Matera

Area nell'ovaio: cosa potrebbe essere?!

(29/07/2015 - 10:36)

Buongiorno, tramite un’ecografia interna mi è stata riscontrata un’area isoecogena color score 1 di 1,6 cm nell'ovaio, ho ripetuto l'ecografia due volte a distanza di 3 settimane, ma questa area era ancora lì e quindi mi hanno fatto fare il marker CA 125 che è risultato negativo, e quindi la ginecologa mi ha detto di tornarci tra 6 mesi, ma io sono preoccupata, non so cosa può essere questa area che si trova nell’ovaio. Secondo lei cosa potrebbe essere? Lo so che è difficile dirlo così, senza aver fatto personalmente l'ecografia, ma spero possa aiutarmi lo stesso, e un’altra cosa: la mia ginecologa mi ha detto che è un’area, non una cisti, cosa può significare? Grazie, aspetto vostre notizie.

Lettera non firmata

È veramente impossibile esprimersi in base ai dati che mi fornisce… l’unica cosa che mi viene in mente è che possa essere una cisti endometriosica. Però in realtà un’immagine con le caratteristiche che lei riporta potrebbe essere compatibile con numerosi aspetti. Le cisti in genere hanno pareti regolari e nella loro espressione tipica sono liquide, cioè anecogene ed appaiono nere (esistono ovviamente numerose eccezioni). Di più non posso dirle e, mi creda, non per mancanza di volontà… Un saluto

Dott. Nico Comparato
Ecografista - Matera

Ovaio policistico: ho paura di non riuscire ad avere figli

(29/07/2015 - 09:59)

Salve, di sicuro la mia domanda potrà sembrare sciocca… l'anno scorso, a marzo, alla 12 settimana ho avuto un aborto interno... il cuore aveva smesso di battere alla 9 settimana. Ho subito due raschiamenti e provato dolore emotivo atroce, tra le altre cose era la mia prima gravidanza... Abbiamo ripreso i rapporti ad agosto scorso, ma senza assiduità causa lavoro e varie cose. Questo mese di luglio ho fatto una visita di controllo dal ginecologo e mi ha detto che ho le ovaie policistiche e che molto probabilmente sono nata così... mi ha detto anche che dato che una gravidanza seppur finita male c'è stata, non dovrei avere problemi a concepire di nuovo. Ma io mi sono convinta che non sarà cosi...

Lettera non firmata

Gentile Signora,
sono d’accordo con quanto le ha detto il suo ginecologo, non è detto che l’ovaio policistico crei dei problemi al concepimento; purtroppo molte donne hanno almeno un aborto, ma le possibilità che la successiva gravidanza vada bene sono molto alte. Auguri

Prof. Simone Ferrero
Ginecologo - Genova

Profilattico rotto e pdgd: potrei essere incinta?

(29/07/2015 - 09:05)

Salve, il 29 giugno ho avuto un rapporto però il profilattico si è rotto. Ho preso la pillola del giorno dopo, però ancora il ciclo non mi è arrivato. Doveva arrivare il 28 luglio, ma ancora niente... sarò incinta?? Che devo fare?

Lettera non firmata

Gentile Signora,
se ha un ritardo mestruale deve fare un test di gravidanza e un controllo ginecologico. Cordiali saluti

Dott.ssa Giovanna Marforio
Ginecologo - Trapani

Rapporto non protetto nel primo giorno di ciclo

(28/07/2015 - 15:03)

Salve, domenica primo giorno di ciclo ho avuto un rapporto non protetto, ma il mio compagno ha avuto l’eiaculazione esternamente dopo una masturbazione. Siamo comunque a rischio? Devo prendere la pillola? La ringrazio

Lettera non firmata

Gentile Signora,
un rapporto non protetto può essere sempre considerato a rischio. Cordiali saluti

Dott.ssa Giovanna Marforio
Ginecologo - Trapani

La depilazione all'inguine con le creme depilatorie può far male al bambino?

(28/07/2015 - 12:30)

Buongiorno, sono alla 7+3 e vorrei sapere se può far male al bambino la depilazione all'inguine con le creme depilatorie che si trovano in commercio, essendo comunque chimiche. Mentre per quanto riguarda la ceretta, lo strappo può provocare lesioni alla placenta? Faccio questa domanda perché ho un piccolo distacco. Grazie mille per la sua risposta. Cordiali saluti.

Lettera non firmata

Non credo ci sia addirittura il rischio di lesioni alla placenta con la ceretta e nemmeno da parte delle creme, che comunque rimanderei dopo il 4° mese. L'utero gravido non è un oggetto delicato "imballato male". In ogni caso, nel dubbio, perchè non rinuncia alla depilazione? È proprio necessaria? Si fanno tanti discorsi sulla naturalezza della gravidanza, del parto, nel non volerlo medicalizzare, nell'evitare il cesareo, l'episiotomia, ecc... e poi... ci facciamo la depilazione?!

Dott. Salvatore Annona
Ginecologo - Napoli

Ovaie addormentate!

(27/07/2015 - 18:58)

Buongiorno dottore, mi scuso in anticipo per la lungaggine... scrivo anche qui perché non so più dove sbattere la testa... in breve la mia storia: ho 39 anni, sposata, in cerca di gravidanza da 10 anni, dopo 2 anni senza concepimento ci affidiamo all'ospedale di Chieri, a 2 centri di Torino, dove ho sempre fatto stimolazioni con clomid, puregon, gonasi, con successivi tentativi mirati, senza affacciarci alla pma. Nel 2009, dopo vari mesi di stimolazioni con clomid, il primo mese di sospensione per disintossicarmi sono rimasta incinta, ma tutto è finito alla 10 settimana. Nel 2010 sono rimasta incinta naturalmente, ma è finito tutto alla 8 settimana e nel 2011 di nuovo, finito tutto alla 6 settimana... dal secondo aborto il medico di Torino inizia a darmi la cardioaspirina e farmi fare milioni di esami per la poliabortività, da cui è uscita la mutazione MTHFR C677T in omozigote e LAC ballerino. Nel 2012 ci rivolgiamo nuovamente al centro di Torino e nel 2013 iniziamo nuovamente stimolazioni con puregon e tentativi mirati senza risultato, per gennaio, febbraio, marzo, per aprile interrompiamo in vista di IUI a luglio... a maggio rimango incinta naturalmente, porto la gravidanza alla 34+4, mi fanno il tc d'urgenza, ma il bimbo non piange, non respira e dopo 2 ora viene a mancare. La gravidanza è stata abbastanza normale, mi si alzava leggermente la pressione, allora la ginecologa ha iniziato a darmi aldomet 250 1 al giorno, assumevo sempre cardioaspirina, acido folico... al momento del tc ero ricoverata da 1 settimana sotto controllo per ridotti movimenti che puntualmente durante i 3 tracciati al giorno che mi facevano davano esito ok. Ma il 9/12, alle 13, il tracciato era sospetto ed il gine ha deciso di far nascere il bambino che dopo aver fatto fare autopsia, era sanissimo. Anche l'esame della placenta era ok. Ci siamo rivolti ad una dottoressa di Milano che mi ha rivoltato nuovamente come un calzino ma senza risposte, caso sfortunato. Dopo 1 anno abbiamo ricominciato la ricerca, ma senza risultati e ci siamo rivolti a Monza per la pma. Abbiamo fatto 2 tentativi di fivet ma senza risultati, stimolazione con gonal F, ovitrelle e antagonista, orgalutran. Ultimo tentativo a fine giugno 2015. Ora penseremo al terzo per settembre/ottobre. Oltre tutto questo, il mio problema sono anche le ovaie che non funzionano... sono praticamente in coma, producono solo se stimolate (producono abbastanza bene), ma senza stimolazione non si muovono. All'età di 13, al primo ciclo, ho avuto forti emorragie e hanno dovuto farmi 3 sacche di trasfusioni e per fermarmi l'emorragia mi hanno dato la pillola. I ginecologi da cui mi portò mia mamma dicevano tutti che non era un problema, che da grande quando avrei voluto dei figli avrei smesso la pillola, stimolato un po’ le ovaie e loro sarebbero ripartite... ho preso la pillola per 17 anni ed ora sono in questa situazione... per esempio oggi 24 giorno del ciclo nessuna traccia di ovulazione monitorata con tb e stick, prendo inofolic, da mesi, ma senza risultati. Ora io Le chiedo: come posso fare? Le 4 gravidanze avute sono accadute proprio solo per pura casualità, ne sono consapevole, come sono consapevole della enorme sfortuna che ho avuto a perdere un figlio... non so più cosa fare, ho sentito parlare del drilling ovarico, ma il funzionamento delle ovaie dopo è poi solo per 3/4 mesi, è vero? Se così fosse, non credo che mi sentirei di farlo... ho fatto questi 2 tentativi di fivet in cui non è certo semplice gestire l'imbottirsi di ormoni, ma potrei anche rimanere incinta naturalmente, ma con queste ovaie che mi ritrovo è come vincere al superenalotto! Grazie in anticipo per il parere che vorrà esprimermi. Saluti,

Monica

Cara Monica,
la sua è davvero una storia molto sfortunata. Non si può dire che non le abbia provate tutte. E dei successi, anche se parziali e senza andare a buon fine, ci sono stati. Mi dispiace non essere in grado di avere la risposta giusta per risolvere felicemente il problema. Però le suggerisco di rivolgersi comunque ad un centro e di ascoltare i consigli. Solo operatori esperti del settore, sentita la sua storia, potranno suggerirle cosa fare. Però le suggerisco anche di non arroccarsi in posizioni rigide, tipo odiare i farmaci, non voler fare questo o quell'altro. Si affidi. È ovvio che qualunque cosa farà, potranno esserci inconvenienti e rischi, ma anche vantaggi e speriamo risultati. Il tutto va sempre a finire nel bilancio rischi/benefici. Lasci che si occupino gli esperti di fare questo difficile calcolo. Non ponga limiti o paletti. Se non altro non c'è molto tempo, ed è naturale che la sua riserva ovarica stia calando. Quindi non si assuma lei l'onere di pensare agli aspetti tecnici. Si affidi e lasci fare. Cordiali saluti e cari auguri.

Dott. Salvatore Annona
Ginecologo - Napoli

Le compresse per la cistite potrebbero aver causato un aborto?

(27/07/2015 - 17:31)

Buongiorno, delle compresse a base di erbe comprate in farmacia e anche preparate lì per curare la cistite possono causare addirittura un aborto pochi giorni dopo un presunto concepimento? Sulla confezione c'era scritto non assumere in gravidanza, tempo dopo il ciclo è arrivato, ma è possibile che le compresse abbiano causato un aborto se fosse avvenuto un concepimento? Sono così pericolose se si assumono le compresse normali durante la gravidanza per qualche giorno invece di quelle apposta per curare la cistite in gravidanza? Inoltre in quel periodo facevo anche dei bagni molto caldi ai piedi? Può essere che compresse più bagni siano stati pericolosi? Spero di no. Grazie.

Lettera non firmata

Il suo quesito è piuttosto confuso. Occorre che spieghi meglio di quali compresse si tratta, con quali componenti. Poi cosa intende per "compresse normali", rispetto a "quelle apposta per curare la cistite"? Onestamente non riesco a seguirla. In ogni caso la controindicazione in gravidanza di questo tipo di prodotti non è tanto per la capacità di provocare l'aborto, ma di generare danni per il feto. È ovvio che se il danno al feto è molto grave, avviene anche l'aborto, ma non così precocemente. I bagni caldi ai piedi non hanno gran significato. Se fosse così semplice provocare l'aborto vi ricorrerebbero tutti. Non credo che compresse e bagni siano la causa del suo "presunto" aborto. Cordiali saluti.

Dott. Salvatore Annona
Ginecologo - Napoli

Un fondo uterino leggermente arcuato potrebbe essere la causa dell'aborto?

(27/07/2015 - 15:23)

Gentile Dottore, ho 32 anni. Le descrivo la mia situazione: Gennaio 2012 gravidanza naturale con assenza battito; Maggio 2014 biochimica in seguito a ovodonazione; Luglio 2014 aborto gemellare alla nona settimana in seguito a ovodonazione; Ottobre 2014 tiroidectomia (si pensa al malfunzionamento della tiroide come causa degli aborti); Marzo 2015 gravidanza naturale fermatasi alla 22 settimana per assenza battito, senza alcun sintomo. Il mio ginecologo in passato con eco 3d ha accennato ad un fondo uterino leggermente arcuato, senza dargli troppa importanza; ho fatto 3 isteroscopie (l'ultima a Febbraio) e non mi hanno mai detto nulla in merito. Secondo lei potrebbe essere la causa dell'ultimo aborto? In attesa delle analisi sul feto, a quale altra causa potrei pensare?

Lettera non firmata

È veramente assai poco probabile che un fondo uterino appena sporgente in cavità, possa causare aborto. I setti possono dare problemi da circa sei mm in poi. Un saluto

Dott. Nico Comparato
Ecografista - Matera

La pressione alta può compromettere la gravidanza?

(27/07/2015 - 11:15)

Ho tanto desiderio di avere un figlio, ma nello stesso tempo tanta paura di ciò che mi potrebbe accadere, dato che soffro di ansia e panico e quest'ultimi mi provocano la pressione alta... Potrebbe la pressione alta compromettere la gravidanza, e che parto si consiglia di fare? Grazie mille, aspetto vostre notizie. :)

Lettera non firmata

L'ipertensione arteriosa può complicare la gravidanza. Esistono tuttavia diverse situazioni, come pazienti già ipertese prima della gravidanza o che diventano ipertese per la gravidanza. Vi sono diversi gradi di gravità e complicazioni, dal nulla alle conseguenze più estreme. Occorre che sia seguita bene e che la pressione sia ben monitorata e trattata. Per il parto è prematuro parlarne, in quanto le modalità dipendono da fattori multipli e non dalla sola ipertensione. Cordiali saluti.

Dott. Salvatore Annona
Ginecologo - Napoli

Sono già in ritardo oppure conviene aspettare prima di fare un test?

(25/07/2015 - 20:32)

Buonasera, mi scusi il disturbo. Sono una ragazza di 25 anni alla ricerca del primo bimbo! Ho sempre avuto un ciclo per lo più regolare di 28/30 gg, ma a maggio e giugno l'ho avuto di 40 e 38 gg. Ora non so quando attendere questo ciclo! L'ultimo è stato il 25 giugno. Ho usato il test di ovulazione clear blue che mi ha dato come ovulazione il 13 luglio, da allora ho il seno gonfio dolente e non capisco se sono sintomi da gravidanza o ciclo! In ogni caso volevo chiederle: secondo lei sarei già in ritardo oppure conviene aspettare ancora prima di fare un test? La ringrazio per l'attenzione. Distinti saluti

Lettera non firmata

In caso di gravidanza, la beta hCG plasmatica può positivizzarsi anche qualche giorno prima delle attese mestruazioni. Se vuole può eseguirla ed in caso di negatività la ripeta dopo una settimana. Un saluto

Dott. Nico Comparato
Ecografista - Matera

Ho 16 anni ed ho paura di essere incinta!

(24/07/2015 - 19:09)

Buongiorno, sono una ragazza di 16 anni e le scrivo in merito ad un mio dubbio: la notte tra giovedì 16 e venerdì 17 luglio ho avuto un rapporto con un ragazzo, inizialmente protetto, con preservativo, ma siccome non era duro, ma un po' molle, abbiamo provato la penetrazione senza preservativo, questione di 2/3 minuti, ma è rimasto comunque piuttosto morbido, non duro. Prima e dopo la penetrazione ho provato a praticargli del sesso orale ma ho notato che non è uscito liquido pre-spermatico (con i miei ex ci facevo caso) e alla fine non è venuto. Alla fine del rapporto mi ha detto che sapeva che l'alcool (quella sera aveva bevuto un po') influisce sul rapporto rendendo il pene meno "funzionale". Il mio ciclo è sempre stato molto irregolare, a maggio è venuto il 14 e a giugno il 22, adesso è in ritardo: non ho mal di testa, il seno non è gonfio o dolorante, verso tardo pomeriggio mi viene un po' di sonnolenza ma poi passa, ho la pancia un pochino gonfia e ogni tanto avverto dei fastidi nella zona ovarica, ma durano pochi secondi poi spariscono, e ho notato delle piccole, anzi piccolissime, perdite bianche, che non sono gelatinose ma liquide. Tenendo conto di tutto ciò, c'è la concreta possibilità di essere incinta o devo il mio ritardo all'improvviso caldo e alla mia non regolarità? Quanto devo aspettare per fare un test per essere sicura? Grazie dell'attenzione, attendo una sua risposta.

Lettera non firmata

Tutti i segni che descrive sono aspecifici. Per essere sicura faccia un test non prima di 15-18 giorni dal rapporto, se ovviamente non ha avuto altri contatti dopo quella data. Se invece nel frattempo arriva la mestruazione sia felice e prenda provvedimenti adeguati per il futuro, come l'uso di una pillola sotto la guida di un ginecologo, che è bene le spieghi adeguatamente anche i rischi delle malattie sessualmente trasmesse. Cordiali saluti.

Dott. Salvatore Annona
Ginecologo - Napoli

Dall'inizio della gravidanza soffro di stomaco

(24/07/2015 - 18:17)

Gentile dottore, sono una donna di 42 anni, mamma già di tre figli, incinta per la 4 volta di 13 settimane. Vengo da 3 tagli cesarei, dall'inizio della gravidanza soffro di stomaco, vomito e produco molta salivazione. Il mio medico mi ha consigliato le bioketasi e le gaviscon, ma non riscontro sollievo. Vorrei avere se possibile un consiglio in merito. Grazie

Lettera non firmata

Gentile Signora,
oltre a provare altri prodotti che può chiedere al suo medico, faccia piccoli pasti secchi, con pochi liquidi, più frequentemente. Poi può bere fra un pasto e l'altro. Cordiali saluti.

Dott. Salvatore Annona
Ginecologo - Napoli

Ectasia aneurismatica della vena ombelicale

(24/07/2015 - 18:08)

Gentili dottori, ho 33 anni e sono alla prima gravidanza, sono alla 20+4 e effettuando l’ecografia morfologica, hanno riscontrato, cito: "ectasia aneurismatica della vena ombelicale (diametri mm 8x6) a livello della porzione intraddominale del funicolo". Ho precedentemente effettuato translucenza con bitest risultato tutto negativo e harmony test risultato tutto negativo. Dalla morfologica hanno riscontrato valori tutti nella norma, peso fetale di 360 gr e valori che si trovano nel 43 percentile. L’indice di resistenza dell’arteria uterina di dx ha valore di 0,51, mentre quello di sx 0,55. È una situazione a rischio? Potrebbe portare altre patologie anche future per il feto? È una situazione patologica grave? Vi ringrazio anticipatamente per l’attenzione datami

Lettera non firmata

Gentile Signora,
riscontrare una dilatazione della porzione intraaddominale della vena ombelicale non è poi così raro. Anche se teoricamente può essere associata ad anomalie cromosomiche (che almeno in parte nel suo caso sono state escluse), spesso, in presenza di anatomia normale, costituisce reperto occasionale non pericoloso. Un saluto

Dott. Nico Comparato
Ecografista - Matera

Sintomi dovuti all'ovulazione o ad una gravidanza?

(24/07/2015 - 14:38)

Salve, in data 15/07 ho avuto un rapporto completamente protetto con il mio ragazzo a distanza di un giorno dalla fine del mio ciclo. Il giorno successivo al rapporto ho iniziato ad avvertire dei dolori all'utero lievi, simili a quelli che si hanno durante le mestruazioni. A distanza di qualche giorno ho incominciato ad avere anche dei giramenti di testa, oggi mi ritrovo ad avere ancora questi giramenti, dolori all'utero, un po' di nausea e anche delle perdite bianche. La mia ovulazione dovrebbe avvenire tra il giorno 25-26/07. Può essere che questi sintomi siano dovuti all'ovulazione o ad una gravidanza? Il rapporto è avvenuto nella sicurezza totale. Premetto di essere anche un soggetto molto ansioso. Grazie dell'eventuale risposta.

Lettera non firmata

Gentile Signora,
per una diagnosi di gravidanza deve avere un ritardo mestruale e un test positivo. Cordiali saluti

Dott.ssa Giovanna Marforio
Ginecologo - Trapani

Dolori pungenti alle ovaie, cerco un figlio da tre mesi!

(24/07/2015 - 13:38)

Buongiorno, ho 28 anni e con mio marito stiamo cercando un figlio da 3 mesi. Quello che mi preoccupa e che mi fa pensare ogni volta di avercela fatta sono dei dolorini tipici. Dopo il periodo dell'ovulazione, passato un giorno o due, il primo mese ho avuto per 3 giorni consecutivi un dolore centrale nel basso ventre, sentivo pungere molto forte ogni volta che mi alzavo e mi sedevo, ma poi il ciclo si è presentato normalmente. Il secondo mese e il terzo (attualmente) ho dolori lievi come sentire pungere le ovaie, o una o l'altra, mai assieme, a volte nel sedermi o alzarmi e altre volte in altri momenti, sono molto lievi e durano poco ma per più volte nel corso della giornata e spesso anche la notte. Il ciclo si è sempre presentato normale e per questo mese stiamo a vedere, ma non ho molte speranze. Chiedo a Lei quale possa essere il motivo perché non ho mai avuto questi sintomi prima di cercare una gravidanza. Io posso pensare che qualcosa succeda, ma che poi per qualche motivo tutto si interrompa, forse perchè l'ovulo non riesce a entrare nell'utero. Attualmente faccio una vita abbastanza tranquilla visto che sono disoccupata, pratico piscina 2 volte a settimana e camminata veloce ogni sera per mezzora circa. La ringrazio

Lettera non firmata

Gentile Signora,
la ricerca della gravidanza può procedere con tranquillità… 3 mesi sono ancora pochi per pensare di avere un problema. Per quanto riguarda i dolori addominali le consiglio un controllo in fase periovulatoria. Cordiali saluti

Dott.ssa Giovanna Marforio
Ginecologo - Trapani

Gli spermatozoi possono attraversare vestiti?

(24/07/2015 - 12:55)

Salve, dottore. Vorrei chiederle una cosa. Ho praticato del petting con il mio ragazzo, durante il quale io ero nuda, mentre lui indossava i boxer. Le sue mutande erano un pochino bagnate esternamente di liquido pre-eiaculatorio (proveniente naturalmente dall'interno del tessuto) che, durante lo sfregamento con le mie zone intime, è entrato in contatto con l'entrata della mia vagina. È possibile che io sia rimasta incinta a causa di una fuoriuscita di spermatozoi provenienti dal liquido pre-eiaculatorio, i quali hanno poi attraversato il tessuto degli slip e sono arrivate fino alle mie zone fertili (preciso che lui non ha eiaculato durante il petting e non aveva eiaculato neanche nei giorni precedenti)? Grazie, cordiali saluti.

Lettera non firmata

Lei non può mai essere totalmente sicura di quale sia la natura del liquido che vede, se eiaculatorio con spermatozoi, o preeiaculatorio teoricamente, e ripeto, teoricamente senza spermatozoi. Ora una gravidanza senza un rapporto completo non protetto è piuttosto improbabile, ma non impossibile. Si sa con certezza di gravidanze insorte in pazienti virgo. Quindi occorre fare attenzione. Cordiali saluti.

Dott. Salvatore Annona
Ginecologo - Napoli

Ecografie di secondo livello

(24/07/2015 - 11:31)

Gent.mo Dott. Nico Comparato, la ringrazio per la sua risposta in riferimento alla domanda "sesta settimana di gravidanza" del 22/07/2015. Mi ha scritto di fare delle ecografie di secondo livello. So che ce ne sono differenti, quali mi consiglia? La ringrazio. Cordiali saluti

Lettera non firmata

Le ecografie di secondo livello vengono eseguite da medici che hanno dedicato principalmente la loro attività alla diagnostica ecografia e che dispongono di attrezzatura adeguata. Viene rilasciata una risposta dove si specifica il livello, con la descrizione dettagliata di ogni compartimento fetale. Poi ovviamente, come succede in tutti i campi, ci sono ecografie di secondo livello eseguite bene e quelle eseguite male. Un saluto

Dott. Nico Comparato
Ecografista - Matera

Suprax 400: se dovessi essere incinta, a cosa vado incontro?

(24/07/2015 - 11:16)

Gentile Dottore, ho avuto l'ultimo ciclo il 2 luglio. Il 2 o 3 agosto dovrei avere le mestruazioni (ho un ciclo che varia dai 29 ai 32 giorni). Io e mio marito cerchiamo un bambino e quindi abbiamo avuto rapporti mirati. Da due giorni, però, a causa di una tonsillite batterica sto assumendo suprax 400 mg (1 al giorno per 5 giorni, cioè fino al 26 luglio). Ho inoltre assunto tachipirina 1000 per febbre e infiammazione. Se dovessi essere incinta, a cosa vado incontro? Ho calcolato le settimane di gravidanza e sarei alla quarta, giusto? Con pericolo di gravi malformazioni? Sono nel panico. Mi aiuti.

Lettera non firmata

Gentile Signora,
nessun problema. Ad ogni modo se vuole, per maggiori informazioni sui farmaci in gravidanza, contatti il Telefono Rosso. Un saluto

Dott. Nico Comparato
Ecografista - Matera

Esame istologico - isteroscopia

(23/07/2015 - 12:41)

Buongiorno, premetto di essere in cerca di una gravidanza. L'anno scorso mi trovarono un polipo ed a seguito dell'isteroscopia mi diagnosticarono iperplasia endometriale senza stipite. A seguito di questo risultato mi fecero assumere la pillola e difatti ad oggi ho sospeso la ricerca della gravidanza. Due settimane fa ho ripetuto l'esame (in un altro ospedale) ma questa volta la diagnosi è poco chiara. Purtroppo la mia ginecologa è in ferie ed è irreperibile. Vorrei se fosse possibile l'interpretazione del risultato per capire se sono riuscita a debellare l'iperplasia o se lunedì devo continuare con l'anticoncezionale accompagnato magari dal dufaston. Descrizione macroscopica Plurimi frammenti biancastri frammisti a muco per cc 3. In toto. Diagnosi istologica Muco e materiale fibrino-ematico inglobante cornici ghiandolari, stroma e minimi frustoli superficiali di endometrio senza atipie citologiche. Grazie per l'attenzione. Saluti

Lettera non firmata

Gentile Signora,
l’endometrio è regolare e non ci sono atipie, può interrompere l’uso dell'anticoncezionale. Cordiali saluti

Prof. Simone Ferrero
Ginecologo - Genova

Alcol nelle prime settimane di gravidanza

(22/07/2015 - 10:59)

Buongiorno, sono una ragazza di 31 anni incita alla 7 settimana. Ho avuto un solo rapporto non protetto (1 settimana dalla fine delle mestruazioni) con mio marito e sono rimasta incinta. Ovviamente non ci saremmo mai aspettati che io fossi incinta, quindi, durante il nostro anniversario di matrimonio, abbiamo festeggiato con parenti e amici. Eravamo in vacanza, quindi per una settimana intera (corrispondente alla 5a settimimana di gravidanza) ho bevuto ogni sera una bottiglia di prosecco in 2. Mentre nella 3a e 4a settimana di gravidanza una media di 2 bicchieri di vino a sera. Non appena ho fatto il test e mi sono accorta di essere incinta ho ovviamente eliminato l'alcool. Questo a partire dalle 6+2 settimane. Sono una biologa e conosco bene i potenziali effetti dell’alcool in gravidanza. Ma, non essendo una ginecologa, vorrei cortesemente avere il vostro parer e riguardo ai rischi che corro. Ammetto di essere preoccupata e spero di avere delle informazioni da voi al più presto. Grazie e cordiali saluti.

Lettera non firmata

Gentile Signora,
l’ effetto dannoso dell’alcol sul feto è ben noto, però si manifesta in circa il 30% di persone che in gravidanza assumono continuamente forti quantità di alcol.
Il danno fetale dipende da vari fattori, anche genetici, associazione con fumo o droghe, stato nutrizionale e vitaminico materno etc. Anche se credo che nessuno possa garantire al 100% che non si siano creati danni, in realtà non credo che il suo bambino possa averne risentito in maniera significativa. Quindi mi tranquillizzerei. Esigua però (come tutti dovrebbero fare del resto) ecografie di secondo livello. Un saluto

Dott. Nico Comparato
Ecografista - Matera

Posso escludere una gravidanza?

(22/07/2015 - 08:13)

Buongiorno! Vorrei un parere per sentirmi più tranquilla. Il 7 luglio ho avuto un rapporto inizialmente protetto: purtroppo verso la fine il preservativo si è rotto, ma per fortuna il mio ragazzo ha concluso quasi fuori (come facciamo sempre, per sicurezza). Non ero in periodo fertile, anzi, le mestruazioni mi sono venute due giorni dopo. È da un paio di giorni che mi sento il seno leggermente più pieno e un pochino dolorante (ma pochissimo, tanto che lo avrei attribuito alla scottatura da sole), e ho perdite trasparenti abbastanza liquide. Guardando sul calendario ho letto che inizia oggi il mio periodo fertile, quindi tecnicamente potrei fare a meno di preoccuparmi. Lei cosa mi dice in merito? Grazie e buona giornata!

Lettera non firmata

C’è una buona notizia ed una meno buona (a seconda dei punti di vista ovviamente). Nell’ottica di chi non desidera gravidanze, la notizia buona è che personalmente non credo che lei sia rimasta incinta in base almeno a quanto riferisce. Quella cattiva è che non ci si può basare sul presunto periodo fertile calcolato sul calendario e che avere dei flussi mestruali o simil mestruali non garantisce assenza di gravidanza. Quindi esegua se vuole il dosaggio della beta hGC plasmatica e per il futuro si informi in maniera maggiormente dettagliata, se vuole ovviamente, sui vari metodi contraccettivi. Un saluto

Dott. Nico Comparato
Ecografista - Matera

Igroma cistico per la seconda volta: potremo mai avere figli sani?

(21/07/2015 - 17:41)

Buongiorno, ieri nella translucenza nucale ho scoperto che il mio bimbo ha un igroma cistico. Questa è seconda gravidanza e il secondo igroma cistico che la translucenza fa vedere. La volta precedente ho dovuto fare un aborto terapeutico e a questo giro non sarà diverso. Sono davvero a pezzi. È normale una situazione del genere a una coppia di 33 e 34 anni? Potremo mai avere figli sani? Grazie

Lettera non firmata

L'igroma cistico ha una certa percentuale di ricorrenza e in genere è legato ad anomalie genetiche e/o malformazioni. Potrebbe anche essere una beffa del caso. Comunque conviene fare una consulenza genetica e qualche verifica su entrambi i partner. Ci sono tante coppie che dopo più insuccessi poi hanno avuto figli sani. Quindi incrociamo le dita e siamo ottimisti. Cordiali saluti.

Dott. Salvatore Annona
Ginecologo - Napoli

Con la pillola del giorno dopo posso stare tranquilla?

(20/07/2015 - 21:17)

Salve, ho avuto l’ultimo ciclo il 24 giugno. Premetto che sto cercando una nuova gravidanza dopo un parto/interruzione indotta. Il 14 ho avuto rapporto non protetto, ma non voluto, perché non mio marito... ho preso subito pillola del giorno dopo. Posso stare tranquilla? Seppure nei giorni precedenti si fosse instaurata gravidanza con mio marito? Grazie

Lettera non firmata

Gentile Signora,
la pillola del giorno dopo ha un buon indice di sicurezza (circa il 95%, pur con variazioni da casistiche a casistiche): non è però un farmaco che determina aborto, quindi non è influente se preso in presenza di gravidanza in atto e per rapporti successivi. Un saluto

Dott. Nico Comparato
Ecografista - Matera

Quando è il mio periodo fertile!!!!???

(20/07/2015 - 12:00)

Buongiorno, le spiego brevemente la mia situazione! Ho avuto il 15 luglio delle perdite rosso vivo a 28 giorni esatti dall'ultima mestruazione. Il 16-17-18-19 delle striature tra rosso e marrone ed oggi 20 luglio perdite abbondanti come nei primi giorni del ciclo con dolori pelvici normali. Quando devo considerare il primo giorno di mestruazione per poter calcolare il giorno/giorni fertili!!?? Se può darmi una mano perché desideriamo tanto un bambino. Ho 27 anni. Grazie, attendo risposta

Lettera non firmata

Gentile Signora,
il suo primo giorno di mestruazione è il 20 luglio. Cordiali saluti

Prof. Simone Ferrero
Ginecologo - Genova

Alla 18 settimana non riesco a sentire il bimbo

(19/07/2015 - 13:48)

Salve, sono alla 18 settimana e non riesco a sentire il bimbo. Sono preoccupata. Come faccio a sapere se procede tutto bene? La prossima ecografia ce l’ho il 30 luglio. Grazie

Lettera non firmata

Gentile Signora,
è ancora troppo presto per percepire i movimenti fetali. Cordiali saluti

Dott.ssa Giovanna Marforio
Ginecologo - Trapani

Due aborti (extra e precoce) ed esami ormonali

(19/07/2015 - 02:23)

Salve, sono una ragazza di 36 anni e sei anni fa ho avuto una gravidanza extrauterina tubarica destra con rottura della tuba. Poi il nulla e l’anno scorso una biochimica. In questi ultimi mesi sto cercando di indagare e ho fatto svariati esami. Gli ultimi sono stati il controllo del progesterone e estradiolo in 21esima giornata e i risultati sono i seguenti: progesterone 13,73 e estradiolo 71,49 (riferimento 43 - 214). Volevo capire se il valore dell’estradiolo è basso e cosa comporta. Premetto che qualche mese fa avevo eseguito gli esami in 3 giornata del ciclo e i risultati sono stati: tsh 1.19, lh 4.32, fsh 6.41, estradiolo 52.23, prolattina 9.59, amh 3.36. Vi prego di rispondermi, purtroppo il mio ginecologo è in ferie fino ai primi di agosto e sono un po’ in ansia. Grazie di cuore

Lettera non firmata

I singoli valori così riportati non sono interpretabili e vanno considerati nel contesto clinico. Occorre valutare la coppia nel suo insieme, le caratteristiche dell'ovulazione, e tutti gli altri fattori. I dosaggi ormonali devono essere di aiuto al clinico che l'ha in cura e, da soli, non possono dare nessun aiuto. Al più andrebbero fatti nelle varie fasi del ciclo ovarico, in modo da poter valutare il loro andamento: ma non prenda iniziative da sola. Quindi deve avere la pazienza di aspettare il suo medico, perchè il nostro parere sarebbe del tutto inattendibile. Mi dispiace. Cordiali saluti

Dott. Salvatore Annona
Ginecologo - Napoli