Registrati alle settimane di gravidanza

Il Medico Risponde

Il Ginecologo risponde

a cura dei Dottori


Esami ormonali

(26/06/2015 - 18:29)

Salve dottoressa, avrei bisogno di un parere, ho fatto gli esami ormonali al 3 giorno del ciclo, vi riporto di seguito i valori: free T3 2.9 (valori di riferimento 2.5-3.9), Free T4 6.9 (6.1-11.2), TSH 0.84 (0.34-5.60), FSH 7.17 (fase follicolare:3.85-8.78), L.H 1.32 (fase follicolare: 2.12-10.89), prolattina 7.78 (età fertile: 3.34-26.72), progesterone 0.69 (fase follicolare: 0.25-0.54), 17 beta estradiolo 33.36 (fase follicolare: 27-122), testosterone 0.37 (fino a 1.00), testosterone libero 1.00 (0.70-4,00), androstenidione 2.40 (fra 3° e 26°gg: 0.30-3.80). Secondo lei vanno bene?

Lettera non firmata

Gentile Signora,
i suoi valori sono nella norma. Deve ripetere il dosaggio del progesterone plasmatico in fase premestruale. Cordiali saluti

Dott.ssa Giovanna Marforio
Ginecologo - Trapani

Seconda gravidanza che non arriva

(24/06/2015 - 10:20)

Buongiorno. Ho 39 anni e sono mamma di un bimbo di due. La prima gravidanza è arrivata al primo tentativo mentre la seconda sono sei mesi che si sta facendo attendere. Ora ho preso la cosa ancora più seriamente quindi da circa 18 gg sto prendendo la temperatura basale, comprato stick, analisi di muco e cervice. Tra un ciclo e l'altro passano tra i 26 e i 29 giorni. La cosa è resa più complicata dal fatto che mio marito lavora e vive fuori città quindi per noi il calcolo dei giorni giusti per prendere i vari treni è fondamentale! Cosa rileva di più in questo calcolo? Non potendo prevedere il prossimo ciclo, che cosa si può dire che faccia fede maggiormente? Lo stick positivo? Il rialzo della TB? Il muco più filante? Inoltre.. Il rialzo della TB significa che già si è ovulato giusto? Allora meglio farlo prima? Sono un po' confusa e persa tra tutti i segnali che il nostro corpo ci lancia. Ma per noi che siamo alla ricerca del fratellino e alla ricerca del treno migliore da prendere, diventa davvero fondamentale "azzeccare" quello giusto! Grazie anticipatamente per il vostro prezioso aiuto.

Cristina

Gentile Cristina,
il metodo più affidabile per identificare l'ovulazione sono gli stick per l'urina. Lo stick diventa positivo 24-36 ore prima dell'ovulazione. Il rialzo della temperatura basale si verifica dopo l'ovulazione. Cordiali saluti

Prof. Simone Ferrero
Ginecologo - Genova

Placche in gola e febbricola in gravidanza iniziale

(22/06/2015 - 18:29)

Buonasera. Sono incinta a 5+2 e da ieri ho placche in gola e febbricola tutto il giorno. Per la precisione, ho 37-37,2 tutto il tempo, per cui mi sento molto spossata. Faccio spesso sciacqui con acqua e sale perchè ho letto su tutte le compresse per il mal di gola che non possono essere usate in gravidanza. Inoltre, tra oggi e ieri ho preso tre volte la tachipirina perchè mi si stava alzando la febbre e ho temuto per l'embrione. Oggi pomeriggio ho deciso di sentire il medico. Il mio è in ferie e al suo posto ho trovato una sostituta che mi ha prescritto, senza colpo ferire (come prima cosa le ho detto che sono incinta alla sesta settimana) l'augmentin. A me è parso strano e ho chiamato subito dopo la mia ginecologa la quale mi ha detto che alle prime settimane non si dovrebbe prendere assolutamente niente e di aspettare un paio di giorni per vedere se la situazione si risolve da sola. Sono dubbiosa... da un lato ho paura di prendere l'antibiotico, dall'altro non vorrei che l'infiammazione e la febbre facessero peggio dell'antibiotico. Secondo lei come conviene regolarsi?

Lettera non firmata

Gentile Signora,
se la sua situazione clinica richiede realmente l'antibiotico per infezione batterica, è sicuramente consigliabile assumerlo. Un saluto

Dott. Nico Comparato
Ecografista - Matera

Ipomenorrea e dosaggio ormonale OK

(21/06/2015 - 17:59)

Salve, ho 38 anni e dopo aver preso la pillola per 10 anni ho deciso di interromperla nel mese di novembre scorso perché voglio avere il mio primo figlio. Il ciclo è tornato subito regolare, puntuale ogni 29/30 giorni come era prima della pillola. Ma dopo i primi due mesi di cicli normali, da febbraio il flusso è sempre più scarso, delle macchie marroni e al limite un po' di rosso quando vado in bagno, durata massima 3 giorni scarsi. I sintomi premestruali sono normali (un po' di mal di testa e qualche crampo pochi giorni prima dell'arrivo, che scompaiono una volta il ciclo arrivato). La mia ginecologa mi ha detto che non devo preoccuparmi e sembra non voler dare peso alla cosa. Vista la mia età mi ha prescritto un dosaggio ormonale da fare nei primi giorni del ciclo e i valori (FSH, LH, Prolattina, Estradiolo) si sono rivelati tutti ottimi, anche la riserva ovarica è OK. Ho inoltre fatto due ecografie pelviche, una in fase follicolare e una il giorno dell'ovulazione. Tutto è risultato normale, spessore dell'endometrio OK. L'unica cosa che mi ha messo un po' d'ansia è che la ginecologa dopo aver confermato che effettivamente avevo appena ovulato, non è riuscita a trovare il corpo luteo. Ma ancora una volta mi ha rassicurata dicendo che può capitare e che va tutto bene. Da gennaio, inoltre, controllo la temperatura ogni mattina al risveglio e i grafici mostrano bene l'ovulazione, con una parte "bassa" e una "alta" dopo il 14° o 15° giorno. Ho quindi una fase luteale di 15/16 giorni. L'anno scorso, prima di interrompere la pillola, ho seguito una dieta che mi ha permesso di perdere 10 chili, riportandomi a un peso normale (mi trovavo di poco in sovrappeso, secondo l'indice di massa corporea). Adesso mangio normalmente e riesco a mantenere un peso normale. Sono molto stressata, dopo 7 mesi di tentativi e vista la mia età, ho paura di non riuscire a rimanere incinta e ho paura che questa ipomenorrea sia legata. La mia ginecologa dice che va tutto bene e che devo rilassarmi. Posso stare tranquilla o è meglio fare qualche altro esame? Non ho nessun altro problema di salute particolare né ora, né in passato. Grazie

Lettera non firmata

Gentile Signora,
dalla sua anamnesi e dagli esami effettuati non risulta alcuna patologia ginecologica. Se vuole avere un'ulteriore rassicurazione può ripetere gli esami ormonali. Cordiali saluti

Dott.ssa Giovanna Marforio
Ginecologo - Trapani

Dolori basso ventre, perdite marroncine e dolore al seno

(21/06/2015 - 16:09)

Buongiorno, ho sospeso il nuvaring da circa 4 mesi e con mio marito stiamo provando ad avere un bambino. Questo mese le mestruazioni sono arrivate con 3 gg di ritardo il 03/05/2015 il mio ciclo dura solitamente 29 giorni. Io soffro di ovaio micropolicistico ed ho dei piccoli fibromi all’utero. Ho avuto un rapporto non protetto il 14/05/2015, da 2 giorni ho una sensazione di dolore al basso ventre molto più leggero dei dolori mestruali, ma costanti... e delle perdite biancastre e marroncine... ieri, a distanza di 6 giorni dall'ultimo rapporto, mi sentivo il seno dolentissimo. Secondo lei sono incinta??

Lettera non firmata

Gentile Signora,
i sintomi che lei riferisce possono e non possono essere compatibili con gravidanza iniziale. Le consiglio quindi di eseguire una beta HCG plasmatica ed una ecografia. Un saluto

Dott. Nico Comparato
Ecografista - Matera

Incompatibilità materno fetale

(20/06/2015 - 16:10)

Salve, nel 2013 ho avuto nella mia prima gravidanza una incompatibilità rh poiché io sono negativa e mio marito positivo. Questo è avvenuto a fine gravidanza con anticorpi altissimi e taglio di emergenza. Dopo parto non mi hanno fatto l’immunoprofilassi, visto che avevo già sviluppato anticorpi. Adesso sono alla dodicesima settimana di gravidanza e so che il bimbo è rh positivo, anche se al momento il test di Coombs è negativo. Che consigli potete darmi? Sarebbe meglio farmi seguire da un centro che effettuano trasfusioni in utero in caso di anemia fetale? Il test di Coombs nel mio caso potrebbe anche restare negativo per parecchio tempo? Potrei fare adesso l’immunoprofilassi, oppure è inutile? Grazie per la disponibilità.

Lettera non firmata

È molto strano che abbia un test di Coombs indiretto negativo, dopo che è risultata isoimmunizzata nel corso della precedente gravidanza. Mi aspetterei che lei avesse ancora anticorpi anti-D. Suggerisco di ripetere senz'altro il test, magari presso un centro di ematologia, in modo da avere anche il titolo. Nel suo caso non basta il comune test di screening che si fa in tutte le gravidanze, ma deve essere seguita da un centro di riferimento, in grado anche di trasfondere il feto in utero, come ha già intuito. Del resto se conosce già l'Rh del feto vuol dire che ha fatto un test specifico su sangue materno e quindi deduco che è già ben seguita. Ascolti i suoi curanti e non cerchi di fare da sola cercando informazioni su internet. Il suo è un caso delicato. Comunque è inutile fare l'immunoprofilassi, visto che lei è già isoimmunizzata. Ma in questo caso il test di Coombs indiretto deve essere per forza positivo. Cordiali saluti.

Dott. Salvatore Annona
Ginecologo - Napoli

Ciste addome inferiore dx feto femmina 20 settimane

(19/06/2015 - 21:11)

Gentili Dottori, sono in cerca di risposte e di aiuti... oggi ho fatto eco morfologica, tutto in ordine tranne formazione anecogena di 8 mm in addome inferiore dx in feto di sesso femminile... sono disperata, cosa potrebbe essere? Ho 31 anni, terza gravidanza, test integrato negativo.

Giulia

Gentile Giulia,
8 mm sono davvero poco. Ha provato con un righello a verificare? Dovrei vederla di persona per un parere attendibile, ma da come ha descritto può anche essere intestino. Il bimbo beve regolarmente il suo liquido amniotico in cui è immerso e vi fa la pipì. Che lo stomaco, anse del duodeno e dell'intestino contengano questo liquido, e che quindi siano anecogene, è una evenienza pressochè costante. Occorre comunque leggere le conclusioni dell'operatore che ha eseguito l'ecografia ed eventuali sue indicazioni. Io posso fare solo supposizioni. Cordiali saluti.

Dott. Salvatore Annona
Ginecologo - Napoli

Rapporti dopo isteroscopia

(19/06/2015 - 19:20)

Salve dottore, ieri ho fatto un’isteroscopia per togliere un polipo di 1 cm. Volevo sapere quando potevo ricominciare ad avere rapporti, dato che abbiamo intenzione di avere un altro bimbo. Grazie

Lettera non firmata

Suggerisco di attendere almeno le prossime mestruazioni regolari prima di provare per una gravidanza. Cordiali saluti.

Dott. Salvatore Annona
Ginecologo - Napoli

Assunzione di tobramicina

(19/06/2015 - 18:22)

Salve. La mia ragazza è alla 17 esima settimana di gravidanza e causa tracheite acuta il suo medico di famiglia le ha prescritto l'assunzione via orale tramite aerosol dei farmaci tobramicina 100mg/2ml (mezza fiala diluita con una fiala di clenny) e clenny. Ma il ginecologo le ha proibito l'assunzione di tobramicina. Cosa fare ora? E se non può assumere il farmaco, come può sostituirlo? Grazie e spero in una vostra risposta al più presto

Lettera non firmata

La tobramicina in genere è somministrata in gravidanza solo in caso di mancanza di alternative e di effettiva necessità (anche se questa regola vale molto meno per la somministrazione tramite aereosol). Esistono numerose alternative, le quali però andranno valutate dal suo medico. Un saluto

Dott. Nico Comparato
Ecografista - Matera

Gravidanza gemellare

(19/06/2015 - 17:34)

Buonasera, ho fatto una eco e il mio ginecologo ha visto una camera gestazionale, un embrione di 2 mm, ma due sacche. Dice che fra qualche giorno si vedrà meglio, ma io vorrei sapere quanto é probabile che siano gemelli. Premetto che mio nonno, degli zii e cugini, mio marito, mia suocera e dei cugini sono tutti gemelli monozigoti. La ringrazio

Lettera non firmata

È difficile stabilire quale sia la sua probabilità. In genere si ammette che ci sia una gravidanza gemellare ogni 64 gravidanze, ma è un dato generico, valido per i grandi numeri. Nel suo caso le probabilità potrebbero essere maggiori, in ragione della gemellarità presente in famiglia. Pazienti fino al prossimo controllo e avrà una risposta utile e affidabile al contrario di ogni supposizione sulle probabilità, che lasciano il tempo che trovano. Cordiali saluti.

Dott. Salvatore Annona
Ginecologo - Napoli

Curva glicemica piatta

(19/06/2015 - 13:11)

Buon pomeriggio, visto che non riesco a rintracciare il ginecologo e che sino a venerdì prossimo non lo vedo, mi permetto di rivolgermi a voi. Ieri ho presso i risultati della curva a carico di glucosio da 75 gr e mi sono usciti i seguenti risultati: base-89 dopo 60'-81 dopo 120'-82 Da quel poco che sono riuscita a capire non e proprio un buon risultato e questo mi fa avere uno stato d'animo pessimo e tanta ansia. Cosa comporta al mio bambino questi risultati?! Ho paura di avergli fatto involontariamente del male, non so cosa mangiare questi giorni e come se non basta domani e anche il mio compleanno, da cui mi viene spontaneo farle questa domanda: posso assaggiare almeno un po’ di torta oppure qualsiasi forma di zucchero mi è vietata? Grazie

Lettera non firmata

Le cause che possono causare dei valori glicemici relativamente bassi dopo una curva da carico, possono essere molteplici. In alcuni casi si tratta di semplice ipoglicemia reattiva, in altri ci potrebbero essere altre interferenze ormonali o una iperinsulinemia. In alcuni casi una risposta al carico come quella che lei riporta, può costituire una certa predisposizione al diabete. Ad ogni modo nulla di preoccupante o di particolare. Ripeta la curva da carico aggiungendo anche il dosaggio dell'insulina, ed eventualmente tramite glucostick, valuti alcune volte nella giornata la glicemia a digiuno, poco prima di un pasto, un'ora e due ore dopo i pasti. Sicuramente potrà mangiare la torta per il suo compleanno. Un saluto

Dott. Nico Comparato
Ecografista - Matera

Fertilità: forse non ovulo?

(19/06/2015 - 10:25)

Gent.mi dr, sono una donna di 36 anni appena compiuti e 6 anni fa ho avuto un tumore al seno ormono-dipendente trattato con chirurgia/mastectomia chemioterapia anticorpi monoclonali decapeptil e tamoxifene. Un anno fa ho terminato la terapia ormonale ed il ciclo mi è tornato dopo 4 mesi ad ottobre. A gennaio ho valutato amh fsh ed estradiolo con i seguenti risultati amh=2 in un range da 0,14 a 5 fsh= 5 estradiolo =88. Ho rivalutato a Maggio fsh ed estradiolo fsh sempre=5 estradiolo=25 dunque mi sono preoccupata ed a giugno ho rifatto fsh =5 estradiolo=10 lh 1.6. Peggio che andar di notte. Potrebbero essere così bassi i valori perché il mio ciclo è di 35 giorni dunque al 3 giorno di ciclo sono livelli bassissimi per me? Oppure non ovulo affatto? Al contempo però a Maggio per intenderci quando avevo già dosato a terzo giorno l’estradiolo = 25, la mia gine da una eco effettuata poi 3 giorni prima del ciclo vedeva una piccola ferita come da scoppio follicolo. Adesso però siamo addirittura a 10 estradiolo (il minimo è 20) e 1.6 lh sempre al di sotto del minimo, ma con un fsh ottimo pari a 5 ed un amh dosato a gennaio pari 2 (minimo 0.14). Potrei essere in perimenopausa? Oppure semplicemente avendo un ciclo di 35 il terzo giorno del ciclo per me non e' adatto a dosare estradiolo ed lh? Oppure semplicemente le mie ovaie si stanno risvegliando dopo le cure prova ne è amh pari a 2 ed il ciclo mestruale? Mi sono anche accorta che ho del muco filante a chiara d'uovo in modo alternato prima appare poi scompare per circa 10 giorni. Con questi valori potrei restare cmq incinta naturalmente? Se no cosa potrei fare? Io ho iniziato ad assumere al mattino inofolic e la sera inofolic plus ! Mi preme sottolineare che il mio oncologo dello ieo è favorevole alla gravidanza ed anche ad eventuali stimolazioni x fecondazione assistita. Come ultima domanda mi chiedo se in seguito ad eco per verificare l ovulazione dovessi scoprire che non avviene cosa potrei suggerire di valutare alla mia ginecologa per aiutare le mie ovaie ad ovulare prima di passare ad una fecondazione? GRAZIE, scusate, so che le domande sono tante, sono stata un po' prolissa, ma sono nel pallone.

Lettera non firmata

Gentile Signora,
può dosare il progesterone plasmatico in fase premestruale per vedere se ovula tutti i mesi. Cordiali saluti

Dott.ssa Giovanna Marforio
Ginecologo - Trapani

Allergie a farmaci

(18/06/2015 - 19:25)

Buonasera, sono incinta di quasi 6 mesi. Purtroppo in gravidanza ho riscontrato un'intolleranza alle penicilline e cefalosporine (dopo assunzione di augmentin e cefixoral ho avuto episodi di prurito). Ci sono antibiotici SICURI che possono essere usati in gravidanza? Ho paura che altri antibiotici possano provocare danni cerebrali o ancor peggio, che per questo problema degli antibiotici non potrò più avere figli dopo, visto che gli antibiotici sicuri, a quanto pare, a me fanno male…

Lettera non firmata

Si tranquillizzi, ci sono altre classi di antibiotici che possono essere usati in gravidanza a seconda dei casi. Un saluto

Dott. Nico Comparato
Ecografista - Matera

Placenta previa anteriore 20mm da OUI

(17/06/2015 - 23:57)

Salve, io sono in gravidanza, sesto mese con placenta bassa anteriore 20 mm. Il mio medico mi ha detto che per parlare di placenta previa bisogna attendere la 32 settimana. Comunque io sono preoccupata perchè vorrei sapere se questa anomalia placentare può presentare complicazioni nella crescita della mia bimba o addirittura anomalie. O se invece, come spero, la gravidanza può proseguire normalmente, a parte qualche doloretto ogni tanto che curo con la pillola di buscopan. Inoltre, volevo sapere se dovesse essere confermata la placenta previa, che complicazioni potrei avere negli ultimi due mesi... perché il ginecologo è preoccupato di questa placenta? Complicazioni possibili al parto? Vorrei essere messa a conoscenza di tutto quello che mi potrebbe accadere. Grazie mille.

Lettera non firmata

È probabile che la placenta risalga durante il decorso della gravidanza. Nessun problema per la crescita del bambino. Una placenta realmente previa controindica il parto per via naturale rendendo necessario il taglio cesareo. Un saluto

Dott. Nico Comparato
Ecografista - Matera

Compatibilità gruppi sanguigni dei genitori

(17/06/2015 - 23:51)

Salve, vorrei sapere la compatibilità dei seguenti gruppi sanguigni: io sono A+ e mio marito è A-. C'è qualche incompatibilità nei riguardi di una gravidanza? Grazie

Lettera non firmata

Gentile Signora,
non c'è problema se lei è Rh positivo. Cordiali saluti

Dott.ssa Giovanna Marforio
Ginecologo - Trapani

Ovulazione: la seconda fase del ciclo è breve

(17/06/2015 - 15:32)

Buongiorno, vorrei un vostro parere sulla mia situazione. Sto cercando di rimanere incinta da 2 anni, ho fatto 3 monitoraggi dell'ovulazione per tre mesi successivi, per avere rapporti mirati e tutti e tre i mesi ho avuto ovulazione il diciottesimo giorno, ma poi il ciclo è sempre stato puntualissimo il ventottesimo giorno. Inoltre questo mese l'ovulazione per la prima volta è stata il quattordicesimo giorno, ma poi il ciclo è arrivato in anticipo cioè il 24esimo giorno. La ginecologa mi ha detto che ho la seconda fase del ciclo più breve (cioè di 10 giorni anziché 14) ma non ha dato importanza alla cosa. Mentre altri due ginecologi hanno detto che potrebbe essere un problema perchè quando l'ovulo fecondato arriva nell'utero non potrebbe trovare le condizioni idonee per impiantarsi, visto che l'utero ormai si sta preparando all'arrivo del ciclo mestruale. Mi hanno proposto la fecondazione assistita, ma prima di affrontare questo passo vorrei altri pareri. Voglio aggiungere che ho anche fatto un'isterosalpingografia, da cui è emerso che la tuba destra ha qualche problema al passaggio del liquido, mentre quella sinistra è libera e funziona bene. Comunque dai monitoraggi è risultato che la maggior parte delle volte ho ovulato a sinistra, quindi credo che questo non sia un problema. Per quanto riguarda mio marito, invece va tutto bene, tranne la presenza di alcune zone di spermioagglutinazione che ci hanno detto non essere un problema. Voi cosa ne pensate? Vi ringrazio anticipatamente per la vostra risposta, Saluti

Terry

Gentile Terry,
può provare ad utilizzare un progestinico nella fase luteale per qualche mese. Cordiali saluti

Dott.ssa Giovanna Marforio
Ginecologo - Trapani

Ecografia terzo trimestre: ossa lunghe arti al 95 percentile

(17/06/2015 - 12:23)

Buongiorno, sono alla settimana 32+6 di gravidanza e ieri ho fatto l'ecografia del terzo trimestre. Al termine della quale l'ecografista ci ha allarmati dicendo di prenotare subito un’ecografia di secondo livello (che ho tra 10 lunghissimi e interminabili giorni) e di contattare con urgenza la ginecologa che ci sta seguendo per farle vedere l'esito di questa eco, perché ha riscontrato le ossa lunghe arti al 95 percentile. Questi sono i risultati: bpd 86,1 - hc 320,6 - ac 270,7 - fl 58,1 - omero 51,4 - cer 44,3. Nelle note ha scritto fattore costituzionale? Displasia scheletrica? Nell'ecografia del secondo trimestre quindi nella morfologica non mi era stato segnalato nulla di sospetto, questi erano i dati: diametro biparietale 50 - circ cranica 177 - trigono 8 - diametro traverso cervelletto 20 - circ addominale 153 - femore 31,7 - omero 31. Nessuno dei due medici si è voluta sbilanciare, vogliono aspettare l'esito dell'eco di secondo livello, ma io vorrei sapere (per essere pronta psicologicamente e per non essere in perenne ansia e in cerca di risposte per dieci giorni) cosa potrebbe essere? Vi ringrazio per l'aiuto.

Lettera non firmata

Purtroppo non si può esprimere un giudizio basandosi solo sulle misure. Occorre valutare attentamente l'anatomia di ogni distretto fetale, compreso quello osseo. In presenza di perfetta normalità ecografica, ancor meglio se integrata con eco quadrimensionale, spesso bambini più grandi lo sono per costituzionalità. In presenza di segni anatomici o somatici anormali, come per esempio forma anomala della testa, o lingua prominente, si possono ipotizzare eventuali sindromi. Un saluto

Dott. Nico Comparato
Ecografista - Matera

Gravidanza bicoriale monoamniotica?!

(17/06/2015 - 09:09)

Salve, chiedevo delle informazioni.. Ieri abbiamo avuto la splendida notizia che sono in cinta di 2 gemelli, però nel caos della notizia non ho seguito bene il discorso della ginecologa. Mi ha detto che la gravidanza è bicoriale monoamniotica, ovvero un sacco amniotico in due placente... ma consultando in internet questa combinazione non sono riuscita a trovarla, quindi chiedo se è possibile una gravidanza di questo tipo. Poi altra domanda: da quel che ho capito saranno molto somiglianti ma non uguali, e dello stesso sesso... Ho capito bene?

Marika

Gentile Marika,
la gravidanza gemellare bicoriale è per forza biamniotica, anzi non è nemmeno necessario specificarlo. E nel caso della monocoriale che si specifica se biamniotica o monoamniotica. Nella bicoriale, i feti sono in pratica due fratelli, tant'è che possono anche essere di sesso diverso. Cordiali saluti.

Dott. Salvatore Annona
Ginecologo - Napoli

Mestruazioni lunghe dopo raschiamento

(16/06/2015 - 17:34)

Buonasera, il 29 maggio ho subito un raschiamento a causa di un aborto. Ho avuto delle perdite per circa 5 giorni. A 34 giorni dal raschiamento è tornato il flusso mestruale. I primi tre giorni in normale abbondanza e dopo solo un leggero flusso marrone che poi è diventato rosso vivo. Ora sono 14 giorni di flusso e non sembra voler cessare. É normale? A cosa potrebbe essere dovuto? Contatterò la mia dottoressa appena rientrerò dalle vacanze, ma fino ad allora non so che fare.

Lettera non firmata

Se il flusso non è a carattere emorragico, non deve far nulla e vedrà che con le prossime mestruazioni si regolarizzerà. Giusto comunque fare un controllo clinico. Cordiali saluti.

Dott. Salvatore Annona
Ginecologo - Napoli

Test di Coombs: dopo quanto tempo dal vaccino potrò rifarlo?

(16/06/2015 - 09:30)

Buongiorno, nel febbraio 2015 ho avuto un aborto interno alle 7 settimana. Dopo di che mi hanno trattato farmacologicamente con il Cytotec e successivamente con un raschiamento in quanto vi era ancora presente del materiale abortivo. Mi hanno somministrato il vaccino per gli anticorpi D in quanto il mio gruppo sanguigno è A-. Vorrei gentilmente sapere dopo quanto tempo dal vaccino posso rifare il test di Coombs. Grazie mille

Sonia

Gentile Sonia,
la positività del test di Coombs dopo immunoprofilassi, può variare per un periodo compreso fra i due e i sei mesi. Prima di due mesi quindi risulterebbe molto probabilmente positivo. Un saluto

Dott. Nico Comparato
Ecografista - Matera

Incinta dopo uovo chiaro

(15/06/2015 - 10:20)

Buongiorno, ho scoperto di essere incinta (ultima mestruazione 13.05) dopo un uovo chiaro con conseguente raschiamento a dicembre. Vorrei evitare di effettuare immediatamente ecografie come la prima volta e concentrarmi invece sulla mia tranquillità e serenità, chiedo solo se ci sono precauzioni o comportamenti da tenere le prime settimane per evitare spiacevoli sorprese e far si che tutto proceda al meglio. Grazie

Lettera non firmata

Gentile Signora,
nessuna precauzione particolare se non condurre una vita per quanto possibile priva di stress emozionali e fisici. Non entro nel merito di eventuali esami clinici e di laboratorio o di presidi farmacologici in quanto lei non fa riferimento alcuno ad essi. Un saluto

Dott. Nico Comparato
Ecografista - Matera

Evoluzione gravidanza

(12/06/2015 - 14:23)

Buon pomeriggio, le spiego brevemente la mia storia. Ultimo ciclo 15/04/14 (a due mesi dall'interruzione della pillola). Ecografia transvaginale del 04/06 mostra camera gestazionale di 1,5cm, sacco vitellino ed embrione di 2,9mm. Il ginecologo mi ritarda di una settimana e mi inquadra alla sesta. Ripeto ecografia transvaginale in data 11/06 e mostra camera gestazionale e sacco molto più grandi ed embrione di 5mm. Non si è espresso nè negativamente nè positivamente. Si è detto solo "poco soddisfatto" dal controllo ecografico. Non le sembra poca la crescita delle dimensioni dell'embrione? Nel frattempo mi ha dato progesterone per 10 giorni, ma sono un po' preoccupata. La ringrazio.

Lettera non firmata

Più che l'accrescimento che in pochi giorni non poteva essere più di tanto, non viene specificata la presenza o meno dell'attività cardiaca. Forse è questa la perplessità del suo ginecologo. Comunque con un ulteriore controllo si chiarirà sicuramente la diagnosi. Cordiali saluti.

Dott. Salvatore Annona
Ginecologo - Napoli

Gravidanza dopo due aborti: quali precauzioni prendere?

(12/06/2015 - 12:23)

Buongiorno, ho un dubbio e, nell'attesa di parlare con la mia ginecologa la prossima settimana, lo pongo a voi. Negli ultimi due anni ho avuto due aborti spontanei. Il primo a febbraio 2014, risoltosi con un raschiamento, e il secondo a febbraio 2015, risoltosi da solo (il materiale è stato tutto espulso senza bisogno di aiuti farmacologici né raschiamento). A seguito del secondo aborto, ho fatto alcuni esami prescrittimi dalla mia ginecologa sia relativi alla tiroide sia relativi alla coagulazione (Es. fattore V Leiden). Gli esami sono risultati tutti nella norma. Anche gli esami di routine fatti all'ottava settimana di gravidanza in entrambe le gravidanze erano tutti a posto. Unico neo: prima della seconda gravidanza è emerso che avevo la prolattina leggermente alta (presumibilmente a causa dello stress lavorativo a cui sono sottoposta. non starò a tediarvi con la questione) ma per questo sto assumendo un quarto di compressa di Dostinex tutte le settimane. Stamattina, essendo in attesa della mestruazione tra domani e domenica, e avendo qualche crampetto che mi ricordava la precedente gravidanza (mai avuto sintomi premestruali), ho fatto un test della ClearBlue che è risultato positivo (2-3 settimane). Ora mi sto chiedendo, è necessario che mi rivolga a un centro di poliabortività perché seguano questa gravidanza? O è sufficiente che mi segua la mia ginecologa? In ultimo, vorrei avere un vostro parere circa l'effettiva necessità di rimanere a casa. La scorsa volta la ginecologa mi ha messo in gravidanza a rischio da subito (preciso che sono pendolare e faccio 2h di viaggio al giorno ad andare e 2h a tornare). Almeno per ora non vorrei dire in ufficio della nuova gravidanza. Già l'assenza precedente ha avuto ripercussioni negative sulla mia "carriera". ora se dovessi assentarmi di nuovo, soprattutto senza "concludere", non oso immaginare come andrebbe a lavoro.

Lettera non firmata

In seguito a due aborti ripetuti, anche se apparentemente senza causa dimostrabile, qualche precauzione in più è opportuno prenderla. Il riposo assoluto può non essere necessario, anche perché in molti casi di dubbia utilità, però condurre una gravidanza in maniera non stressante e serena è fortemente raccomandato. Un saluto

Dott. Nico Comparato
Ecografista - Matera

Acido folico e anemia mediterranea

(11/06/2015 - 13:34)

Buongiorno, sono una donna di 31 anni, portatrice sana di anemia mediterranea. Io e mio marito stiamo cercando una gravidanza e già da qualche mese prendo una compressa al giorno di fertifol da 400mcg; mi chiedevo, visto che sono portatrice sana di anemia mediterranea, se fosse il caso di aumentare il dosaggio dell'acido folico per evitare problemi di spina bifida, etc. La ringrazio anticipatamente per la disponibilità e cortesia. Cordiali saluti

Lettera non firmata

Gentile Signora,
il dosaggio di acido folico per la prevenzione della spina bifida è corretto, non dipende dall'anemia mediterranea. Cordiali saluti

Dott.ssa Giovanna Marforio
Ginecologo - Trapani

Test di Coombs positivo: sono grave?

(11/06/2015 - 11:05)

Salve, volevo delle informazioni: due mesi fa ho avuto un aborto e hanno riscontrato il test di Coombs positivo (+---). Sono grave? Si guarisce da questa cosa? Mi hanno fissato un appuntamento a fine luglio con il ginecologo, se rimanessi incinta di nuovo cosa potrebbe succedere? Sono disperata... grazie

Lettera non firmata

Gentile Signora, stia tranquilla. Se le hanno fatto l'immunoprofilassi anti D il test di Coombs rimane positivo anche per 6 mesi. Cordiali saluti

Dott.ssa Giovanna Marforio
Ginecologo - Trapani

Risultato TN

(10/06/2015 - 12:41)

Buongiorno dottoressa, ho fatto TN e volevo sapere da un esperto se i miei risultati sono buoni, la prego, mi risponda. Ho 22 anni, epoca gestazionale 13+ 2, Bpm 142, CRL 70,9 mm, Translucenza nucale 2,3 mm, DBP. 23,0 mm, Liquido amniotico normale, Osso nasale presente, Free-beta hcg 34,1, UI. 0,490, MoM PAPP-A 2,370, UI 1,260 MoM. Patologia. Rischio base. Rischio corretto Trisomia 21. 1:1476.

Lettera non firmata

Il valore di translucenza non è bassissimo, però è ancora accettabile. Anche l'indice di rischio poteva essere più basso, però è in ogni caso accettabile anche questo. Un saluto

Dott. Nico Comparato
Ecografista - Matera

Fluconazolo nelle prime settimane di gravidanza

(10/06/2015 - 11:49)

Buongiorno, lunedì 8 giugno ho eseguito un test di gravidanza in seguito a sintomi quali nausea, spossatezza e gonfiore. Il test è risultato positivo. Non ricordo affatto la data dell'ultimo ciclo, so che è assurdo ma ho completamente un vuoto di memoria. Credo a questo punto di non averlo avuto a maggio. La gravidanza, che sarebbe la seconda, non era programmata in questo momento e non credevo ci fossero nemmeno possibilità di essere rimasta incinta. A partire dal 7 maggio ho fatto una cura prolungata per una candidosi recidiva con abimono (ho preso 3 ovuli a distanza di 10 giorni l'uno dall'altro, l'ultimo preso 15 giorni fa) e fluconazolo 200ml (la prima settimana 1 al giorno per 3 giorni e poi uno a settimana per 6 mesi... l'ultimo preso sabato 6 giugno). Sono molto preoccupata per gli effetti gravi sul feto del fluconazolo nelle prime settimane di gravidanza. Non sono ancora riuscita a vedere la mia ginecologa. Cosa posso fare? Esistono esami specifici per indagare gli effetti sul feto? Sono molto preoccupata. La ringrazio anticipatamente per l'attenzione. Cordiali saluti,

Angela

Se consulta questo link troverà informazioni dettagliate. Non mi sembra affatto che ci siano effetti "gravi". In ogni caso una buona ecografia strutturale a 20 settimane, magari preceduta da esami accurati anche a 12 e a 16 settimane, dovrebbe esser più che sufficiente. Cordiali saluti.

Dott. Salvatore Annona
Ginecologo - Napoli

Questran in gravidanza???

(10/06/2015 - 01:01)

Buonasera, vorrei porle una domanda che mi assilla da un po’. Nel 2013 ho subito l'asportazione della cistifellea che mi ha portato gravi complicazioni, ossia 20/30 volte al giorno la dissenteria per mesi. L’unica soluzione trovata è l'assunzione di Questran, ma sul foglietto illustrativo viene riportato che non è mai stato testato in gravidanza. Come mi devo comportare? Se non lo prendo inizia di nuovo la dissenteria e non farebbe bene nemmeno all'eventuale feto. Grazie

Veronica

Gentile Veronica,
non essendoci studi sufficienti per potere stabilire la completa innocuità del farmaco, è impossibile prevederne gli effetti. In linea di massima non ci dovrebbero essere problemi. In caso di effettiva necessità ovviamente. Può avere informazioni maggiormente dettagliate sul farmaco in gravidanza utilizzando il Telefono Rosso. Un saluto

Dott. Nico Comparato
Ecografista - Matera

Pillola e spotting aumentato dopo rapporto sessuale

(09/06/2015 - 09:28)

Salve, scrivo perchè ho una perplessità che mi sta creando molte preoccupazioni. Ho assunto per 3 mesi la pillola Ginoden a causa di una piccola cisti ovarica. Primo mese spotting continuo, poi nulla. La cisti nel frattempo è scomparsa, ma la mia ginecologa mi ha consigliato di prendere una pillola a minor dosaggio ancora per qualche mese, Drosure. Mi ha detto che potevo "attaccare" l'ultimo blister di Ginoden con il primo di Drosure oppure fare la canonica pausa di 7 giorni e io ho preferito la prima opzione. Primo blister tutto ok, fatta la prima sospensione di Drosure noto un ciclo molto strano, più uno spotting con macchie marroni. Al sesto giorno di ciclo le macchie erano ormai quasi sparite, ma dopo un rapporto sessuale ricominciano e neppure così scarse. Ora sono all'ottavo giorno di ciclo (terza pillola del nuovo blister) e queste perdite continuano. So che lo spotting è abbastanza normale per i primi mesi, ma la cosa che mi spaventa è il perchè sia aumentato di parecchio dopo il rapporto sessuale. Non vado a farmi visitare da un mese. Spero che possiate aiutarmi, grazie mille

Lettera non firmata

Gentile Signora,
è possibile che la pillola che sta prendendo attualmente, non sia adatta a lei. In caso di persistenza degli spot, probabilmente andrebbe cambiata. Ne dovrebbe parlare con il ginecologo che la segue. Un saluto

Dott. Nico Comparato
Ecografista - Matera

Pillola YAZ Dimenticata nella 3 settimana. Cosa devo fare?

(08/06/2015 - 17:32)

Salve Dottoressa, prendo la pillola Yaz ormai da due anni. Ho dimenticato una pillola della terza settimana e l'ho assunta oltre 12 ore dopo. Nelle istruzioni viene consigliato di assumere appunto la pillola dimenticata anche se ciò vuol dire assumerne due nello stesso giorno, continuare a prendere le pillole rosa e buttare via le ultime 4, le placebo, cominciando così un nuovo blister. In questo caso la mestruazione per questo mese non avviene e ciò mi dovrebbe coprire da una possibile gravidanza. Posso fidarmi o mi consiglia di fare in altro modo? E, inoltre, devo utilizzare un altro metodo contraccettivo? Se sì, per quanto tempo? La ringrazio in anticipo. Cordiali saluti.

Lettera non firmata

Cara amica,
segua le istruzioni del contraccettivo, in alternativa potrebbe assumere un contraccettivo d'emergenza. Cordiali saluti

Dott.ssa Giovanna Marforio
Ginecologo - Trapani