Parto in casa e in ospedale a confronto: lo studio - GravidanzaOnLine

Parto in casa e in ospedale a confronto: i risultati dello studio

Partorire in casa non aumenta i rischi per il bambino, dice uno studio: a patto, però, che si verifichino alcune condizioni fondamentali. Ecco quali.

Chi lo boccia e chi lo promuove, pur con cautela. Il parto in casa è una delle opzioni su cui si discute maggiormente: tra rischi e benefici, paure e vantaggi, non è facile avere un’idea precisa al riguardo.

Uno studio ha analizzato quasi un milione di parti, 500mila avvenuti in casa e altrettanti in ospedale, per studiarne gli esiti e cercare così di tracciare un quadro della situazione. Il vasto studio, condotto da un team della McMaster University di Hamilton, Ontario (in Canada) è stato pubblicato sul sito EClinical Medicine, affiliato della rivista The Lancet.

La ricerca ha preso in esame parti avvenuti in casa e in ospedale in otto diversi paesi del mondo, scelti tra i più “industrializzati” (non è inclusa l’Italia): Canada, Stati Uniti, Nuova Zelanda, Inghilterra, Svezia, Olanda, Giappone e Australia.

In entrambi i casi (parto in casa per scelta o parto in ospedale) si è trattato di gravidanze prive di particolari problemi, considerate quindi a basso rischio.

I risultati non hanno mostrato grandi differenze in termini di sicurezza nelle diverse tipologie di parto: in particolare, nel caso dei parti in casa non si sono riscontrati maggiori episodi di mortalità perinatale, cioè durante il parto, né di mortalità neonatale, entro cioè le 4 settimane di vita, rispetto ai parti “ospedalizzati”:

Le donne che sono considerate a basso rischio e intendano partorire a casa non sembrano avere un diverso rischio di perdita fetale o neonatale comparata a una popolazione di donne con il medesimo basso rischio che sceglie di partorire in ospedale.

Fondamentale però è l’assistenza ricevuta durante il parto: se il parto avviene in casa le ostetriche devono essere adeguatamente formate, pronte a rispondere ad eventuali emergenze e in collegamento con una struttura ospedaliera con una Terapia intensiva neonatale facilmente raggiungibile nel caso fosse necessario il ricovero.

A queste condizioni dunque (gravidanza a basso rischio, Paese sviluppato e assistenza ostetrica altamente specializzata) il parto in casa non presenta rischi maggiori per la donna e il bambino. Lo studio, dichiarano gli stessi autori, va preso comunque con cautela, e senza generalizzazioni:

Invitiamo i lettori a interpretare la sicurezza del parto in casa in un più vasto contesto sociale, considerando l’integrazione dell’assistenza domiciliare con il sistema sanitario.

Ti è stato utile?
Rating: 5.0/5. Su un totale di 2 voti.
Attendere prego...

Categorie

  • Parto