Litigi di coppia e effetti sui bambini: lo studio - GravidanzaOnLine

I litigi di coppia fanno male al bambino, anche in gravidanza: lo studio

Se nella coppia ci sono tensioni e litigi, già dalla gravidanza, aumenta il rischio di difficoltà comportamentali nel figlio, secondo uno studio di Cambridge.

Non solo lo stato emotivo della madre influenza il bambino, ma anche i problemi all’interno della coppia di futuri genitori. È quanto emerge dallo studio pubblicato sulla rivista Development and Psychopatology: le tensioni e i litigi di coppia durante la gravidanza fanno male al bambino e ne influenzano lo sviluppo emotivo.

La ricerca è stata condotta da ricercatori delle università di Cambridge, Birmingham, Leida e New York, e ha preso in esame 438 coppie britanniche, americane e olandesi, dalla gravidanza e fino al compimento di 2 anni del bambino.

Ogni partecipante ha risposto periodicamente a una serie di domande inerenti la propria condizione emotiva personale e la qualità di relazione della coppia.

Fabio5

chiede:

Secondo i risultati del test le donne che hanno sofferto di particolare ansia e stress durante la gravidanza hanno avuto figli con maggiori problemi comportamentali ed emotivi come scatti d’ira e aggressività, irrequietezza e tendenza a fare dispetti. I bambini hanno mostrato poi maggiore paura, tristezza ed eccessivo attaccamento nelle situazioni nuove.

I figli di coppie con problemi relazionali, poi, hanno mostrato maggiori problemi emozionali entro i 2 anni dalla nascita: sono risultati infatti più capricciosi, paurosi, in difficoltà nel gestire le novità.

Come sottolineano gli autori della ricerca, gli effetti negativi dell’esposizione alle difficoltà emotive dei genitori sui figli sono stati già documentati in studi precedenti, sia per quanto riguarda le madri che i padri, ma raramente sono stati presi in esame simultaneamente:

I nostri risultati mostrano che il benessere sia della madre che del padre in epoca prenatale ha un forte impatto sullo sviluppo del bambino nei primi due anni di vita. I risultati suggeriscono anche che il benessere dei genitori è correlato all’esternalizzazione o all’interiorizzazione dei problemi con meccanismi diversi. […] Questi dati evidenziano come il periodo prenatale sia una finestra fondamentale per la ricerca clinica nel miglioramento della qualità delle relazioni di coppia e del benessere sia nelle donne che negli uomini in attesa di un figlio, con effetti benefici importanti per lo sviluppo del bambino.

Ecco perché, suggeriscono i ricercatori, bisognerebbe concentrarsi non solo sul benessere del singolo genitore prima e dopo la nascita del bambino ma anche sulla stabilità della coppia, con interventi mirati per preparare la coppia ai cambiamenti in arrivo.

Ti è stato utile?
Rating: 4.8/5. Su un totale di 5 voti.
Attendere prego...

Categorie

  • Salute e Benessere