I Fans sono più efficaci del paracetamolo per contrastare i dolori mestruali - GravidanzaOnLine

I Fans sono più efficaci del paracetamolo per contrastare i dolori mestruali

I farmaci antinfiammatori non steroidei (Fans), come l’ibuprofene, sono più efficaci del paracetamolo contro i dolori mestruali. Questo è quanto emerge da una revisione di studi pubblicata su The Cochrane Library.

Si stima che circa tre quarti della popolazione femminile soffre di dolori o crampi durante il periodo mestruale a causa di uno squilibrio provocato dal rilascio di alcuni ormoni, come l’eccessiva produzione di prostaglandine da parte dell’utero. Secondo alcuni studi, infatti, le donne che soffrono a causa del ciclo mestruale sono costrette a prendersi dei giorni di permesso a lavoro in più rispetto ai colleghi uomini.

I Fans, la famiglia di farmaci a cui appartiene l’aspirina, l’ibuprofene e il naprossene, limitano la produzione di prostaglandine. Per questo un gruppo di ricerca guidato da Jane Marjoribanks, un membro del Gruppo Cochrane sui disordini mestruali e la subfertilità di Auckland (Nuova Zelanda), ha deciso di rivedere i dati di 73 studi condotti su questi farmaci. In questi studi, che hanno coinvolto 5.156 donne di 18 paesi diversi, è stata esaminata l’efficacia dei Fans nel trattamento dei dolori mestruali.

Gli effetti dei diversi Fans sono stati confrontati tra loro e con quelli del paracetamolo e del placebo. Lo studio ha indicato che i Fans in generale sono molto efficaci nella lotta ai dolori mestruali, anche se nel caso dell’aspirina sono state osservate solo limitate evidenze di efficacia in quanto non allevia i crampi associati al ciclo. Ma i ricercatori hanno concordato nel concludere che i Fans sono più efficaci del paracetamolo nel trattamento del dolore mestruale.

Tuttavia, hanno anche avvertito che i Fans possono avere maggiori effetti collaterali rispetto al placebo. I sintomi comprendono disturbi gastrointestinali, come mal di stomaco e nausea. Inoltre, tra gli effetti neurologici collaterali sono stati segnalati mal di testa, sonnolenza, vertigini e secchezza delle fauci.

Articolo originale pubblicato il 30 marzo 2016

Ti è stato utile?
Non ci sono ancora voti.
Attendere prego...

Categorie

  • Farmaci