La 28° settimana di gravidanza - GravidanzaOnLine
Sei giunta alla

28ª settimana di gravidanza

Il seno della futura mamma inizia a produrre il colostro, mentre il feto inizia ad aprire e chiudere gli occhi. Tutto quello che succede durante la ventottesima settimana di gravidanza.

Con l’approssimarsi (quasi!) della data del parto aumenta la frequenza delle visite ginecologiche, per monitorare lo stato della gravidanza. Durante tali visite è opportuno iniziare a discutere con il proprio medico della preparazione al parto.

Un aiuto valido in questo senso è rappresentato dai corsi pre parto, dove, oltre a elencare una serie di indicazioni utili per la cura di un neonato, vengono anche fornite informazioni burocratiche in preparazione all’arrivo del bambino.

Ventottesima settimana di gravidanza: la mamma

Sebbene in Italia non sia una pratica ancora molto diffusa può essere utile stendere un piano per il parto, un elenco di indicazioni da presentare ai propri medici nel momento in cui si entra in ospedale per partorire. Tra queste ci sono le indicazioni della donna circa l’episiotomia, il monitoraggio fetale e i dolori del parto.

Mentre la pancia continua ad ingrandirsi dal seno può iniziare a fuoriuscire un liquido giallastro, il colostro, che sarà il primissimo alimento del neonato ed è una sostanza ricca di immunoglobuline che consentono di trasmettere dalla mamma al bambino le difese immunitarie diventando un prezioso aiuto per difenderlo dagli agenti batterici. Anche se il colostro non si fosse ancora manifestato probabilmente lo farà più avanti: ogni donna, anche in questo, è diversa.

Ventottesima settimana di gravidanza: il bambino

Durante la ventottesima settimana di gravidanza le ciglia e le sopracciglia del feto sono formate e sta iniziando ad aprire e chiudere gli occhi. In questa fase sta anche iniziando a depositarsi del grasso sottocutaneo e i polmoni stanno completando la loro formazione. Nel caso si tratti di un maschio potrebbero già iniziare a scendere i testicoli, mentre se si tratta di una femmina i genitali saranno visibili chiaramente con l’ecografia.

Nel caso di un parto prematuro grazie al progresso delle tecnologie della terapia intensiva neonatale ci sono buone possibilità di sopravvivenza.

Ventottesima settimana di gravidanza: gli esami da fare

Anche nel corso della ventottesima settimana di gravidanza (in casi anche prima, a seconda dell’esito della morfologica) il medico può prescrivere un’ecocardiografia fetale, un esame che studia il funzionamento del cuore del feto e rileva eventuali malformazioni o anomalie. Può essere effettuata in presenza di familiarità con malattie cardiache o come approfondimento per analisi precedenti che indicano possibili anomalie patologie cardiache nel feto.

Anche in questo periodo sono poi effettuati gli esami di routine (esami del sangue e delle urine, rilevazione di eventuali infezioni da toxoplasmosi).

Ventottesima settimana di gravidanza: le cose da sapere

Oltre alla maternità obbligatoria la legge prevede un periodo di congedo facoltativo: è utile informarsi per temo sui diritti delle donne in gravidanza. Il medico potrebbe consigliare già da questo momento di rimanere a riposo oppure di diminuire il carico di ore lavorative soprattutto per le mansioni che richiedono uno sforzo fisico.

Ti è stato utile?
Non ci sono ancora voti.
Attendere prego...