Linea alba o linea nigra: cosa sono e quali le cause - GravidanzaOnLine

Linea alba in gravidanza: perché compare e quanto dura

La linea alba è quella striscia di pelle scura appena sotto o sopra l'ombelico che compare a volte in gravidanza. Niente paura: sparisce dopo il parto.

Ad alcune donne, durante la gravidanza, può capitare di veder comparire, tra il pube e l’ombelico, una striscia di pelle più scura, larga dal mezzo centimetro al centimetro. Si tratta della cosiddetta linea alba, del tutto innocua per la mamma e per il nascituro, seppur un po’ fastidiosa.

Solitamente compare nel secondo trimestre di gestazione, ma non c’è nulla di cui preoccuparsi. A causarla sono gli ormoni della gravidanza, il progesterone e gli estrogeni, che incrementano la produzione di melanina in alcune zone del corpo. Sono coinvolte da questa iper-pigmentazione anche le guance, i lati del naso, il labbro, le areole e la fronte. In quest’ultimo caso si parla di cloasma gravidico o maschera gravidica.

Il nome è dovuto al fatto che la striscia scura si forma proprio lungo la linea alba, una struttura fibrotica fatta di collagene che serve a separare i muscoli addominali. In questa zona gli ormoni agiscono con forza, quindi si verifica questa iper-pigmentazione e la conseguente formazione della linea più scura (su cui spesso si forma anche una striscia di peluria). Entrambe le diciture, linea nigra e linea alba, sono dunque corrette, seppur apparentemente in contrasto.

Gli specialisti hanno notato una predisposizione alla formazione della linea alba da parte di donne dalla pelle scura, già per loro natura portate geneticamente a un’elevata produzione di melanina. Quest’ultima protegge la pelle dai raggi ultravioletti del sole e che dona alla pelle, ai capelli e all’iride degli occhi il loro colore naturale. Per questo, i ginecologi in questi casi raccomandano di evitare l’esposizione diretta al sole, soprattutto se prolungata, perché stimola e aumenta la produzione di questa sostanza.

Due o tre mesi dopo il parto la linea alba scompare (o meglio, torna invisibile) da sola. Non c’è bisogno di alcun trattamento, crema o intervento specifico.

Linea alba: cause e conseguenze

linea alba

Durante la gravidanza la crescita del feto provoca un naturale aumento del volume addominale. Ciò fa sì che si verifichi un allontanamento dei due muscoli retti della parete addominale, solitamente uniti tra loro da una struttura fibrosa (la linea alba, appunto).

Allo scadere del nono mese le due strisce muscolari risultano separate tra loro di un centimetro circa; dopo il parto fisiologicamente ritornano nella loro posizione originaria e si ripristina la normale anatomia addominale.

Quando ciò non si verifica, resta uno spazio tra i muscoli retti che prende il nome di diastasi. È chiaro che non tutte le gravidanze portano a una diastasi: in questi casi si può intervenire o con esercizi mirati a ripristinare il tono muscolare o, in situazioni più gravi, si interviene chirurgicamente per richiudere la distanza creatasi.

In merito alle conseguenze della comparsa della linea alba, si tratta soprattutto di fastidi legati all’alterazione della postura e al sopraggiungere di uno stato di lordosi. Ciò provoca dolore e alcune mamme lamentano anche gonfiore addominale. In alcuni casi si manifestano anche nausea, difficoltà a digerire, incontinenza, sensazione di pesantezza. Nei casi peggiori la distanza tra la fascia destra del retto addominale e la fascia sinistra raggiunge persino i cinque o sei centimetri. In queste condizioni si rischia un vero e proprio trauma a stomaco e intestino.

La leggenda della linea alba: maschio o femmina?

Sarà un maschio o una femmina? Te lo dice la linea alba! La leggenda, che non ha alcuna presunzione di scientificità, dice che se la linea scura sulla pancia della futura mamma va dall’ombelico in giù il fiocco sarà azzurro.

Viceversa, se dall’ombelico sale verso l’alto il fiocco sarà rosa. Inoltre, sempre secondo le credenze popolari, se si manifesta la linea alba ci sono più probabilità che a venire al mondo sarà un maschietto.

Ti è stato utile?
Rating: 4.3/5. Su un totale di 3 voti.
Attendere prego...

Categorie

  • Gravidanza