Anonimo

chiede:

Buongiorno, sono alla 11 settimana di gravidanza, seconda gravidanza per me, ho già una bambina di 7 anni. Entro la 13 settimana devo fare la misurazione e il prelievo per la translucenza nucale. Volevo sapere che valore deve avere per essere un bambino sano? Ed è vero che dato che ho 35 anni di età, devo fare la villocentesi o l’amniocentesi. Grazie anticipatamente

Gentile Rita, “devo” non esiste mai in diagnosi prenatale. Ci si informa, si fanno le opportune valutazioni, insieme con suo marito e il suo consulente, e si “sceglie” cosa fare. Questo dovrebbe essere sempre chiaro. Per il test di screening non esistono valori singoli da considerare, ma si ottiene un risultato in termini di percentuale di rischio. Poi bisogna stabilire il cutoff, cioè la soglia al di là della quale decidere se fare o no l’esame invasivo come l’amniocentesi o la villocentesi. Valori assoluti non ci sono. È l’algoritmo del test che si incarica, partendo dal suo rischio di base che è quello dell’età, e considerando l’epoca gestazionale e altre caratteristiche, di calcolare il suo risultato. In genere noi consideriamo quale cutoff il rischio di 1:250. Numeri più grossi come 1:1000 significano rischio minore e quindi maggiore tranquillità, numeri più piccoli, come 1:40 indicano un rischio maggiore e quindi l’opportunità di scegliere di fare un esame invasivo diagnostico. Fermarsi solo al parametro età significa basarsi sul rischio di base appunto di 1:250, trascurando però importanti altri parametri che possono migliorare decisamente la sensibilità della previsione. Legga anche il mio articolo sul bitest. Cordiali saluti,

* Il consulto online è puramente orientativo e non sostituisce in alcun modo il parere del medico curante o dello specialista di riferimento

Fai la tua domanda Tutte le domande

Specializzazione

  • Ginecologo