Cintura di sicurezza in gravidanza: sì o no? - GravidanzaOnLine

Cintura di sicurezza in gravidanza: va messa oppure no?

Molte donne temono che la cintura di sicurezza possa fare male al feto, ma non è così: ecco come indossarla per proteggere al meglio se stesse e il bambino.

Molte donne incinte temono che l’utilizzo della cintura in auto possa danneggiare il feto, ma non è affatto così. La cintura di sicurezza va sempre messa, per tutta la gravidanza, senza timori.

L’unica accortezza è, quando la pancia inizia a crescere, indossarla nel modo giusto, per evitare problemi e mantenere il massimo comfort possibile. Ma nessun dubbio deve esserci circa il suo utilizzo: la cintura salva la vita, e non metterla può provocare danni seri alla donna e al feto.

Perché bisogna mettere la cintura anche in gravidanza?

Per lo stesso motivo per cui bisogna indossarla anche in tutti gli altri casi: perché diminuisce il rischio di forti traumi legati ad un incidente stradale e protegge dagli urti, per quanto possibile. Ecco perché in gravidanza indossare la cintura è molto importante.

L’articolo 172 del codice della strada definisce l’utilizzo delle cinture di sicurezza e dei sistemi di ritenuta per bambini (i seggiolini per auto):

 Il conducente e i passeggeri dei veicoli della categoria L6e, dotati di carrozzeria chiusa […] hanno l’obbligo di utilizzarle in qualsiasi situazione di marcia. I bambini di statura inferiore a 1,50 m devono essere assicurati al sedile con un sistema di ritenuta per bambini, adeguato al loro peso, di tipo omologato secondo le normative stabilite dal Ministero delle infrastrutture e dei trasporti, conformemente ai regolamenti della Commissione economica per l’Europa delle Nazioni Unite o alle equivalenti direttive comunitarie.

Unica deroga all’utilizzo delle cinture per le donne incinte la certificazione del medico che indica come l’utilizzo della cintura stessa potrebbe mettere a rischio la salute della donna e del feto:

Le donne in stato di gravidanza sulla base della certificazione rilasciata dal ginecologo curante che comprovi condizioni di rischio particolari conseguenti all’uso delle cinture di sicurezza.

In questi rari casi, appunto, è necessaria la dichiarazione del medico. Questo perché, ancora di più in caso di gravidanza, la sicurezza è fondamentale: chi non indossa la cintura rischia una multa da 80 a 323 euro, e la decurtazione di cinque punti della patente.

Molte donne temono che la cintura possa “schiacciare” la pancia e far male al bambino, ma ricordiamo che il sacco amniotico protegge il feto in modo naturale: i rischi che derivano dal non indossare la cintura sono indubbiamente più alti.

Come mettere la cintura di sicurezza in gravidanza?

Per ridurre al minimo il fastidio senza rinunciare alla sicurezza data dalla cintura, bisogna farla passare sotto il pancione, non sopra. La protezione maggiore si ha infatti quando la parte orizzontale viene appoggiata sotto la pancia e quella trasversale attraversa il petto, in mezzo al seno, come raffigurato in questa immagine:

cintura-di-sicurezza-come-metterla
Come indossare la cintura di sicurezza in gravidanza

La cintura può poi essere regolata in modo da risultare il più confortevole possibile, senza far scattare il blocco quando non necessario. Non indossare correttamente la cintura potrebbe portare, in caso di urto, a una rottura prematura delle membrane e a parto prematuro, ma in fasi già avanzate della gravidanza.

Anonimo

chiede:

Indossare la cintura in questo modo garantisce libertà di guida e soprattutto la sicurezza della donna in auto, in caso di un eventuale incidente tal modo non è compromessa la libertà di movimento durante la guida ed al tempo stesso non si incorre né in fastidiose sanzioni, né, cosa ben più importante, si rischia di subire pesanti conseguenze da un eventuale incidente.

Ti è stato utile?
Rating: 5.0/5. Su un totale di 3 voti.
Attendere prego...

Categorie