Sei giunta alla

23ª settimana

In questa fase a volte compaiono delle occasionali contrazioni provenienti da piccole aree dell’utero, denominate Braxton Hicks. Nel corso dei controlli medici viene regolarmente rilevata la distanza sinfisi-fondo, con l’obiettivo di verificare il corretto accrescimento dell’utero e del bimbo.

immagine settimana 23
featured image trend

La mamma

MammaAl tuo controllo mensile il ginecologo o l’ostetrica ti palperanno l’addome per verificare il regolare accrescimento dell’utero e del bimbo. L’ecografia riesce perfettamente a dire se le misure del feto sono regolari. Ma non meravigliarti se il tuo ginecologo utilizzerà un nastro millimetrato, tipo metro da sarto, per misurare la distanza sinfisi-fondo, cioè fra il pube e la parte più alta dell’utero.
Studi scientifici hanno dimostrato che l’ecografia e questo metodo, apparentemente antico, hanno la stessa affidabilità. Anzi, l’uso troppo frequente dell’ecografia rappresenta una medicalizzazione eccessiva della gravidanza, da evitare. Quindi non abusare nel chiederla ad ogni controllo, ma attieniti alle indicazioni del medico. A quest’epoca, potresti avvertire più distintamente qualche sporadica contrazione dell’utero. Si tratta di contrazioni isolate, talvolta solo di piccole aree dell’utero, dette di Braxton Hicks, che non sono pericolose. Se invece ti capita di avvertire contrazioni piuttosto frequenti e ritmiche, che tendono ad aumentare, è il caso di fare un controllo clinico.

Il bebè

23a_settimanaLe unghie si sono ormai completamente formate e la lanugine è diventata più scura. Il tuo bebè dunque continua a svilupparsi, preparandosi al meraviglioso viaggio verso la vita. Si trova comodamente immerso e cullato nel liquido amniotico caldo, ignaro del mondo esterno di cui avverte solo i rumori ovattati, coccolato dal ritmico battito del cuore della mamma che lo accompagnerà  fino al parto. Ora pesa circa 500 grammi.

Gemelli

GemelliScegliere un nome può essere molto divertente, sceglierne due o più è divertente e/o stancante il doppio. Ricorda, quando scegli i nomi, che i gemelli non sempre vogliono far parte di un “set”, tipo Rosa e Margherita… Ercole ed Enea, Adamo ed Eva, ecc. Cerca di scegliere i nomi come faresti per ogni singolo bebè.

Il papà

PapàFai qualcosa di carino e di totalmente inaspettato come, ad esempio, fare il bucato senza che nessuno te lo chieda o portare una cena già pronta a casa dopo il lavoro. Falle capire quanto speciale sia lei per te e, nello stesso tempo, dimostrale quanto tu possa essere speciale.

IMPORTANTE: Ricorda che queste informazioni sono a carattere generale. Ogni gravidanza è diversa da un’altra, quindi per qualsiasi domanda, contatta il tuo medico curante.

condivisioni & piace a mamme