featured image

Epatite C (HCV)

A cura del Dott. Giovanni Buonsanti Biologo e Specialista in Genetica Applicata

Anticorpi anti Virus Epatite C (HCV)

La cellula ospite preferita dal virus dell’epatite C (HCV) è l’epatocita, cioè la cellula del fegato; l’infezione provoca di solito un fenomeno cosiddetto acuto (le cui manifestazioni cliniche sono tuttavia molto blande) che nel 50-75% dei casi evolve in epatite cronica.

La maggior parte dei soggetti con epatite cronica (circa il 60%) non manifesta in apparenza sintomi di epatite, mentre il 40% circa va incontro ad epatite cronica attiva e, in alcuni casi (20% circa), a cirrosi epatica.

Il potenziale rischio di trasmissione dell’HCV da madre a feto resta in buona parte da chiarire; recenti studi dimostrano che tale rischio è ridotto se la madre è infetta dal solo HCV, mentre diventa notevolmente più elevato quando la madre è infetta, contemporaneamente, anche dal virus dell’HIV.

Esami di laboratorio

La positività al Test HCV indica la presenza di anticorpi diretti contro il virus dell’epatite C, suggerendo quindi un avvenuto contatto con tale virus. L’esame viene generalmente eseguito tra la 33a e la 37a settimana.

_____________________________________

* Le schede degli esami sono estratte dal Volume:

“Guida agli esami di laboratorio durante la gravidanza”

copertina_buonsanti

Per acquistare il volume completo cliccare qui

 

condivisioni & piace a mamme