Anonimo

chiede:

Gentile dottore, ringraziandola anticipatamente per la sua
disponibilità volevo chiederle un chiarimento riguardo ad una
dilatazione renale diagnosticata a mio figlio. Durante la gravidanza a
due mesi dal parto hanno diagnosticato una pielectasia di 8mm sul rene
destre. Ad un mese dal parto in una nuova ecografica hanno
diagnosticato: – dilatazione delle pelvi renale sx di 6mm. e dx di 12mm
e dell’uretere di 10 mm fino in prossimità del suo sbocco in vescica.
Ora durante il parto ho esposto il problema più volte al neonatologo al
ginecologo. Entrambi non hanno ritenuto utile effettuare una ecografia
prima della dimissione in quanto quasi sicuramente sarebbe scomparsa
durante il parto (tutto ciò nonostante le mie richieste e con tutte che
ero in privatamente in clinica in intramenia). Ora il mio figlio ha 10
giorni. Un pediatra amico di famiglia mi ha consigliato di effettuare
una ecografia renale. L’ho effettuata oggi e hanno diagnosticato:
“pielectasia bilaterale con dimensione max di 10,3 in AP all’ilo renale
dx. A sin pelvi di 5mm. Vescica normodistesa a pareti regolari. A questo
punto mi hanno chiesto di effettuare una urinocoltura e esame delle
urine per verificare eventuali reflusso vescico-uretrale. A questo punto
volevo chiederle qualche chiarimento o rassicurazione per capire il
livello di gravità di quanto diagnosticato. Cordiali saluti

Redazione

Redazione

risponde:

Gentile Signora, il piccolo deve eseguire una cistouretrografia minzionale
per confermare o escludere un reflusso vescico ureterale. In questo secondo
caso deve attuare una profilassi antibiotica. Nel primo caso dovrà essere
tenuto sotto controllo ed eventualmente eseguire una scintigrafia dinamica
con diuretico MAG3. Cordiali saluti

* Il consulto online è puramente orientativo e non sostituisce in alcun modo il parere del medico curante o dello specialista di riferimento

Fai la tua domanda Tutte le domande
Ti è stato utile?
Non ci sono ancora voti.
Attendere prego...

Specializzazione

  • Pediatra