Ridere fa bene a qualsiasi età ma imparare a far ridere non è così semplice come si pensa. Il segreto è nel senso dell’umorismo che con i giusti “mezzi” può svilupparsi. E nei bambini, è possibile stimolarlo?

Ridere insieme ai propri bimbi è un modo per creare e consolidare il rapporto genitori-figli. Inoltre, un buon senso dell’umorismo può anche rendere i bambini più intelligenti, più sani e più capaci di affrontare le sfide.

Imparare a ridere fa bene: come si sviluppa il senso dell’umorismo nei bambini

L’umorismo può essere sviluppato nei bambini sin dalla più tenera età. Per aiutare il processo di sviluppo del senso dell’humor nei bimbi, i genitori devono capire bene cosa può divertire il proprio bambino.

Come suggerito da Kids Healt, a seconda dell’età del bimbo, il senso dell’umorismo si modificherà: ciò che divertirà un bimbo di 3 anni non divertirà un bambino in fase pre adolescenziale.

I bambini piccoli (9 – 24 mesi)

I più piccoli apprezzano molto il tipo di umorismo fisico, e l’elemento sorpresa è, per loro, il massimo del divertimento (un esempio è il solletico inaspettato o il classico cucù). Con l’avanzare dell’età e lo sviluppo delle abilità linguistiche i bambini troveranno divertenti le rime e le parole senza senso. In questo periodo i bambini si divertono nel far ridere i loro genitori con piccoli scherzetti.

Il senso dell’umorismo nei bambini in età prescolare (3-5 anni)

Dai tre anni in poi il bambino troverà molto divertente, per esempio, una foto con qualcosa di strano, come una macchina con ruote particolari o un animale che parla o con gli occhiali piuttosto che uno scherzo o un gioco di parole.

Man mano che diventano più consapevoli delle proprie funzioni corporee, i bambini a questa età  iniziano spesso a ridere per “l’umorismo da bagno”.

I bambini in età scolare (dai 6 anni)

Il passaggio dall’asilo alle scuole elementari comporta nel bambino un cambiamento anche nel modo di intendere l’umorismo. A questa età, i giochi di parole di base e l’esagerazione saranno considerati sempre più divertenti.  Alcuni potrebbero trovare molto divertente raccontare delle barzellette semplici o indovinelli ripetendo le battute finali all’infinito.

Inizieranno anche a prendere in giro qualsiasi deviazione da ciò che percepiscono come forme di comportamento o abbigliamento “normali”. Inoltre, le battute relative alle funzioni corporee svolgono un ruolo fondamentale nei bambini in età scolare.

Sviluppo affettivo del bambino, le tappe del percorso di crescita

Come stimolare il senso dell’umorismo nei bambini: piccole regole per i genitori

Per accentuare ancor di più il senso dell’humor del bambino, il genitore dovrebbe mettere in pratica alcune piccole “regole”.

  • Essere un modello di umorismo. Il caregiver per fare in modo di sviluppare il senso dell’umorismo del proprio bimbo dovrà essere bravo a usare il suo. Quindi, fare scherzi, raccontare aneddoti e storie divertenti. Affrontare con leggerezza i piccoli problemi della quotidianità.
  • Prendere sul serio l’umorismo dei bambini. Incoraggiare l’umorismo del bimbo con una risata in più quando racconta una barzelletta o quando disegna un’immagine buffa. Fare sapere al piccolo che è divertente quando scherza.
  • Insegnare al bambino che gli adulti sono divertenti e che può esserlo anche lui/lei.  Incoraggiare i bambini a condividere osservazioni o reazioni divertenti, anche quando si è in compagnia di altri adulti.
  • Creare un ambiente divertente in casa con libri, fumetti divertenti, DVD, film animati, giochi da tavola e luci colorate in alcune parti della casa aiuta l’accrescimento e lo sviluppo dell’umorismo.

Gli effetti benefici del senso dell’umorismo sulla salute psicofisica

Spesso si crede che l’umorismo sia qualcosa di genetico ma in realtà è una qualità appresa che può essere sviluppata nei bambini, non qualcosa con cui sono nati o che si eredita.

Le persone, così come i bambini che presentano un senso dell’umorismo ben sviluppato hanno la capacità di riconoscere ciò che è divertente negli altri, divertendosi a loro volta. Affidandosi all’umorismo, i bambini possono vivere una vita adulta più serena.

Infatti, il senso dell’umorismo aiuta loro a:

  • vedere le cose da molte prospettive diverse da quelle più scontate e comuni;
  • essere più spontanei;
  • cogliere idee o modi di pensare non convenzionali;
  • vedere oltre la superficie delle cose;
  • partecipare agli aspetti giocosi della vita;
  • non prendersi troppo sul serio;
  • essere più felici e ottimisti;
  • maggiore autostima;
  • gestire bene le difficoltà legate all’infanzia;
  • essere apprezzati di più dai coetanei.

Inoltre, molti studi hanno evidenziato che ridere non solo fa bene alla salute mentale delle persone (compresi i bambini) ma apporta anche cambiamenti a livello fisico. Tra i benefici:

  • maggiore resistenza alle malattie o ai problemi fisici;
  • meno stress e stati depressivi;
  • frequenza cardiaca, pulsazioni e pressione sanguigna più basse;
  • migliore digestione;
  • aiuta a sopportare meglio il dolore;
  • rafforza il sistema immunitario.
Seguici anche su Google News!
Ti è stato utile?
Non ci sono ancora voti.
Attendere prego...

Categorie

  • Bambino (1-6 anni)