Bambini e pianti notturni: che fare? - GravidanzaOnLine

Maria Teresa

chiede:

Buongiorno dottoressa, vorrei capire come mai mia figlia di un anno ultimamente di notte scoppia improvvisamente in un pianto frenetico: cerco di calmarla e piano piano ritorna a dormire. Sarà circa una settimana che fa cosi. Io lavoro, ma sono 3 settimane che sono a casa per il coronavirus, e lei fa così solamente da una settimana. Immagino che se il problema fosse il mio ritorno al lavoro avrebbe pianto fin da subito, giusto? Mi aiuta a capire cosa potrebbe essere? Possono essere i dentini che sta mettendo? Perché ha perso anche un po’ di appetito. La ringrazio.

Buongiorno signora, ad un anno è frequente che i bambini abbiano un sonno disturbato, sia per la cosiddetta e fisiologica ansia da separazione, sia per la dentizione. Come lei probabilmente ha notato, questo disturbo si è intensificato da quando è a casa: i bambini risentono molto di ogni cambiamento di routine, cui probabilmente si aggiungono le preoccupazioni genitoriali in questo periodo non semplice che, con il linguaggio non verbale, vengono comunque percepite dal bambino. Le consiglio di cercare di stabilire una routine solida anche in questo periodo e di evitare l’utilizzo – durante il giorno – dei dispositivi elettronici che vanno a disturbare ulteriormente il sonno dei piccoli.

* Il consulto online è puramente orientativo e non sostituisce in alcun modo il parere del medico curante o dello specialista di riferimento

Fai la tua domanda Tutte le domande

Specializzazione

  • Pediatra

Categorie