Screening neonatale: quali esami sono effettuati? - GravidanzaOnLine

“Quali esami sono previsti dopo il parto durante lo screening neonatale?”

Anonimo

chiede:

Buongiorno, sono alla 27esima settimana di gravidanza e partorirò all’ospedale Mangiagalli a Milano. Desidero sapere a quali esami di routine verrà sottoposto il mio bambino all’interno dello screening neonatale.

Mio marito è portatore sano di fibrosi cistica. Alla nascita verrà effettuato anche il semplice esame del sangue per valutare globuli bianchi, globuli rossi e piastrine? Grazie

Buongiorno signora. A tutti i nati, prima della dimissione dall’ospedale di nascita, vengono prelevate e analizzate alcune gocce di sangue raccolte mediante puntura del tallone.

A partire dal 2016 la Regione Lombardia ha attivato lo Screening Neonatale Esteso che permette di individuare, oltre alle malattie previste dallo screening neonatale obbligatorio (fenilchetonuria, tirosinemia, ipotiroidismo congenito, fibrosi cistica, iperplasia surrenalica congenita), altre 40 patologie congenite del metabolismo (aminoacidopatie, acidemie organiche, difetti dell’ossidazione degli acidi grassi).

L’esame emocromocitometrico, se non necessario, non viene eseguito di routine a tutti i nati.

* Il consulto online è puramente orientativo e non sostituisce in alcun modo il parere del medico curante o dello specialista di riferimento

Fai la tua domanda Tutte le domande
Ti è stato utile?
Rating: 5.0/5. Su un totale di 1 voto.
Attendere prego...

Specializzazione

  • Pediatra

Categorie