Dilazione calico pielica bilaterale con probabile duplice pelvi - GravidanzaOnLine

Anonimo

chiede:

Gentilissimo Dottor Gianoglio, sono diventata per la seconda volta mamma di uno splendido maschietto, ma dopo la nascita mi hanno riscontrato il seguente problema: Reni in sede. Rene destro di dimensione aumentate DL 53,6 mm con probabile duplice pelvi e dilatazione calico pielica DAP pelvi inferiore 14,4 mm, presenta morfologia alterata e scarsa differenziazione corticomidollare. L’uretre dx visualizzato nella porzione prossimale e distale appare dilatato dm circa 8,0 mm. Rene sx DL 39,5 mm e morfologia normale. Vescica ben distesa, contorni regolari. Conclusioni diagnostiche: calo ponderale in neonato a termine nato da tc con sindattilia parziale e dilatazione calico pielica bilaterale… Certo di una sua risposta la ringrazio anticipatamente per il consiglio che vorrà darmi. Ps cosa devo fare, sono preoccupata..?

Buongiorno Signora,

non sarei preoccupato, ma sicuramente il quadro del piccolo va studiato con attenzione: è possibile che il rene destro presenti un certo grado di displasia e comunque la dilatazione anche dell’uretere richiede l’esecuzione di una cistografia.
L’eventuale duplicità della pelvi invece è praticamente una variante anatomica senza significato patologico.
Deve mettersi nelle mani di un nefrologo o di un urologo pediatra esperto che le programmerà l’iter diagnostico. Cordiali saluti

* Il consulto online è puramente orientativo e non sostituisce in alcun modo il parere del medico curante o dello specialista di riferimento

Fai la tua domanda Tutte le domande

Specializzazione

  • Pediatra

Categorie