Come i denti da latte possono aiutare a 'riparare' i denti da adulti - GravidanzaOnLine

Come i denti da latte possono aiutare a “riparare” i denti da adulti

Una sperimentazione clinica ha confermato che le cellule staminali dei denti da latte possono rigenerare i denti permanenti dei bambini danneggiati da cadute o impatti.

Quasi la metà dei bambini, nel corso dell’infanzia, fa esperienza di lesione ai denti a causa di una caduta o di un impatto rovinoso. Il dente si scheggia o si rompe, causando danni più o meno gravi che possono richiedere diversi interventi. Succede molto spesso e non è un evento da sottovalutare, una brutta caduta da bambino può portare ad un dente compromesso da adulto.

Un nuova sperimentazione clinica, condotta da Songtao Shi dell’University of Pennsylvania e Yan Jin dell’Università di Xi’an (Cina) e pubblicata sulla rivista Science Translational Medicine, ha scoperto che le cellule staminali dai denti da latte possono aiutare a ricostruire un dente permanente danneggiato.

Ma cosa succede quando un dente di un bambino si rovina per un impatto troppo forte? Dipende: nel caso di denti permanenti nuovi, cioè spuntati da poco, può capitare che la polpa vada in necrosi, danneggiando la radice del dente e modificando il suo normale sviluppo (il dente può anche non crescere più).

Se il dente si frattura, invece, può succedere che il nervo rimanga scoperto, portando ad infezioni e ad una inevitabile devitalizzazione. Per rimediare esistono diversi trattamenti ma non sempre portano al risultato sperato.

I dentini da latte, quindi, possono essere una valida soluzione. I ricercatori, infatti, hanno condotto un esperimento prendendo a campione 40 bambini con dentizione mista (alcuni denti da latte altri permanenti) e con una lesione ad un dente permanente. Poi hanno isolato le cellule staminali dei denti da latte e le hanno fatte moltiplicare in laboratorio. Come ultimo passaggio le hanno impiantate nel dente danneggiato.

Il risultato? Dopo 2 o 3 anni dall’esperimento hanno potuto notare che le staminali hanno incoraggiato lo sviluppo della dentina, della radice e della polpa vitale del dente. Un traguardo di gran lunga migliore rispetto a quanto possibile con i normali interventi.

La nuova frontiera di questa ricerca consisterà, in futuro, nel tentare la stessa operazione su denti danneggiati di adulti, per vedere se il funzionamento si mantiene uguale o se si verificano episodi di rigetto.

Si tratta di un nuovo utilizzo delle staminali, che si rivelano già importanti nel trattamento di alcune gravi patologie (come la leucemia) e che sono contenute in grandi quantità anche nel cordone ombelicale.

Ti è stato utile?
Rating: 5.0/5. Su un totale di 1 voto.
Attendere prego...

Categorie

  • Salute e Benessere