Anonimo

chiede:

Salve dottore, sono una donna di 33 anni che a maggio ha scoperto di essere incinta. Alla sesta settimana, al controllo ecografico, il battito embrionale è risultato debole e dopo una cura di progesterone ho avuto la triste notizia che non c’era più presente nessun battito. Detto questo ho effettuato un raschiamento e, al controllo dopo dieci giorni, non si è evidenziato nessun problema di tipo strutturale dell’utero e di tutto l’apparato. Mi hanno detto è stato un caso.

Detto ciò ho fatto presente che da circa sei mesi i miei valori tiroidei erano alterati (tsh e anticorpi hgt) ma mi hanno detto che non era rilevante, anche perché durante gli esami della gravidanza si erano stabilizzati e che, al massimo potevano influire sulla possibilità di rimanere incinta. Io però non sono molto tranquilla.

Ad oggi i valori si sono rialzati e non faccio ancora nessuna terapia per la tiroide, tuttavia vorrei riprovare subito ad avere un altra gravidanza. Cosa mi consiglia? Ho paura di affrontare un nuovo aborto e, visto che non avrò mai risposte sulle cause del primo, vorrei sapere se questo problema alla tiroide possa aver influito o possa influire su future gravidanze. La ringrazio anticipatamente per la sua attenzione.

Dott. Giulio Lanzi

Dott. Giulio Lanzi

risponde:

Gentile signora, i valori di TSH (ormone ipofisario di controllo della tiroide) e HTG (tireoglobulina sostanza contenuta nella tiroide) servono a comprendere se la tiroide stia funzionando senza difficoltà o invece non sia sede di fenomeni patologici, come ad esempio una malattia autoimmune, in cui la tiroide stessa viene aggredita dal sistema immunitario.

Tali dosaggi possono essere alterati anche quando la tiroide riesce comunque a mettere in circolo una giusta quantità di ormone. Nel seguire una gravidanza è opportuno sapere, qualora i dosaggi sopra elencati risultassero alterati ,la quantità effettiva di ormone tiroideo in circolo.

Detto questo, mi sembra lei scriva che al momento dell’aborto i valori erano compensati ma, anche se non lo fossero stati, non sarebbero stati rilevanti in una fase così precoce della gestazione. Lasci che il suo medico controlli bene la sua tiroide, ma per la sua salute in generale.

* Il consulto online è puramente orientativo e non sostituisce in alcun modo il parere del medico curante o dello specialista di riferimento

Fai la tua domanda Tutte le domande
Ti è stato utile?
Non ci sono ancora voti.
Attendere prego...

Specializzazione

  • Ginecologo

Categorie