Anonimo

chiede:

Gentilissimi Dottori, mi chiamo Alessandra, ho 34 anni e aspetto il mio secondo figlio. Ho fatto il tampone vagino-rettale la settimana scorsa (36+3) ed è risultato positivo. Premettendo che gli esami di routine sono sempre andati bene, avrei bisogno di chiedere: che rischi potrebbero esserci per la mia bambina e per me durante il parto? Mi è stato detto che mi verrà somministrato dell’antibiotico durante il travaglio, ma questo potrà bastare per non far correre dei rischi a mia figlia? Grazie per la vostra risposta, cordiali saluti

Gentile Signora, linee guida nazionali e internazionali indicano che la profilassi intrapartum è la terapia migliore. Cordiali saluti

* Il consulto online è puramente orientativo e non sostituisce in alcun modo il parere del medico curante o dello specialista di riferimento

Fai la tua domanda Tutte le domande

Specializzazione

  • Infettivologo