Anonimo

chiede:

Buongiorno. Sono 6 mesi che io e mio marito cerchiamo di avere un figlio. In seguito a visita ginecologica nel periodo ovulatorio mi hanno diagnosticato una stenosi al collo dell’utero. In pratica sembrerebbe che l’apertura non sia più grande di una punta di spillo. Mi sembra una così strana cosa dato che ho un ciclo perfetto (28 giorni) senza nessun problema. Il mio ginecologo, pertanto, dice che l’ovulazione esiste ed è solo questo collo stenotico che non permette il passaggio degli spermatozoi per cui è propenso a farmi una isteroscopia con lo scopo di dilatarmelo. Le chiedo: l’isteroscopia è un esame pericoloso e che tipo di anestesia mi faranno? All’indomani della dilatazione non si corre il rischio che il collo si richiuda? Ma soprattutto le chiedo se davvero riuscirò ad avere una gravidanza grazie all’isteroscopia.
La ringrazio anticipatamente per la sua risposta

Cara Monica,
l’isteroscopia è utile in caso di sterilità per valutare non solo il collo ma
anche la cavità uterina, consente di dilatare la cervice. Può essere eseguita
nella maggior parte dei casi senza anestesia. Cordiali saluti

* Il consulto online è puramente orientativo e non sostituisce in alcun modo il parere del medico curante o dello specialista di riferimento

Fai la tua domanda Tutte le domande

Specializzazione

  • Ginecologo