Piedi e gambe gonfie alla settimana 12 di gravidanza - GravidanzaOnLine

“Sono alla settimana 12 di gravidanza e ho gambe e piedi gonfissimi: perché?”

Didi

chiede:

Buongiorno dott.ssa, sto aspettando il secondo bimbo sono a 12 settimane+5 e ho le gambe e i piedi stra gonfi: non mi era mai successo. Sono un po’ preoccupata. Di costituzione sono alta e magra. Cosa potrebbe essere?

Buongiorno, non essendo responsabile dell’assistenza della gravidanza non mi sento di commentare la sua specifica condizione. Entro certi limiti, il fenomeno dei piedi gonfi in gravidanza rappresenta una conseguenza fisiologica della gestazione, ma come prima cosa le consiglio di accertarsi con il professionista che segue la sua gravidanza che la sua pressione arteriosa sia nei limiti rassicuranti.

Solitamente il gonfiore delle caviglie e dei piedi riflette l’aumento generalizzato della ritenzione idrica, cioè del ristagno di liquidi corporei nei tessuti. Questo ristagno è legato alle modificazioni ormonali, ematologiche e fisiche legate alla gravidanza. Immagino che questo disturbo sia aumentato con le temperature così alte di questa estate. Nonostante le modificazioni ormonali possano in parte spiegare questo fenomeno, credo che un gonfiore così accentuato già dal primo trimestre indichi un grado di affaticamento del suo sistema periferico di circolazione. Le elenco qualche indicazione che può essere d’aiuto per moderare questo fastidio:

  • Prima di tutto curare l’alimentazione: bere molta acqua, evitare cibi molto salati, grassi o difficilmente digeribili, mangiare il giusto apporto di frutta e verdura, evitare un aumento eccessivo di peso. Rivolgersi ad un esperto in alimentazione potrebbe essere una buona idea.
  • Fare regolarmente esercizio moderato, questo è fondamentale per stimolare un’efficace circolazione sanguigna e linfatica
  • Riposare, almeno un’ora al giorno, con le gambe e i piedi più in alto delle anche. Questa posizione sfrutta la gravità, supportando il ritorno di sangue venoso dagli arti inferiori verso il cuore.
  • Evitare ambienti molto caldi e indossare calzature comode che non costringano i piedi
  • Eseguire più volte nell’arco della giornata esercizi di rotazione dei piedi e delle caviglie
  • Può anche provare ad indossare calze a compressione graduale, che supportano il ritorno venoso e linfatico.
  • Infine le consiglio di farsi coccolare con un bel massaggio o con un trattamento di acupressione o agopuntura.

Concludo con un’informazione importante: un forte gonfiore di piedi, mani e viso, unito a sintomi quali forti mal di testa, disturbi di vista, dolore addominale soprattutto a livello dello stomaco e vomito, potrebbero essere sintomi di una condizione chiamate preeclampsia, che richiede un controllo tempestivo. Le auguro che l’arrivo del secondo trimestre, in concomitanza al calo della temperature, possa portarle un po’ di sollievo! Buona continuazione!

* Il consulto online è puramente orientativo e non sostituisce in alcun modo il parere del medico curante o dello specialista di riferimento

Fai la tua domanda Tutte le domande
Ti è stato utile?
Rating: 5.0/5. Su un totale di 1 voto.
Attendere prego...

Specializzazione

  • Ostetrica

Categorie