Anonimo

chiede:

Buongiorno, sono incinta di 18 settimane. All’inizio della 15 settimane ho avuto una perdita ematica abbondante con un coagulo. Al pronto soccorso mi hanno detto che era tutto a posto, che poteva essere un capillare (la sera prima io e mio marito avevamo avuto un rapporto non protetto). Poi 10 giorni dopo ho rifatto l’ecografia dal mio ginecologo e non ha visto segni di distacco, tranne una piccola inserzione bassa vicino all’orifizio uterino ed una piccola infiammazione. Infatti mi ha prescritto un tampone vaginale che dovrò ritirare fra qualche giorno. Ora non ho più visto perdite di sangue e volevo chiedere se questa perdita appunto potesse dipendere da questa placenta un po’ bassa, oppure da un distacco che ancora non si è visto. Il ginecologo non mi ha prescritto il riposo assoluto, anzi posso anche andare a lavorare (faccio l’impiegata e per lo più sto seduta). Grazie

Redazione

Redazione

risponde:

Gentile Simona, direi che a volte è difficile attribuire la causa di una perdita ematica in gravidanza.
Fondamentale l’ecografia che, se ben eseguita, la maggior parte delle volte è in grado di trovare una possibile causa, se presente ed obiettivabile.
Una placenta bassa, quasi adiacente all’orifizio uterino o ancor di più se lo ricopre, può costituire fattore determinante una perdita.
In genere i distacchi sono visibili. In alcuni casi però può essere presente emorragia senza un distacco obiettivabile.
Un saluto

* Il consulto online è puramente orientativo e non sostituisce in alcun modo il parere del medico curante o dello specialista di riferimento

Fai la tua domanda Tutte le domande

Specializzazione

  • Ginecologo