Anonimo

chiede:

Buongiorno, la ringrazio già anticipatamente per prendere in considerazione la mia domanda e risolvere i miei dubbi. Sono una ragazza di 20 anni e da un mese e mezzo circa ho fatto una visita ginecologica per iniziare a prendere la pillola anticoncezionale per cercare di risolvere in primis i miei forti disturbi/dolori mestruali e il ciclo veramente abbondante. Oltre agli esami del sangue classici, il mio ginecologo mi ha consigliato di eseguire un test genetico (screening trombofilico) siccome dall’esito degli esami del sangue risultava il fattore II di coagulazione leggermente superiore al valore ottimale. Lo screening lo eseguirò il prossimo mese, intanto sono un po’ preoccupata riguardo al fatto di non poter, forse, utilizzare la classica pillola anticoncezionale combinata in base all’esito. Conosco però l’esistenza delle cosiddette ‘minipillole’ di solo progestinico che dovrebbero andare bene anche per le donne che hanno fattori a rischio a livello di coagulazione. È corretto? Potrebbe essere una valida alternativa nel caso in cui il test genetico risultasse positivo? Inoltre: queste minipillole sono sicure ed efficaci come le pillole combinate classiche? Potrebbero risolvere i miei problemi di dismenorrea e ciclo abbondante? La ringrazio di nuovo, cordiali saluti.

Le pillole a base di solo progestinico sono efficaci, può star tranquilla. Poi potrebbe prendere in considerazione anche una spirale medicata, al progesterone. Direi di parlarne direttamente con il suo ginecologo che, a quanto pare, è particolarmente scrupoloso e attento al rischio trombofilico. Cordiali saluti.

* Il consulto online è puramente orientativo e non sostituisce in alcun modo il parere del medico curante o dello specialista di riferimento

Fai la tua domanda Tutte le domande
Ti è stato utile?
Non ci sono ancora voti.
Attendere prego...

Specializzazione

  • Ginecologo