Osso nasale | GravidanzaOnLine

Anonimo

chiede:

Alla 29a settimana l’ecografista mi ha detto che l’osso nasale non è
cresciuto nella norma, e che quindi potrebbe esserci la sindrome di Down.
Non ho fatto nessun tipo di analisi approfondita invasiva. Secondo Lei
esiste veramente tale rischio, considerato che l’unico fattore “non normale”
è la crescita dell’osso nasale? Se così fosse, l’ecografia del primo
trimestre avrebbe dovuto notarne l’assenza totale dell’osso, vero? Spero che
possiate aiutarmi e consigliarmi presto!

Redazione

Redazione

risponde:

Le consiglio di leggere l’articolo riguardante le ossa nasali, accessibile dalla Home page di GravidanzaOnLine. Spero che troverà alcune risposte ai suoi quesiti.
Personalmente penso che solo in caso di marcato iposviluppo di una o ambedue le ossa nasali, ci siano reali rischi di Down. I segni ecografici correlabili al Down sono tanti e l’ecografia quadrimensionale aiuta notevolmente ad identificarli. Un osso nasale solo un po’ meno sviluppato in assenza di altri segni di Down, rende poco probabile tale sindrome. Infatti il giudizio finale scaturisce da un valutazione globale, orientata sia nel passato (esiti di pregresse ecografie, risultato della TN etc), che nel presente (accurato studio di tutto il feto).
Alla 12 settimana non necessariamente viene studiato l’osso nasale. Dipende dal medico che effettua l’esame.
Il consiglio che posso darle è di eseguire una ecografia 4D associata ad una eco 2D di secondo livello nel caso in cui non la avesse già eseguita.
Prima di preoccuparsi attenda l’evolversi degli eventi diagnostici. Potrebbe essere solo un falso allarme.

* Il consulto online è puramente orientativo e non sostituisce in alcun modo il parere del medico curante o dello specialista di riferimento

Fai la tua domanda Tutte le domande

Specializzazione

  • Ginecologo