Membrana amniotica - GravidanzaOnLine

Anonimo

chiede:

Ho 32 anni e sono alla 12 sett. di gestazione, in seguito a lievi
perdite di muco roseo con striature di sangue molto scuro mi sono recata presso il più vicino pronto soccorso e mi è stato diagnosticato “piccolo scollamento della membrana amniotica” mi hanno prescritto riposo e assunzione di vasosuprina retard in compresse n.2 al giorno. Mi sembra di aver capito che la placenta si forma proprio alla 12 sett. e che non sia la stessa cosa della membrana amniotica. Mi potete spiegare la differenza e se ci sono possibilità di riduzione o guarigione dello scollamento della membrana, se il mio bambino ne soffre, se ne potrà soffrire nei mesi futuri e
soprattutto se c’è il pericolo che si verifichi un vero e proprio aborto. Vi ringrazio per la cortese attenzione che vorrete concedermi.

Gentile Raffaella,
la membrana amniotica o amnios è una sottile membrana che riveste la cavità
detta appunto amniotica, in cui è contenuto il feto. Essa avvolge questa
cavità, il cui contenuto è liquido, e si estende anche sulla superficie
interna della placenta. Più all’esterno invece c’è il corion, che quindi
riveste l’amnios, che, all’inizio della gravidanza, in una porzione si
ispessisce è dà luogo alla placenta. Infatti per descrivere le membrane che
avvolgono il feto. Il termine più giusto per definirle è “amniocoriali”. Nel
suo caso probabilmente è stata rilevata una raccolta liquida subcoriale, non
necessariamente ematica, definizione a mio avviso più corretta di
“scollamento” o peggio “distacco” come spesso si sente dire. Nella sostanza
se il fenomeno è limitato, non c’è sanguinamento evidente e il feto è dotato
di attività cardiaca regolare, non ha da preoccuparsi neanche un po’.
Cordiali saluti.

* Il consulto online è puramente orientativo e non sostituisce in alcun modo il parere del medico curante o dello specialista di riferimento

Fai la tua domanda Tutte le domande

Specializzazione

  • Ginecologo