Anonimo

chiede:

Aiuto: sono alla 28° settimana di gravidanza. Ho cominciato ad avere problemi notturni: incubi ricorrenti in cui muoiono amici o parenti cari. Spesso mio marito mi sveglia che sto piangendo o peggio urlando. Stanotte ad esempio ho sognato che mia madre cadeva dalla tromba delle scale ed io ho cominciato ad urlare. Non ho mai avuto problemi di sonno finora, inoltre sono decisamente più sensibile a cose che comunemente mi avrebbero lasciata indifferente (tipo problemi stupidi con i condomini). È sufficiente che una persona mi faccia un appunto ed io (che solitamente sono “una roccia”) ci resto malissimo, un problema banale mi manda in crisi e ci penso per giorni, fatico a prendere decisioni di qualunque tipo: dalla scelta delle cassette postali ai vestitini per la bambina. Mi sento un po’ troppo fragile. Ne parlo con amici e marito (devo dire molto comprensivo, per fortuna) ma pare che nessuno abbia avuto queste esperienze, nemmeno le amiche con figli (o forse non ne vogliono parlare). Lei pensa che sia più o meno “normale” o mi devo allertare? Posso prendere delle pillole di biancospino e valeriana (trovate in erboristeria) oppure può consigliarmi qualche prodotto leggero e naturale per dormire?
Aiuto per favore: non riesco più a dormire, mi vergogno a raccontarlo alla mia ginecologa, ho paura di essere considerata una “smidollata”.
Alla mattina in ufficio mi sento uno zombie.
Grazie

Gentile Simona, credo che lei dovrebbe imparare a convivere con le sue fragilità. Non sempre si può essere delle rocce ed avere un momento di stress fisico ed emozionale durante la gravidanza è più che naturale.
Nessuno potrebbe ritenerla una ‘smidollata’, tranne lei stessa. Si conceda qualche imperfezione.
Cari saluti.

* Il consulto online è puramente orientativo e non sostituisce in alcun modo il parere del medico curante o dello specialista di riferimento

Fai la tua domanda Tutte le domande

Specializzazione

  • Psicologo