Il protocollo della poliabortività in cosa consiste? - GravidanzaOnLine

Anonimo

chiede:

Buongiorno, mi chiamo Gioia e ho 30 anni. Dopo una splendida gravidanza nel 1999 che non ha dato alcun tipo di problema, ho avuto 3 aborti spontanei: Settembre 2001, Ottobre 2002 e Giugno 2003, tutte tra
la 6° e l’8° settimana. Per nessuna delle tre ho fatto in tempo ad effettuare l’ecografia. A Luglio 2003 ho fatto esami più approfonditi (il mio ginecologo ha richiesto: fibrinogeno, APC resistance, proteina C, proteina S libera, L.A.C, atritrombina III); il tutto, compresa l’isteroscopia
diagnostica effettuata nello stesso periodo, ha dato esiti assolutamente
nella norma. A distanza di quasi un anno, durante il quale non ho preso
alcuna precauzione per evitare altre gravidanze, ho avuto un ritardo: dopo
test risultato debolmente positivo, il ginecologo mi ha prescritto ovuli
vaginali (“Progefik); ho fatto diversi Beta HCG; inizialmente debole anche
questo, dal 29/04 al 11/05 (ne ho fatti 4)è passato da 31 a 1246. Nel
frattempo ho effettuato 3 ecografie che non hanno evidenziato nessuna sacca
all’interno dell’utero. Speranzosi che fosse troppo presto, ho effettuato
l’ultima eco transvaginale oggi 25/05/04 e non sono stati evidenziati segni
di gravidanza intrauterina; dovendo ormai essere in corso l’8° settimana,
il
ginecologo mi ha detto di avere a questo punto il sospetto di una gravidanza
exrtrauterina, già terminata in quanto le settimane sono abbastanza
avanzate; questo anche perché ha notato un ispessimento (non sono sicura
che
sia il termine adatto) nella tuba destra. Mi ha fatto fare un nuovo HGG
urgente, e avrò i risultati dopodomani. Nel frattempo non ho avuto né
perdite né dolori particolari (tranne un leggero e perenne dolore al basso
ventre, ma questo fin dall’inizio)
In Aprile 2001 ho avuto un problema di anemia macrocitica, che nel giro
di
qualche mese si è comunque risolta positivamente; l’ho fatto presente ma
mi
hanno detto non c’entrare nulla.
Voi cosa ne pensate? Se, come ormai credo, si è interrotta anche questa
gravidanza che ulteriori esami posso fare considerando che sarebbe la quarta
volta e che l’isteroscopia non ha evidenziato nessun problema? Il protocollo
della poliabortività in cosa consiste?
Grazie infinite per la vostra risposta e per il sito che trovo veramente
d’aiuto e molto interessante

Gentile signora Gioia, direi che, per il presente, non le resta che attendere
gli esiti dell’esame in corso, mentre, per il futuro, cercherei di approfondire
nel campo della patologia autoimmunitaria. Auguri.

* Il consulto online è puramente orientativo e non sostituisce in alcun modo il parere del medico curante o dello specialista di riferimento

Fai la tua domanda Tutte le domande

Specializzazione

  • Ginecologo