Anonimo

chiede:

Sono una ragazza di 25 anni ed ho sempre sofferto di atroci dolori mestruali fin dal primo ciclo che ho avuto esattamente 13 anni fa. Per i medici era quasi “una finzione da parte mia”, che dovevo ricorrere sempre
ad iniezioni di antidolorifici. Il punto è che sono 2 anni che cerco una gravidanza che era arrivata in modo strano nel Luglio 2002 ed interrottasi nel più brutto dei modi all’undicesima settimana. Mi è stato diagnosticato: utero retroverso; un po’ piccolo; un fibroma ed ovaio destro micropolicistico. A pensare che per qualcuno fingevo!!! Ora a distanza di più di un anno non riesco a rimanere incinta perché non ovulo. Ho fatto
già tre cicli di clomid e profasi e sono nel secondo di gonal – F. Il mese scorso ho fatto i vari monitoraggi ed avevo 3 follicoli di circa 20 mm.
Il mio ciclo è sempre stato di 30/31 gg circa ma ora è di 35/36/38. Cosa devo fare? Posso ancora sperare? Grazie

Spesso chi riferisce dolori cronici viene un po’ trascurato, forse anche per
la frustrazione di chi dovrebbe risolvere il problema e non ci riesce. È pur vero che all’origine dei dolori possono esserci molteplici fattori, fra
cui la sensibilità individuale, ma dovremmo comunque sforzarci di non
indurre il paziente a credere di “non essere creduto”. Escludo tuttavia che
almeno inizialmente i suoi dolori fossero dovuti al fibroma e all’ovaio
micropolicistico. L’utero retroversoflesso può invece causare dismenorrea.
Per il problema infertilità, dalle cure che mi riferisce, deduco che si sta
facendo seguire da uno specialista o da un centro per la cura della
sterilità e quindi sta seguendo la strada giusta. Mi dispiace non poterle
dare ulteriori indicazioni, perché questo presuppone uno studio accurato e
completo della coppia che a distanza non è possibile. Cari auguri.

* Il consulto online è puramente orientativo e non sostituisce in alcun modo il parere del medico curante o dello specialista di riferimento

Fai la tua domanda Tutte le domande

Specializzazione

  • Ginecologo