Anonimo

chiede:

Egr. Dottore,
ho ventisei anni e sono alla 21 settimana di gravidanza. Il mio problema è la
ghiandola di Bartolini: è comparso ad inizio settembre quando, notevolmente gonfiata, mi ha procurato infezione. Non sapendo ancora di essere in attesa, mi è stata prescritta una cura di antibiotici + antinfiammatori e impacchi di amuchina, che ho seguito per una settimana.
Il fatto è che ogni tanto torna a gonfiarsi, seppure non in maniera esagerata come la prima volta. La mia domanda… è il caso di farla incidere,
oppure c’è qualche cura alternativa o precauzione che posso adottare per
limitarne il gonfiore? Grazie dell’attenzione,

Gentile Mara,
è sicuramente il caso di farla incidere. È un intervento semplice e spesso
definitivo. Se c’è pus è del tutto insufficiente insistere con antibiotici e
altro. Cordiali saluti.

* Il consulto online è puramente orientativo e non sostituisce in alcun modo il parere del medico curante o dello specialista di riferimento

Fai la tua domanda Tutte le domande

Specializzazione

  • Ginecologo