Gastroenterite | GravidanzaOnLine

Anonimo

chiede:

Buongiorno. Ho 36 anni e sono alla 16° settimana di gravidanza. Ho
bisogno di un consiglio in quanto credo di aver contratto una
gastroenterite (i sintomi sono: febbre intorno ai 38,5° esterni,
frequenti scariche diarroiche e forti crampi allo stomaco e si
manifestano da quasi 48 ore). Il mio ginecologo, da me interpellato
telefonicamente, mi ha semplicemente consigliato di assumere
paracetamolo per la febbre e fermenti lattici per le scariche
diarroiche, rassicurandomi che questo tipo di infezione non può
provocare danni al feto. La mia prossima visita ginecologica è
programmata per lunedì 24 settembre ed il giorno successivo verrò
sottoposta ad amniocentesi. Il ginecologo in questione si è rifiutato
di visitarmi ora, con alcuni giorni di anticipo, nonostante la mia
insistenza.
Sono infatti molto preoccupata, soprattutto per il fatto che non ho
mai contratto la toxoplasmosi e non vorrei che fosse in atto proprio
ora. La domanda che vorrei porvi è la seguente: con l’amniocentesi è
possibile eventualmente individuare anche questo tipo di infezione? E
se fosse effettivamente in atto, saremmo ancora in tempo per la
terapia
antibiotica?
Ringrazio anticipatamente per la risposta e saluto cordialmente.

Redazione

Redazione

risponde:

Gentile signora Marta, la terapia in questi casi è solamente
sintomatica e mi pare che bene l’abbia consigliata il suo curante. La
toxoplasmosi si presenta con tutt’altri sintomi. Auguri

* Il consulto online è puramente orientativo e non sostituisce in alcun modo il parere del medico curante o dello specialista di riferimento

Fai la tua domanda Tutte le domande

Specializzazione

  • Ginecologo