Endocervicite - GravidanzaOnLine

Anonimo

chiede:

Buongiorno, sono Elena, ho 36 anni e vorrei da voi alcuni
chiarimenti.
Dal 2001 risulta dal mio pap-test annuale la presenza di endocervicite.
Il mio ginecologo non mi ha mai dato spiegazioni chiare e nemmeno cure da
fare o ulteriori indagini. Documentandomi mi sono resa conto che in realtà
l’endocervicite non è da sottovalutare e che ogni 6 mesi sarebbe
opportuno
rifare il pap-test. Che cosa posso fare? Sono sinceramente un po’
scandalizzata dal fatto che il mio medico non mi abbia mai fatto fare
accertamenti. Grazie per la vostra risposta.

Redazione

Redazione

risponde:

Gentile Elena,
la flogosi, cioè l’infiammazione nei preparati citologici da prelievo endo
ed esocervicale, è quasi una costante. Inutile allarmarsi per un dato di
laboratorio. Se invece la flogosi è intensa e vi sono delle alterazioni
cellulari più serie, l’anatomopatologo lo specifica molto bene nel referto
del pap-test, invitando ad un approfondimento diagnostico con colposcopia.
Inutile insistere col pap test, che è un test di screening e non un test
diagnostico. Quando il risultato lascia spazio a dubbi occorre passare ad
altro. Tocca vedere se nel suo caso sia effettivamente necessario. Invece di
scandalizzarsi, parli di più con il suo ginecologo e se proprio non è
soddisfatta può sempre chiedere un altro parere. Da parte nostra è difficile
giudicare senza nè visitare, nè visionare il paptest. Cordiali saluti.

* Il consulto online è puramente orientativo e non sostituisce in alcun modo il parere del medico curante o dello specialista di riferimento

Fai la tua domanda Tutte le domande

Specializzazione

  • Infettivologo