Come posso avere assistenza dalla cassa Forense? - GravidanzaOnLine

Anonimo

chiede:

Gentile Collega, sono un avvocato iscritta alla Cassa da circa due anni,
anche se ho fatto richiesta di recuperare gli anni a partire dal 2007 e
sto pagando i contributi arretrati. Sono al terzo mese di gravidanza e
vorrei sapere come fare per avere assistenza dalla cassa. In particolare,
poiché la mia è una gravidanza a rischio se esiste una tutela particolare.
Grazie

Gentile Avvocato, le informazioni relative alle prestazioni assistenziali
della categoria sono, come ben saprà, reperibili e consultabili on-line nel
sito della Cassa Forense. Ad ogni buon conto Le riporto esattamente quanto
indicato dall’Ente: “La domanda di maternità deve essere inoltrata
trasmettendo alla Cassa il modulo, debitamente compilato e corredato dei
documenti, indicati nel medesimo. La domanda deve essere presentata, a pena
di decadenza, a decorrere dal compimento del sesto mese di gravidanza
(26esima settimana di gestazione) fino al termine perentorio di 180 giorni
dal parto. La misura dell’indennità è pari all’80% di 5/12 del reddito
professionale Irpef netto prodotto nel 2° anno anteriore al verificarsi
dell’evento (quindi considerando che l’evento parto avverrà nel 2011, il 2°
anno anteriore è il reddito relativo all’anno 2009) . In ogni
caso:l’indennità minima non può essere inferiore a quella stabilita in base
a tabelle INPS vigenti nell’anno del parto (pari ad € 4.554,15 lordi per il
2010); l’indennità massima non può essere superiore a cinque volte l’importo
minimo, di cui sopra (pari ad € 22.770,75 lordi, per il 2010). L’indennità
viene corrisposta in unica soluzione (applicando la ritenuta d’acconto del
20%) per i due mesi di gravidanza antecedenti la data presunta del parto e
per i tre mesi di puerperio successivi la data effettiva del parto, per un
totale di cinque mensilità”. Quanto alla modalità di pagamento: “il
pagamento viene eseguito mediante accredito su conto corrente bancario
intestato alla professionista, oppure tramite assegno circolare non
trasferibile inviato presso il suo domicilio fiscale”. Cordiali saluti

* Il consulto online è puramente orientativo e non sostituisce in alcun modo il parere del medico curante o dello specialista di riferimento

Fai la tua domanda Tutte le domande

Specializzazione

  • Avvocato