Anonimo

chiede:

Buongiorno, sono una ragazza di 30 anni alla 12^ sett. di gravidanza. Soffro da un
paio d’anni di cistiti ricorrenti, curate sempre con antibiotici specifici per
il batterio in questione di volta in volta evidenziato dall’urinocoltura…
ora però mi hanno detto che per il batterio venuto fuori dall’esame (staffiloccocco aureus) ci vorrebbe una cura specifica, che però non posso assumere in gravidanza. Il ginecologo mi ha consigliato le generiche 2 bustine di monuril, premettendo però che potrebbe tranquillamente tornare… anche tra non molto..! Vorrei sapere se questo antibiotico possa essere nocivo per il bambino e con che frequenza massima si può assumere (ad es… nella peggiore delle ipotesi una volta al mese sarebbe possibile?) il motivo di queste cistiti non si è capito, nonostante gli svariati esami (anche ecografie delle vie urinarie…) dicono probabili stress e periodi lunghi di preoccupazioni… la ringrazio infinitamente per l’aiuto e la
sua gentile risposta, cordiali saluti

Gentile Federica,
sulla guida dell’antibiogramma dovrebbe esserci un antibiotico adatto e ben
tollerato in gravidanza anche per il suo caso. Il Monuril è considerato
abbastanza sicuro in gravidanza e può farne uso. Ma se dovesse rivelarsi non
adatto, è inutile insistere. Mi sembra azzardato attribuire alle
preoccupazioni e allo stress l’origine delle sue cistiti. Ha consultato un
urologo? Cordiali saluti.

* Il consulto online è puramente orientativo e non sostituisce in alcun modo il parere del medico curante o dello specialista di riferimento

Fai la tua domanda Tutte le domande
Ti è stato utile?
Non ci sono ancora voti.
Attendere prego...

Specializzazione

  • Infettivologo