Cisti luteiniche | GravidanzaOnLine

Anonimo

chiede:

Buongiorno, ho 40 anni e mio marito 36 il 16 gennaio mi è stato praticata una revisione uterina per aborto interno (senza sintomi ne dolori addominali e perdite) assenza BCF 7+ sett. (gravidanza instauratasi al terzo mese di assunzione Clomid dal 3° al 7° gg) mio marito ha una lieve oligospermia io ciste ovarica sx di circa 22×22 mm (endometrioma?). Non mi soffermo su alcuni particolari in quanto leggendo il Vs. sito ne ho già avuto esauriente risposta. In data 17 febbraio ho avuto perdite ematiche per circa 10 gg. mi sono state diagnosticate due cisti luteiniche di circa 17×18 mm. Mi è stato prescritto Farlutal 20 mg per dieci giorni per indurre un nuovo ciclo mestruale (in quanto si presuppone che le precedenti perdite non fosse un ciclo mestruale) dopo due giorni dalla sospensione del Farlutal ho iniziato ad avere piccole perdite ematiche ma di colore scuro diventate
di un rosso più intenso dal 4° giorno della sospensione ma ancora molto
scarse e continuano ad esserci ad oggi a distanza di una settimana di
sospensione del progesterone. Se con questo strano ciclo non si fossero
riassorbite le cisti luteiniche mi è anche stato proposto un Vabras (?).
Ultimo esame BHCG effettuato in data 18 marzo 2004 valore 5,3. Mi chiedo
se questo decorso post operatorio rientra nella norma. Quando possiamo
pensare di riprovare l’instaurarsi di una nuova gravidanza? Visto la mia
età ho anche il dubbio che magari questa bruttissima esperienza possa
aver anticipato la mia menopausa (spero di no). Ringrazio per la
risposta e saluto cordialmente.

Redazione

Redazione

risponde:

Premesso che non potendo esaminarla direttamente, la mia opinione ha
un’attendibilità limitata, io non mi sarei dato tanta pena per delle piccole
cavità liquide nel contesto delle ovaie, che non raggiungono nemmeno i 2 cm
di diametro, e avrei lasciato che il suo apparato genitale trovasse da solo
la via della normalizzazione. Somministrando invece progestinici,
probabilmente si è avuta una interferenza con il suo ciclo ovarico, senza
riuscirsi a sostituire ad esso. Quindi il mio consiglio è di sospendere ogni
trattamento, ad eccezione di preparati vitaminici, fra cui la vit C, e di
tollerare per almeno 40 giorni eventuali perdite ematiche e/o mestruazioni
strane nel ritmo, quantità, colore e durata. Successivamente potrà fare una
visita di controllo. In presenza di mestruazioni regolari e di segni di
ovulazione di sicuro non c’è menopausa e fra tre mesi potrà fare un nuovo
tentativo. Cordiali saluti e cari auguri.

* Il consulto online è puramente orientativo e non sostituisce in alcun modo il parere del medico curante o dello specialista di riferimento

Fai la tua domanda Tutte le domande

Specializzazione

  • Ginecologo