Canale cervicale lungo e stenotico | GravidanzaOnLine

Anonimo

chiede:

Prima di porvi la mia domanda, permettetemi di ringraziarvi per il servizio che offrite e di cui è la seconda volta che beneficio. Cercherò
di esprimere il problema il più brevemente possibile. Ho 30 anni e mio
marito ne ha 34. Dopo due anni di tentativi infruttuosi di procreazione, io e mio marito abbiamo fatto tutti i controlli del caso. Lui ha un difetto nella motilità degli spermatozoi (invece del 50% minimo – somma tra veloce e lenta -, ha una motilità iniziale del 35-40% che scende a 25% dopo 120 minuti), ma tutti gli altri valori sono nella norma. Io invece, dopo aver fatto tentativi di stimolazione (Clomid + Profasi)
sono arrivata all’isterosalpingografia che ho fatto alcuni giorni fa. Fare l’esame è stato un po’ difficoltoso, non tanto per il dolore (sopportabilissimo per chi come me soffre di mestruazioni dolorose – dismenorrea primaria), quanto perché non riuscivano a fare arrivare il liquido di contrasto alle tube. Una volta superato il problema (hanno cambiato la cannula e hanno utilizzato una seconda dose di liquido di contrasto) mi hanno detto che il liquido era passato (cioè le tube erano libere), ma che ho un canale cervicale molto lungo e un po’ stenotico.
Dato che per me questi termini erano incomprensibili, mi hanno detto che se
fosse una strada, sarebbe lunga e un po’ tortuosa. Finito l’esame mi hanno detto che questo non è considerato motivo di sterilità, e la mia ginecologa mi
ha detto che dobbiamo provare i prossimi tre mesi ad avere rapporti “liberi” dato che c’è la possibilità che il passaggio del liquido abbia migliorato
il percorso agli spermatozoi. Purtroppo la mia ginecologa e l’andrologo di mio marito viaggiano su “due binari diversi”, cioè non fanno parte di uno stesso centro, e ognuno si limita a fare il lavoro che giustamente gli compete. Quello però che vorrei sapere io è: 1) È possibile che questi due fattori sommati, canale cervicale lungo e spermatozoi poco mobili, diano come risultato una totale infertilità? 2) Se così fosse, la soluzione quale potrebbe essere? Mi hanno parlato di inseminazione intrauterina: la vedrebbe indicata a questo caso specifico? Esiste anche un altro modo per risolvere il problema? 3) Volendosi affidare ad un centro che si occupi di entrambi e che possa anche occuparsi di una eventuale inseminazione, sa indicarmene qualcuno in Toscana?
Grazie infinite per quanto potrà dirmi,

Gentile Signora Elisa,
il problema relativo al suo canale cervicale non è sicuramente causa di
sterilità.
Vista l’età e gli anni di tentativi infruttuosi di ricerca figli, con in più
il lieve deficit seminale, l’indicazione ad effettuare delle inseminazioni
intrauterine sembrerebbe essere la più corretta.
Per quanto riguarda il Centro a cui rivolgersi, sono spiacente, ma non posso
esserle d’aiuto, non è corretto dal punto di vista professionale fare dei
nomi.
Cordiali saluti,

* Il consulto online è puramente orientativo e non sostituisce in alcun modo il parere del medico curante o dello specialista di riferimento

Fai la tua domanda Tutte le domande

Specializzazione

  • Ginecologo