Ascesso gengivale… | GravidanzaOnLine

Anonimo

chiede:

Sono alla 14-esima settimana di gravidanza e a causa di un dente del
giudizio in crescita mi è venuto un ascesso gengivale piuttosto esteso. Non
potendo estrarre il dente senza una radiografia, il dentista mi ha prescritto
4 punture di piperacillina ripartite in 2 giorni (1 ogni 12 ore). Vorrei
sapere se questo farmaco può causare danni al bambino ed eventualmente, se
il problema dovesse ripresentarsi in futuro, quali sono le famiglie di
antibiotici non sconsigliate in gravidanza, dato che mi hanno già
preannunciato che questo dente mi darà altri problemi. Grazie.

Gentile signora,
la piperacillina è un antibiotico della classe delle penicilline per cui è generalmente attivo sulla gran parte dei microorganismi che causano ascessi come quello da Lei descritto.
Come tutti i farmaci somministrati in gravidanza c’è sempre da considerare il rapporto rischio-beneficio.
Generalmente il farmaco a Lei prescritto non causa grossi problemi. Se non in presenza di problemi renali, dal momento che questo medicinale viene eliminato appunto per via renale.
Logicamente non devono esserci allergie a penicilline o cefalosporine accertate o presunte.
E neppure alla lidocaina, che è l’anestetico contenuto nel solvente per uso intramuscolare e serve a rendere meno dolente la puntura.
Per il prossimo futuro, in attesa del momento migliore per sottoporsi all’estrazione del dente in oggetto, Le consiglio di tenere sempre ben detersa la zona. Utilizzare colluttori medicati a base di clorexidina ed eventualmente, in casi di particolare gravità, ricorrere a terapia antibiotica con farmaci a base di penicillina o cefalosporine.
Questi farmaci sono infatti abbastanza ben tollerati in gravidanza.
Cordialmente

* Il consulto online è puramente orientativo e non sostituisce in alcun modo il parere del medico curante o dello specialista di riferimento

Fai la tua domanda Tutte le domande

Specializzazione

  • Dentista