Aborto terapeutico per anencefalia e future indagini - GravidanzaOnLine

M.M.

chiede:

Buongiorno dottore,
scrivo per avere Vostri suggerimenti. Purtroppo due settimane fa ho subito un aborto terapeutico alle 15ma settimana a causa di una grave malformazione fetale (anencefalia/acrania).
Circa 5 anni fa, invece, ho avuto un altro aborto spontaneo alla 6a settimana di gravidanza. I medici che hanno avuto cura di me, durante quest’ultima degenza ospedaliera, mi hanno detto che i due eventi vanno considerati come casuali e distinti tra di loro.
Poichè ho ormai il terrore di affrontare una futura gravidanza, sebbene la desideri fortemente, vorrei preventivamente sapere se dovrò sottopormi con il mio compagno ad indagini più approfondite di tipo genetico.
Premetto che per evitare amniocentesi ho scelto di effettuare il DNA test fetale, che in questa gravidanza non ha evidenziato alcuna anomalia. Vorrei gentilmente sapere quando è possibile ricominciare ad avere rapporti sessuali completi e quando eventualmente il fisico è pronto per una nuova gravidanza.
Ringrazio in anticipo per il Suo gentile riscontro. Buon lavoro!

È molto probabile che i due eventi non siano fra loro correlati. Ad ogni modo, per eccesso di zelo eseguirei una consulenza genetica ed alcune indagini specifiche come per esempio la mappa cromosomica, i fattori genici della coagulazione etc.
In realtà, se lei si sente psicologicamente e fisicamente pronta, può anche tentare una nuova gravidanza dopo il primo o, anche meglio, il secondo ciclo spontaneo.
Un saluto

* Il consulto online è puramente orientativo e non sostituisce in alcun modo il parere del medico curante o dello specialista di riferimento

Fai la tua domanda Tutte le domande

Specializzazione

  • Ginecologo