Scegliere di conservare il cordone ombelicale - GravidanzaOnLine
powered bySwiss Stem Cell Biotech

Il regalo più grande che da madre possa farti

La scelta di una madre che sta pensando alla conservazione del cordone ombelicale: una decisione importante per la salute e il futuro.

powered bySwiss Stem Cell Biotech

Non manca molto, ormai, e ogni giorno mi avvicina di più al nostro primo incontro. Però ehi, calma con quei calci! Dicevo: in questo mio immaginario diario della gravidanza tengo il conto di ogni visita, di ogni nostro incontro a distanza. Sto imparando a conoscerti tramite le ecografie, i referti degli esami (i tuoi calci, appunto….), i movimenti e i sobbalzi, i singhiozzi e gli stravolgimenti che hai portato, dentro e fuori.

Ormai inizi a stare stretto, lì sotto: siamo entrati giusto ieri nell’ottavo mese, un ultimo miglio prima di arrivare al momento cruciale. Non te lo nascondo, ho una certa ansia! E lo ammetto: sono curiosa di vedere come sei, di scorgere i segni di una qualche somiglianza tra di noi. Chissà se la troverò al primo sguardo o se, come molti mi dicono, me ne accorgerò quando sarai un po’ più grande.

Ma la cosa più importante è che tu stia bene. Ci sto pensando molto, soprattutto in questi giorni: la scorsa settimana, durante la visita di controllo, il mio (cioè nostro) medico mi ha parlato della possibilità di conservare il cordone ombelicale, una volta che sarai nato. Mi ha detto “pensaci, poi fammi sapere cosa decidi di fare”, dato che l’unico momento possibile per conservarle è uno solo: il momento della tua nascita.

Non ne sapevo niente di questa procedura. E mi ha stupita, questa cosa di non saperne niente: perché adesso che mi sto informando mi rendo conto che è una cosa molto importante. Perché (pensa un po’) nel sangue del cordone ombelicale e nel cordone ombelicale stesso ci sono delle cellule speciali, che aiutano a curare tantissime malattie più o meno gravi.

Tecnicamente si chiamano cellule staminali e si possono raccogliere due differenti tipi di queste cellule: emopoietiche e mesenchimali. Sono cellule molto particolari perché a differenza delle altre non sono ancora differenziate, per questo hanno la capacità di dare origine a diverse altre cellule: le emopoietiche  generano cellule del sangue e del sistema immunitario mentre le mesenchimali hanno la capacità di rigenerare tessuti come muscoli, tendini, e cartilagini del corpo umano. Una proprietà unica, che consente oggi di utilizzare le staminali emopoietiche per diverse terapie: ad esempio per il trattamento delle leucemie o linfomi, di insufficienze del midollo, di anemie, talassemie e molto altro. Tutti nomi che tu non conosci, ma che fanno davvero paura a chi ne soffre. Mi terrorizzano, ora, se le penso in relazione a te.

Non ne sapevo niente e ora scopro che è forse il regalo più grande che da mamma ti possa fare.

Scegliere cosa fare del cordone ombelicale, questo nostro primo legame che è importantissimo oggi ma può esserlo anche in futuro.

Così mi ritrovo, a poche settimane di distanza dal parto, a pensare a cosa fare. La procedura di conservazione del cordone ombelicale non è per niente dolorosa, non si sente niente: il sangue viene raccolto in una sacca apposita mentre il cordone viene tagliato normalmente e poi messo in un contenitore apposito. E mi viene da pensare: allora perché non lo fanno tutte le mamme?

Perché ancora oggi, sorprendentemente, se ne sa poco in materia di conservazione. Sto scoprendo infatti oggi che ci sono due diversi modi per conservare il cordone ombelicale: nel nostro Paese si può scegliere di donare il sangue alla scienza e alla medicina, e in questo caso viene raccolto, analizzato (per essere sicuri che sia utilizzabile) e conservato nelle banche pubbliche insieme agli altri campioni. Qui viene “etichettato” e, quando una persona malata compatibile ne ha bisogno il campione viene spedito al suo ospedale per le cure.

Posso anche decidere di conservare sia il sangue che il tessuto cordonali solo per te o per la nostra famiglia, nel caso in cui qualcuno di noi un domani si ammalasse, e in questo caso conservarli in una banca privata all’estero. Se poi in futuro avessimo bisogno di ricevere cure con queste cellule speciali possiamo recuperare il campione rilasciabile a fini terapeutici e utilizzarlo direttamente.

Penso che fare una scelta sia davvero la cosa più importante, e consente di dare ancora più valore alla tua nascita, che è già inestimabile. È un modo per guardare ancora oltre, per non sprecare un elemento che abbiamo creato noi e che è così prezioso. Io, questa scelta, ho deciso di farla.

Ti è stato utile?
Rating: 5.0/5. Su un totale di 3 voti.
Attendere prego...
powered bySwiss Stem Cell Biotech

Swiss Stem Cells Biotech è stata la prima struttura svizzera ad offrire un servizio privato per la conservazione delle cellule staminali del cordone ombelicale. È l’unica banca privata svizzera certificata FACT-NetCord.

Categorie

  • Cordone Ombelicale