Utero Retroverso

L'utero retroverso consiste in un orientamento diverso rispetto alla norma di questo organo all'interno della cavità pelvica.Nella condizione considerata fisiologica l'utero è antiverso, si trova - cioè - orientato verso l'addome e poggiato sulla vescica, mentre in questo specifico caso segue un'inclinazione che lo porta a disporsi in direzione della colonna vertebrale.

Utero Retroverso
Utero Retroverso

Utero antiversoflesso che diventa retroversoflesso in gravidanza

Sono alla 8+3 e oggi ho fatto la visita e l'eco, tutto bene tranne che rispetto a 3 settimane fa l'utero si é girato all'indietro diventando retroversoflesso! Il ginecologo mi ha detto che probabilmente si sistemerà, ma che non posso stare tranquilla fino alle 15/16 settimana. È frequente questa cosa? Quali sono le cause? Le probabilità di aborto alla 15.ma settimana mi terrorizzano!! Grazie della risposta.

Utero retroverso e dolori

Buongiorno, sono in attesa del primo figlio e sono a 11+1. Diversi anni fa mi è stato riscontrato utero retroverso che mi hanno detto che si girerà da solo durante la gravidanza. Vi racconto quanto successo dall'inizio della gravidanza. Da quando ho scoperto di essere incinta ho sempre avuto dolori al basso ventre e la ginecologa mi disse che era normale e mi disse di prendere il magnesio (che prendo ancora adesso) a Natale sono stata ricoverata per una gastroenterite virale e con l'ecografia mi hanno trovato uno scollamento. Mi hanno detto di continuare con il magnesio e di prendere il progefikk. Per sicurezza ho fatto una visita privatamente e il ginecologo mi ha detto che non era niente di grave, ma di continuare la cura. In questa sede sono stati riscontrati anche due fibromi di circa 2,5 cm. Fatto sta che dopo 2 settimane di cura, sono due giorni che ho dolori lancinanti quando cammino, quando mi siedo, mentre sto seduta, quando mi alzo, addirittura quando sono a letto e i dolori si espandono fino ai fianchi e alla schiena. Ho chiamato la mia ginecologa e mi ha detto che potrebbe essere un'iniezione alle vie urinarie o un problema all'intestino dovuto alla stitichezza o delle contrazioni. Proprio oggi ho fatto esame urine perché glielo dovevo portare mercoledì alla visita, ma è negativo, vado di corpo regolarmente quindi non rimangono che contrazioni. Ma non ho nessun tipo di perdite. I dolori potrebbero essere dovuti all'utero che si sta girando? O potrebbero essere sintomo di aborto interno? Grazie per la cortese risposta.

Utero retroverso: non riesco più a vivere l'intimità con il mio ragazzo…

Salve, ho 19 anni e da pochi giorni ho fatto una visita ginecologica a causa di dolori mestruali forti e dolori durante i rapporti sessuali. Dalla visita è emerso che ho l'utero retroverso. Adesso mi è venuto una specie di blocco. Non riesco più a vivere l'intimità con il mio ragazzo con tranquillità. Immagino che durante i rapporti il pene urti contro il collo dell'utero, e ho paura, anche che magari si possa danneggiare qualche parte del mio corpo. Mi crea disturbo non poter vivere la sessualità con tranquillità. Non voglio rinunciare al sesso a causa del dolore. Non riesco nemmeno a trovare su internet posizioni indicate per questa anomalia. Devo preoccuparmi? Cosa posso fare? E nel caso il pene urti contro il collo dell'utero si possono creare danni? Grazie in anticipo per la risposta.

Gravidanza o altro?

Buongiorno, sono una ragazza di 24 anni e con mio marito stiamo cercando il nostro primo figlio. Premettendo che ho avuto per alcuni anni ciclo irregolare, poi normalizzatosi intorno ai 20 anni sempre tra i 30/32 anni, e che mi è stato diagnosticato utero retroverso e ovaio policistico. Ora è da 3 mesi che stiamo cercando un bimbo e da allora mi si è nuovamente sregolato il ciclo...prima 35 giorni, poi 42 ed ora dal 14 dicembre nulla. Ho avuto per alcuni giorni dolore simile a quello premestruale, a cui si sono aggiunti dolore ai capezzoli (che non mi era mai accaduto) e in alcuni momenti al coccige...non ho nausea se non quando resto a stomaco vuoto, però ho spesso mal di stomaco... Domenica 1/02 ho fatto il test ma è risultato negativo... può trattarsi di un falso negativo? È possibile che io abbia ovulato in ritardo e il valore delle beta non risulti dai test? Ma soprattutto come devo comportarmi? Vi ringrazio per l'attenzione. Buona giornata

Nonostante io abbia rapporti nel periodo ovulatorio, non becco la cicogna...

Salve, ho 22 anni e all'età di 17 anni sono rimasta incinta, ma per vari motivi ho abortito... ho sempre preso la pillola dall'età di 15 anni, ma non regolarmente, per qualche mese smettevo di prenderla (ed è così che sono rimasta incinta la prima volta)... ora sono da 3 mesi che non la prendo, perché vorrei rimanere incinta, ma nonostante io abbia rapporti durante i giorni ovulatori non becco la cicogna... vorrei sapere se in qualche modo un aborto può provocare infertilità, anche a distanza di così tanti anni, o peggio ancora sterilità.... se per caso può essere di aiuto, nel mese di settembre ho contratto una leggera infezione micotica, un episodio di spotting, e in più con una visita ginecologica ho scoperto di avere l'utero retroverso... spero che possiate aiutarmi. Grazie.

Malformazione dell'utero

Buongiorno, ho 32 anni e cerchiamo ad avere un figlio, ho cambiato ginecologo perché mia ginecologa prima non mi ha nemmeno fatta controllare sangue, nè mai misurato la pressione alla visita e quando abbiamo deciso di provare a concepire un figlio mi ha detto: "Sei sana smetti la pillola, non serve aspettare, potete provare subito"… Quindi cambio ginecologo e dopo una visita ginecologica sono stata sconvolta perché finora non mi ha mai nessuno fato diagnosi del genere. Sapevo che l'utero è retroverso, però non lo sapevo della malformazione dell'utero. Dott. scrive: L'utero è retroverso, mobile, gli annesso appaiono liberi. All’ecografia ginecologica transvaginale l'utero appare omogeneo il diametro anteroposteriore, misure 28 mm. L'endometrio in fase escretiva misura 7 mm. In prossimità del fondo si evidenzia una piccola insellatura che non sembra clinicamente rilevante. L'ovaia estra disomogenea, misura 23x 21 mm, mentre l'ovaia sinistra presenta un corpo luteo recente e misura 32 x 18 mm Or mi ha detto di provare a concepire per 8 mesi e se non succeda niente faremo una isteroscopiao una metroplastica isteroscopica. Io ero in shock e non trovavo delle domande sono andata via piangendo e non so a chi rinvolgermi perché non conosco molto nella zona che abito per il trasferimento e vorrei sentire un altra opinione visto che se ne sentono tante. Come mai che dopo tutti 32 anni appena adesso mi vanno a scoprire dopo una visita questo problema? Posso veramente concepire senza dei esami (che in libi della gravidanza consigliano a fare dei esami se come alla futura mamma se come a papa). E quante possibilità ho per concepire un figlio senza intervento? E cosa soprattutto mi consigliate su tutto ciò che e scritto sopra... Noi ormai stiamo provando per 6 mesi e non ha successo nulla nonostante io uso dei test del ovulazione quindi sappiamo che nei giorni della fertilità proviamo sicuramente . Vi ringrazio dal cuore per le risposte, perché vivo malamente questi 6 mesi. Saluti

Quando arriva la cicogna???

Buongiorno, ho 25 anni e mio marito 33. Sposati da 10 mesi circa, da sei mesi tentiamo ma, purtroppo ancora niente. Ho effettuato visita ginecologica (utero retroverso), non ho fatto pap test e nemmeno ecografia però ho effettuato ad aprile i dosaggi ormonali al 7° 14° e 21° giorno... ecco i risultati... AL 7° PM FSH 7,20MLU/ML fase foll 3,5-12,5 fase ovul 4,7 - 7,7 fase lut 1,7-134,8 LH 7.90MLU/ML fase foll 2,4 - 12,6 fase ovul 14 - 95,6 fase lut 1 - 11,4 prolattina 14,20 ng/ml riferimento: 6-29.9 progesterone 0.82 ng/ml fase foll o - o,54 fase ovul 0 - 6,22 fase lut 1,5 -20,0 testosterone 0,24 ng/ml riferimento 0,04 - 0,81 estradiolo 53,53 fase foll 39 - 189 fase ovul 94 - 508 fase lut 48 - 309 al 14° pm FSH 9,50 LH 13,70 progesterone 2,07 estradiolo 59,30 al 21° pm progesterone 12,53 desideravo un parere, anche sull'assunzione del clomid per 3 mesi ... ho preso 1 compressa dal 5° gg per 5 gg ad aprile, ma niente, anche se devo dire che ho visto il muco fertile, cosa che prima no. poi l'ho sospeso qst mese xkè accompagnato al ciclo ho avuto forti dolori dovuti al colon, adesso che faccio... sperando che cmq il ciclo non arrivi :))) sono molto ansiosa ed ho paura. mio marito ha fatto i suoi controlli e dallo spermiogr risulta ok, spermiocoltura enterococcus faecalis 1000 ufc. qst batterio potrebbe essere un problema, lui ha fatto la cura 2 giorni poi sospesa xkè l'antibiotico gli dava disturbi anche perchè lui sta facendo una sua cura con metotrexato e cortisone. quindi medicine su medicine. la prego di tranquillizzarmi. ultima cosa, il mio ciclo arriva tra i 26 e 28 gg la sua durata e di 2 giorni, dal terzo inizia a diminuire, e durante il ciclo ho forti dolori schiena gamba e pancia.

Infertilità dopo aborti spontanei e raschiamenti

Buongiorno, 2 anni fa sono rimasta incinta al 1° tentativo ma all'8 settimana ho avuto un aborto spontaneo dopo aver sentito il battito e mi sono dovuta sottoporre al raschiamento. Dopo 2 mesi io e mio marito abbiamo riprovato a cercare la gravidanza e anche in questo caso sono rimasta incinta al 1° tentativo. Ma anche in questo caso alla 7° settimana ho avuto di nuovo un aborto e successivo raschiamento. Dopo 2 settimane in seguito a forti dolori ho avuto una metrorragia causata da materiale abortivo ritenuto. Ho subito l'ennesimo raschiamento. Dopo allora ho fatto tutti gli esami del sangue, esami genetici e ormonali, pap test ed ecografia intravaginale e tutto è risultato a posto, a parte la prolattina leggermente rialzata. Sto prendendo il Dostinex da 9 mesi e stiamo riprovando a cercare la gravidanza, ma sono 6 mesi che non riesco più a rimanere incinta nonostante rapporti mirati con stick ovulatori. Ho chiesto al ginecologo se fosse il caso di fare un isteroscopia ma mi ha detto che non c’era nessun sospetto di problemi fisici, pertanto non necessaria. Vorrei avere un vostro parere a riguardo. Premetto che ho 31 anni e mio marito 34. Ho l’utero retroverso e ovaie micropolicistiche. Il ginecologo mi ha inoltre detto che non c’è necessità di effettuare lo spermiogramma a mio marito dato che sono riuscita a rimaner incinta precedentemente. Un'altra domanda: è possibile che i raschiamenti mi abbiano provocato dei danni e che dall'ecografia intravaginale non si sia sospettato nulla? Ringrazio anticipatamente per la vostra risposta. Cordiali saluti.

Aborti spontanei e difficoltà a rimanere incinta

Buongiorno Dottore, avrei bisogno di un consulto sulla mia situazione. Ho 31 anni e a settembre 2012 sono rimasta incinta al primo tentativo (premetto che ho l'utero retroverso) ma all'inizio della 9° settimana, dopo aver sentito il battito, la gravidanza si è interrotta e inoltre mi avevano trovato una cisti di 6 cm. Dopo aver subito il raschiamento il ginecologo mi ha prescritto la pillola anticoncezionale per 2 mesi per eliminare la cisti e così è stato. Il mese seguente, su consiglio del medico, io e mio marito abbiamo riprovato a cercare la gravidanza e anche in questo caso al primo tentativo sono rimasta incinta. Nonostante il ginecologo mi avesse prescritto il progesterone ovuli, la gravidanza si è nuovamente interrotta all'inizio della 7° settimana, questa volta senza aver sentito il battito. Mi sottopongo di nuovo al raschiamento. Dopo un paio di settimane avverto forti dolori al basso ventre e sensazioni di malessere, mi prescrivono il Metergin ma dopo qualche giorno mi inizia una forte metrorragia. Mi reco urgentemente in ospedale e subisco l'ennesimo raschiamento. Dopo tutta questa successione di eventi negativi mi vengono prescritti vari esami di controllo, di seguito i risultati (Dagli esami istologici degli aborti non risulta nulla di anomalo) CA 125: 12,10 Esame citologico: normale S-anticorpi antinucleo (ANA,Fan): 1,80 Anticorpi antinucleo estraibili: tutti negativi Anticardiolipina tutti inferiori a 2 Attività protrombinica : 95 inr: 1,10 p-aptt: 32,5 sec e 0,98 ratio p-tempo di trombina 20,3 p-fibrinogeno 2,57 p-antitrombina iii 80 p-proteina s libera 85 p-resist. alla proteina c apcr 2,90 lupus anticoagulant 35 s-crp proteina c reattiva 3,2 p-tsh 1,650 p-ft3 2,91ng/l 4,5 pmol/l p-ft4 9,64 ng/l 12,4pmol/l cariotipo femminile e maschile normale esami ormonali effettuati circa il 9° 13° 19° e 22° giorno 9°giorno: lh 3,51 fsh 4,74 prolattina 13,32 estradiolo 110 13° giorno: lh 16,79 fsh 8,68 prolattina: 18,58 estradiolo 141 progesterone 1,40 19° giorno: prolattina 23,60 estradiolo 120 progesterone 30,50 22° giorno: prolattina 26,15 estradiolo 121 progesterone 15,10. Dopo i seguenti controlli il ginecologo mi prescrive il Dostinex per 4 mesi e di conseguenza ci suggerisce di riprovare una nuova gravidanza (nel frattempo con ecografia vaginale riscontra ovaie micropolicistiche ma nessun altro problema). Sono 6 mesi che tento di rimanere incinta ma senza alcun risultato nonostante precedentemente ci fossi riuscita al primo tentativo. Faccio gli ultimi controlli ormonali dopo 9 mesi di dostinex, eskim (e Dufaston dal 15° giorno del ciclo), di seguito i risultati: 6° giorno: LH 1,65 FSH 4,63 PROLATTINA

Come faccio a capire in quale ovaio avviene l'ovulazione?

Gentilissima dott.ssa, oggi le voglio porgere una domanda. Da poco ho fatto dei controlli, ed ho scoperto di avere un utero retroverso! Il mio ginecologo mi ha detto che posso avere una gravidanza, ma dipende da quale ovaia avviene l'ovulazione! Come faccio a capire in quale delle 2 avviene? Nel ringraziarla le porgo i miei più distinti saluti.

Medico Risponde - Ginecologo

Utero basso: devo preoccuparmi?

Caro Dottore, sono alla 12 settimana di gravidanza e dall'ultima eco risulta che il feto sta bene, c'è attività cardiaca regolare e finora è tutto nella norma. Qualche sera fa ho avvertito qualche fitta intra-vaginale ma senza alcun tipo di perdita, mi sono recata per un controllo dalla ginecologa e ha riscontrato l'utero in basso. Ciò non so se può essere dovuto al fatto che io abbia l'utero retroverso oppure sia un fatto costituzionale. Sono una ragazza molto ansiosa e questa notizia non mi fa stare tranquilla. Non so che cosa comporti tale posizione dell'utero e sinceramente sono molto preoccupata che possa succedere qualcosa al bambino. Non so cosa fare o cosa pensare, mi aiuti a capire meglio. Grazie

risponde

Medico Risponde - Ginecologo

Gravidanza con mioma, minaccia e riposo

Gentile dottore, sono alla 14 settimana di gravidanza con un mioma di 10 cm (inizialmente di 8 cm) e utero retroverso. All'11 settimana (1 agosto) ho avuto una minaccia d'aborto con lieve distacco di placenta, sono stata ricoverata in ospedale per 4gg con tranex e prontogest. Mi hanno consigliato il riposo (non assoluto) e 5 fiale di lentogest. Dopo l'ultrascreen del 9 agosto il risultato è stato nessun avvistamento di distacco e bimbo in ottime condizioni. Il 15 agosto ho iniziato ad avere delle perdite marrone scuro che si sono schiarite e diminuite nell'arco di una settimana (questo pur essendo stata a riposo). Il 22 agosto dopo la visita il mio ginecologo ha detto che il bimbo ha preso una buona posizione per ora non si premono (il mioma e il bimbo) e che devo continuare altre 5 fiale di lentogest, non è necessario il riposo assoluto e posso fare una piccola passeggiata se voglio. Le chiedo: per la mia situazione è meglio restare a casa o posso due volte a settimana spostarmi per andare a trovare i miei genitori a 9 km da casa mia? Sarebbe meglio trasferirmi da loro o visto che a casa avrei l'aiuto di mio marito posso restarci tranquillamente (anche se rientra alle 18 dal lavoro)? Preciso che sono sola e non ho altri bambini da accudire. Il mio ginecologo mi ha detto fin da principio che è possibile che non porti a termine la gravidanza. Quanta percentuale ho? Le perdite marroni che ho avuto potrebbero ripresentarsi? È il mioma a scatenarle? La ringrazio per la cortese disponibilità, confido in una sua risposta pur capendo la mole di mail che ricevete. La saluto cordialmente.

risponde