Prurito intimo (prurito vaginale)

Il prurito intimo, nelle donne, si manifesta come una fastidiosa sensazione di bruciore e formicolio localizzata nei genitali esterni o interni.
Si parla di prurito intimo esterno nel caso in cui questo interessi la vulva, ovvero le piccole e grandi labbra, il clitoride e l’orifizio urinario, mentre viene detto prurito intimo interno quando riguarda la vagina, ovvero il tratto che unisce il collo dell’utero ai genitali esterni.

Può avere diversi sintomi e diverse cause: se il prurito intimo dipende da un’infezione (ad esempio candidosi, vaginosi, herpes vaginale) può presentarsi con bruciore, fastidio e dolore al basso ventre, e essere accompagnato da perdite vaginali biancastre, giallognole e in alcuni casi anche da perdite di sangue.

Il prurito intimo può essere anche provocato da reazioni allergiche a detergenti o saponi, o alla biancheria intima:vi spieghiamo come riconoscere il prurito intimo anche in gravidanza e quali sono i segnali da tenere monitorati.

Prurito intimo in gravidanza: cosa fare quando il fastidio si concentra

Articolo

Prurito intimo in gravidanza: cosa fare quando il fastidio si concentra "lì"

Diverse donne provano un fastidioso prurito intimo in gravidanza, che può avere cause molteplici. Vediamo quali sono e come si può risolvere.

Esperto Risponde - Ginecologo

"Prurito, irritazione e bruciore intimo: cosa può essere?"

Buonasera,ultimamente soffro di prurito, irritazione e bruciore alla vagina già da qualche settimana. Ho provato Vagisil, bhepantenol, gine Tantum.Ma danno sollievo per poco tempo, poi si ripresentano e stasera ho anche notato una piccola perdita di sangue. Poi ho anche notato una piccola pallina sottopelle sulla zona del monte di Venere quasi vicina alle labbra non dolorante.Posso avere consiglio su ...

Discheratosi: cosa succede se il pap test dice che qualcosa non va

Articolo

Discheratosi: cosa succede se il pap test dice che qualcosa non va

La discheratosi è un'alterazione delle cellule epiteliali che può interessare anche la mucosa vaginale: viene individuata dal pap-test e può segnalare l'infezione da HPV.