Pressione Alta in Gravidanza

Si parla di pressione alta in gravidanza quando il valore della pressione minima sia uguale o superiore a 90 e la massima, invece, risulti uguale o superiore a 140 mmHg.Nel corso delle prime settimane di gravidanza la pressione diminuisce gradualmente fino a raggiungere un valore medio di 75 mmHg di pressione arteriosa diastolica, il quale verrà mantenuto nel corso del primo e del secondo trimestre di attesa.

Pressione Alta in Gravidanza

Preeclampsia (gestosi): sintomi, diagnosi e rischi

Preeclampsia (gestosi): sintomi, diagnosi e rischi

La preeclampsia è una grave complicanza della gravidanza che interessa sia la madre che il feto ed è la principale causa di parto prematuro. Tra i sintomi con cui si presenta ci sono proteinuria, edema e ipertensione.

Fossetta sacrococcigea

Salve, ho intenzione di avere un’altra gravidanza, ma la prima nato prematuro a 32 settimane per pressione alta (160-100), da quando è nato ha in pratica sopra l'ano una fossetta sacrococcigea a fondo cieco, non esce nulla, la tengo sempre pulita, mi è stato detto che è una spina bifida che si è interrotta e mi hanno consigliato di prendere acido folico 6 mesi prima del concepimento per una futura gravidanza, è vero? E poi ancora che è una spina bifida occulta questo mi spaventa se voglio avere un altro bambino. Lei cosa mi dice?

Sbalzi di pressione

Buongiorno dottore, sono alla 28 settimana di gravidanza. Lunedì ho misurato la pressione ed era 158/72. Il giorno dopo era 142/74. Mi sono quindi recata al pronto soccorso e la misurazione risultava normale 120/70, e mi hanno detto di tornare lì nel caso in cui fosse stata superiore a 140/90. Oggi la mia pressione è 147/75. Le preciso che non ho mai sofferto di pressione alta, ed anche in gravidanza la misurazione era intorno ai 70/120. Come devo interpretare questi sbalzi? Come mai sale solo la massima, mentre la minima resta più o meno stabile? Cordiali saluti

Controllo pressione

Buongiorno, sono allamia prima gravidanza e mi trovo alla 26 settimana. Al controllo la mia ginecologa mi ha detto di controllare la pressione per almeno 3 giorni in quanto soffro di pressione alta e assumo gia aldomet da250 in piùassumo polimag fast una volta al giorno. Vedendo i risultati dellamisurazione della pressione abbiamo visto che quando sono a riposo o che dormo abbiamo valori compresi tra 115/125 su 65/80, mentre se mi trovo a lavoro in ufficio o sbrigo faccende a casa la pressione oscilla tra 138/150 su 80/90. Sono valori preoccupanti o sono valori normali in gravidanza? Grazie per la cortese risposta

Ipertensione e rischio gestosi

Salve dottore, sono alla mia terza gravidanza e sto per entrare nella 10 settimana. Come mi è successo nelle due passate gravidanze, sono di nuovo ipertesa e rischio di nuovo la gestosi. Ma stavolta il rialzo pressorio si è presentato da subito: stamattina la pressione era 137/88. Lo sconforto è di quelli totali: speravo di poter passare l'ultima gravidanza della mia vita senza questo problema, anche perché ero tranquilla sul fatto che tanto stavo prendendo Cardioaspirin 100!!! Mi chiedo, quale terapia è DAVVERO risolutiva per la pressione alta in gravidanza (oltre al parto pretermine, ovviamente)? Ero una gran fumatrice, ora con la gravidanza ho smesso, mangio con poco sale, evito di arrabbiarmi, bevo moltissima acqua, mi riposo davvero spesso. È consigliabile coadiuvare alla cardiospirina anche l'aldomet (usato per la seconda gravidanza)? Insomma, non ce la faccio più e ho uno sconforto davvero totale, mi viene solo da piangere. Grazie mille per l'eventuale risposta!

Terza gravidanza: si possono prevenire ipertensione e gestosi?

Salve, sono una ragazza di 34 anni ed ho appena scoperto di aspettare il terzo figlio (sarò intorno alla 5 settimana). Le due mie precedenti gravidanze si sono concluse con parto spontaneo in entrambi i casi alla 36 e 37 settimana, entrambe per ipertensione e ritardo di crescita fetale (il primo bimbo pesava 2,800 alla nascita, il secondo pesava 2,710). Soffro di pressione alta in condizioni normali e, anni fa, ho avuto una tromboflebite curata poi con eparina. Dal terzo trimestre della mia seconda gravidanza il ginecologo mi prescrive Aldomet 250 che, nei primi giorni ha funzionato. Pian piano mi sono trovata ad avere una pressione sempre più alta fino al giorno del parto con una pressione di 150/100. E questo in un tempo davvero repentino (una decina di giorni, forse). Mi domando: tra pochi giorni avrò la prima visita con la ginecologa. È utile cominciare a parlare di eparina per prevenire forme di preeclampsia (so che in gravidanza l'eparina non cura una gestosi già avviata, ma la previene) anche per questa volta cercando così di arrivare al termine delle 40 settimane senza ritardi di crescita per il feto? La ringrazio dell'attenzione e della cortesia.

Pressione alta in gravidanza!

Salve. Sono alla 34 settimana. Sto monitorando la pressione e risulta sempre alta, oltre i 90-140 a meno che non la rilevo sdraiata sul fianco sinistro (come consigliato dal mio ginecologo). Oltre a questo ho spesso mal di testa e ultimamente di notte mi fanno male le mani. Sono già stata al pronto soccorso ma non hanno rilevato nulla di anomalo. Cosa devo fare? Grazie

Dieta in gravidanza

Buongiorno dottore, ho 31 anni e con il mio ragazzo abbiamo pensato che sia giunto il momento di pensare di aver un bambino. Ma ho parecchie paure a riguardo anche se mi documento spesso... vede siamo entrambi molto robusti per le nostre altezze. Io alta 165 e peso 107 kg, lui 180 di altezza e pesa attorno ai 100kg. Parlando tempo indietro con un dottore, mi ha detto che devo aspettare di dimagrire almeno fino ai 70/80 kg per aver una gravidanza, ma sinceramente anche se mi piacerebbe perderli tutti questi kg, ahimè sono tanti e sarebbe tanto anche l’attesa. E dato che ho 31 anni non voglio attendere altri anni, la mia domanda è: anche se ho questo peso, posso procedere ugualmente con un concepimento o è un rischio? Come farmaco assumo la pastiglia per la pressione alta, da 154/90 (che avevo mesi indietro) sono passata a 125/80 una settimana fa. C’è una dieta apposita che posso eseguire dal momento della gravidanza che non mi faccia ingrassare i fatidici 14kg?! Che mi consiglia di fare? E un’ultima domanda: il mio ragazzo è gemello è possibile che avremmo anche noi dei gemelli? Grazie

Depressione durante la gravidanza

Salve,spero che lei possa aiutarmi a capire se è normale come mi sento... ho 26 anni e sono alla 7 settimana di gravidanza... da una parte son felice, ma soprattutto non riesco a immaginare di essere veramente in attesa di un bimbo e non so nemmeno se sono sicura che potrei essere all'altezza di fare la mamma... le motivazioni sono tante...ho sofferto di numerose depressioni da 10 anni a questa parte per via di molti eventi tragici nella mia famiglia: mio padre quando avevo 14 anni si è ammalato del morbo di non hogdking e ha fatto vari stadi di chemioterapia poi l'autotrapianto delle sue cellule staminali, il giorno in cui ho compiuto 17 anni mio fratello è morto in incidente stradale e lì è morta una parte di me... un mese dopo mio fratello, è morto mio cugino, sempre di incidente stradale... 4 mesi dopo mia nonna ha scoperto di avere un tumore ormai in metastasi e il mese successivo è venuta a mancare... mio nonno è quindi venuto a vivere con la mia famiglia, ma l'anno dopo io e mia mamma l'abbiamo trovato morto in camera per via di un ictus fulminante...nel mentre, io ho vissuto una vita molto sregolata fatta di momenti di ribellione, poi di depressione, che però ho sempre superato da sola...purtroppo però ho continuato sempre a vivere con l'angoscia per mio padre, perché dopo la morte di mio fratello ha avuto una ricaduta della malattia, si è curato nuovamente con la chemio però quando ormai sembrava che le cose andassero bene gli hanno diagnosticato leucemia acuta e anche lì gli hanno dato un mese di vita... ma per fortuna mio zio era compatibile e gli ha donato il midollo quindi sempre sotto cura, deperito, però mio padre è sopravvissuto anche a questo...poi ho conosciuto mio marito in un periodo abbastanza felice della mia vita, e tutto è andato per il meglio, anch'io sembravo rinata, ma come sempre le cose brutte ritornano... infatti a mio padre, che sembrava stesse finalmente trovando un periodo tranquillo, è stato diagnosticato un tumore alla mandibola ed essendo un caso molto grave siamo dovuti andare a vivere 6 mesi a Parma, dove è stato operato e curato con radioterapia. Mio marito era lì con noi, è stato un angelo, e mio padre e la mia famiglia sono grandiosi, fortissimi, riescono a superare tutto...poi mio padre è stato nuovamente male per via della radioterapia e con mio marito (al momento eravamo fidanzati e vivevamo lontani dalla famiglia migliaia di km) abbiamo deciso di sposarci, soprattutto perché io temevo per mio padre e volevo che fosse lui a portarmi all'altare...dal giorno del mio matrimonio mio padre si è ripreso, ha avuto una ripresa formidabile... ora sono quasi 2 anni che sono sposata, l'anno scorso però ho avuto una crisi depressiva molto brutta, che mi portava a credere di non amare più mio marito, di non essere degna di combinare nulla nella vita, ero svogliata, non badavo più alla casa, non avevo più interessi, dicevo sempre che volevo reagire e dall'indomani iniziare a andare a camminare, a riprendere a fare le spese, badare alla casa... e invece poi non facevo mai nulla, avevo sempre senso di stanchezza e sonno. Ma grazie all'aiuto di mie sorelle e all'amore e la pazienza di mio marito mi sono risvegliata da quell'incubo e mi son resa conto di cosa stavo diventando e che stavo gettando al vento l'amore della mia vita... e per cosa?? Non lo so nemmeno io... ricordo che soffrivo moltissimo, sempre piangendo, mi veniva sempre più spesso da piangere mio fratello... ero entrata in crisi soprattutto perché eravamo rimasti senza lavoro sia io che mio marito e stare sulle spalle delle famiglie era molto snervante, e ovviamente non facevamo più vita mondana, non potevamo certo uscire senza soldi…ora era tutto passato, mio marito lavora, io no, ci siamo ritrovati come coppia e io lo amo tantissimo… avevamo deciso sei mesi fa che potevamo provare a fare un figlio, lo volevamo entrambi, però dicendo la verità non ci aspettavamo che io restassi incinta così in fretta... stavamo infatti aspettando che entro l'anno vorremmo comprare casa... quando abbiamo scoperto del bambino eravamo entusiasti... da una parte lo siamo ancora, anche se siamo molto increduli.. però io ora sto notando che mi sto lasciando andare, non mi sto più curando (a parte il mangiare che sto evitando tutte le cose nocive), non ho più voglia di curare la casa, sono sempre stanca e assonnata... e ho paura che sia una ricaduta di depressione... anche perché ho paura... non so se sarei brava come mamma, non mi ci vedo... ho sempre pensato che saremmo stati genitori bravissimi, però ora non riesco nemmeno a immaginarmi con un figlio... forse perché non avendo nemmeno una casa nostra ma essendo in affitto è difficile pensare che riuscirò a dargli quello che serve al bambino... oddio è tutto complicato... io ho paura che non potremo materialmente supportare alle sue esigenze e che io come mamma sarei un disastro... non so se è perché ancora non ho fatto nemmeno la prima ecografia e sento tanto parlare anche di aborti nei primi mesi... è come quando sento una tragedia al telegiornale.. mi colpisce ma non è come quando la vivi in prima persona... la sensazione è la stessa... che non stia succedendo veramente... è troppo strano.. sto leggendo riviste, forum, ma non riesco a credere che sia vero è come un rifiuto.. e ora questo mio comportamento trascurato e queste mie paure mi fanno temere una depressione... la prego mi dica se è normale o se devo davvero preoccuparmi... perché leggo sempre di depressione post-partum che è comune e può succedere... ma di depressione in gravidanza non ho mai letto nulla... quindi sono io che sono "sbagliata"??La ringrazio e attendo sua risposta

Sindrome adreno-genitale non classica ad insorgenza tardiva

Salve, Le scrivo perché anni fa mi diagnosticarono questa malattia rara, però l'endocrinologo che mi faceva la luce pulsata sul viso (avevo un forte e marcato irsutismo al viso, niente problemi nella zona genitale e peluria normale nel resto del corpo) mi sospese la cura che facevo con Decadron 0,5 perché ha detto che un domani per una gravidanza non sarebbe stato indicato e sospesi la pillola dopo 11 anni, e ho iniziato dal Diane, poi Harmonet, poi Fedra.Adesso ho già avuto una bimba, la gravidanza è finita bene anche se con un TC di urgenza alla 39esima settimana per placenta vecchia e gestosi, dalla pubertà sono ipertesa in modo curioso: sbalzi di pressione, da bassa a alta e questo ha danneggiato subito la placenta già dai primi 3 mesi.Adesso sono al 6mese di gravidanza, la bimba è minuta, la morfologica dice che è tutto ok, adesso prendo aldomet 250mg/2die e semel/2die. Può essere che le mie figlie siano portatrici sane visto che io sono la "malata"? E inoltre è per questo che ingrasso facilmente pur seguendo una dieta bilanciata e povera di carboidrati, specialmente adesso (nella prima gravidanza ho preso oltre 20kg, adesso alla fine del 6 mese sono a 5,5 Kg) e dimagrisco con grande difficoltà? Ho da sempre ballato con il peso, sono arrivata a pesare 95kg al primo anno di università, nel 2000, ho iniziato la prima gravidanza a 82Kg, e questa, dopo 3 anni e mezzo di distanza, a 72Kg, ma non riesco a scendere più di tanto e per mantenerlo devo fare grossi sacrifici. Sono alta 169cm, non so quanto sia la mia massa di adipe ma vorrei sapere se questa SAG ad insorgenza tardiva oltre a chiudere prima lo sviluppo del mio apparato scheletrico può inibire il mio metabolismo e contribuire alla mia altalena di peso. Il mio ginecologo e il nefrologo che mi seguono mi accusano di mangiare troppo, io piango perché invece faccio tantissimo per non aumentare di peso eppure salgo lo stesso.La ringrazio per la risposta che mi darà

Medico Risponde - Ginecologo

Gravidanza over 40

Ho una bambina di quattro anni, avuta a 36, al settimo mese di gravidanza ho avuto la trombosi della placenta, alla fine del nono mese a tempo ultimato un giorno prima di partorire ho avuto la pressione alta, mi hanno fatto il cesareo, in quanto dopo mi hanno detto che avevo il collo dell'utero stretto e duro, gestosi e cordone ombelicale corto, premetto che già del settimo mese mi sono cominciata a gonfiare ed avevo degli edemi alle gambe. Secondo lei, visto anche l'età oggi 40, è possibile affrontare una seconda gravidanza? Io sinceramente ho moltissimi dubbi, grazie.

risponde

Medico Risponde - Genetista

Rene policistico e ipertensione

Gentile dott.re, sono una ragazza di 22 anni affetta da rena policistico autosomico dominante. La malattia l'ho ereditata da mio padre (ha 49 anni e non ha particolari problemi, a parte sottoporsi a controlli periodici) e mia nonna (deceduta 10 anni fa dopo 15 anni di dialisi). Io dalla nascita presento cisti ad entrambi i reni e soffro di ipertensione arteriosa per la quale prendo 10mg di enepren al giorno. La mia pressione grazie alla pillola verte sui 120/70, raramente è più alta. Il mio quesito è questo: in un futuro desidererei avere un bambino, quali sarebbero i rischi per me e per lui? Riuscirei a portare a termine una gravidanza? La ringrazio per l'attenzione.